Interruzione terapeutica di gravidanza: intervista a Simona Sparaco

Dare voce al lutto.
Sintonizzarsi sul dolore della perdita, mettersi in ascolto, al di là di ogni barriera (linguistica, cognitiva, ideologica, religiosa, politica, sociale).
Condividere le esperienze, e trarne saperi, parole che curano e lenire le ferite. Rispettare, rispettar-si, ed attraversare la palude in cui le donne, le coppie, i genitori che perdono i figli sono costretti a nuotare. Per molti mesi, per anni, anche contro la loro volontà.

Read more...

Gli accertamenti nella morte in utero: l’autopsia

Intervista a Gaetano Bulfamante

a cura di Claudia Ravaldi, medico psicoterapeuta, fondatore e presidente di CiaoLapo Onlus,  

Gaetano Bulfamante è Professore Associato di Anatomia Patologica, Università degli Studi di Milano, Direttore Sezione di Anatomia Patologica, Dipartimento di Scienze della Salute, Università degli Studi di Milano; Direttore della U.O.C. di Anatomia Patologica, Citogenetica e Patologia Molecolare, A.O. San Paolo di Milano.

Read more...

La visita ginecologica dopo una morte in utero.

di Laura Avagliano

Medico Chirurgo Specialista in Ostetricia e Ginecologia Dottore di Ricerca in Scienza dello Sviluppo Prenatale, Diagnosi e Terapia Fetale. Assegnista di Ricerca presso l’Università degli Studi di Milano, Ospedale San Paolo.

La prima visita ginecologica dopo una perdita fetale è un momento delicato che prevede sia una dettagliata indagine anamnestica sia una valutazione “fisica” della donna.
Esistono molte linee guida internazionali riguardo alle indagini da eseguire in caso di morte endouterina, non esistono invece linee guida che suggeriscano la modalità di approccio alla prima visita. Tuttavia le più avanzate ricerche scientifiche e i vari gruppi di studio concordano su alcuni punti basilari. Vediamo dunque cosa è importante sapere e cosa sarebbe opportuno venisse fatto in sede di visita successiva alla perdita in utero di un bambino.

Read more...

L'Amore consapevole - 15 Ottobre 2013 BabyLoss Awareness Day

Arriverà un altro quindici ottobre. Il settimo per me, il primo per molti genitori, una data come un'altra per chi non conosce la realtà del lutto in gravidanza e dopo la nascita.
Una data, un giorno, 24 ore. Che senso ha "celebrarla"? Che senso ha ricordare tutti insieme in tutto il mondo i nostri figli fisicamente lontani e conosciuti per un soffio, ma ad oggi amati come e più del primo giorno? Che senso ha rischiare di soffrire, riaprendo le nostre ferite traboccanti di affetto? E ancora, ha senso "intristire" o "spaventare" chi non sa? Ha senso esporsi al mondo come "genitori in lutto"? O sarebbe meglio tacere, chiudersi, sforzandosi di dimenticare il 15 ottobre, il suo significato, l'onda di luce e tutto quanto?

Read more...

Il contatto col bambino. Documento internazionale

Assistenza alle famiglie colpite da morte in utero: un position statement internazionale sul contatto con il bambino

Versione italiana a cura di Claudia Ravaldi e Alfredo Vannacci del documento Warland J, Davis DL, et al (2011) Caring for Families Experiencing Stillbirth: A unified position statement on contact with the baby. An international collaboration.

Autori: Joanne Cacciatore, Jillian Cassidy, Line Christoffersen, Liz Conway, Mairie Cregan, Vicki Culling, Deborah Davis, Pat Flynn, Sue Hale, Suzanne Helzer, Sherokee Ilse, Cathi Lammert, Rana Limbo, Joann O’Leary, Suzanne Pullen, Ingela Rådestad, Claudia Ravaldi, Janne Teigen, Alfredo Vannacci, Jane Warland

 

Read more...

Stelle Cadenti - Affrontare il lutto dopo l'interruzione terapeutica di gravidanza

CiaoLapo non pretende di mettere in discussione la moralità della decisione di subire o no un’ interruzione terapeutica di gravidanza (ITG), ma vorrebbe piuttosto offrire un sostegno alle famiglie che hanno perso un bambino/bambina durante la gravidanza.

La decisione di fare un ITG e’ molto personale e ci sono tanti fattori (i consigli medici, la vita che avrebbe il bambino/a nel mondo, potenziale rischio di vita per la mamma, una società che ha difficolta’ ad accettare le differenze ecc.) che portano una famiglia a fare una scelta cosi’ dolorosa. Quindi, vi preghiamo di rispettare il dolore di coloro che avrebbero bisogno di sostegno.

(Una piccola avvertenza: non sono italiana per cui mi scuso per le mie imprecisioni linguistiche.)

Read more...

Statuto

Articolo 1

E' costituita ai sensi degli artt. 14 e seguenti del Codice Civile l'associazione “CiaoLapo ONLUS”

 

Articolo 2

L'associazione ha sede in Prato alla via Molino di Filettole 8.

Le riunioni degli organi dell'associazione potranno legalmente svolgersi anche presso altre sedi di privati, associazioni ed enti che lo consentano.

 

Articolo 3

L'Associazione non ha scopo di lucro, persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, ed ha carattere apolitico ed apartitico ed in seno ad essa è vietata qualsiasi manifestazione di tale natura.

 

Read more...
Subscribe to this RSS feed