L'inganno della scaramanzia

  • claudia
  • Avatar di claudia Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha creato la discussione L'inganno della scaramanzia

Quante volte vi è capitato di pensare: era meglio se non lo dicevo a nessuno?
O: lo dicevo io che comprare i vestitini era sbagliato!,
O: la prossima volta, finchè non è a casa, non gli compro neanche un calzino?, non preparo il lettino, non mi compro nessun abito premaman....

La superstizione è un meccanismo di difesa, che noi crediamo possa proteggerci dalle disgrazie.
Non funziona affatto, per il semplice motivo che non possiamo decidere come andranno le cose, perchè non possiamo scegliere come cambiare il nostro futuro.
E nonostante ciò, in automatico, è tutto un pullulare di se, ma, era meglio questo o quello, a scopo antidolorifico.
Col rischio che semplicemente ci allontaniamo dal modo migliore per affrontare questo evento di perdita, e cioè l'accettazione, della sorte e del dolore.
Molto spesso infatti, soprattutto pensando a gravidanze future, ho sentito persone in balia dell'ansia dire: stavolta non mi affeziono, non compro, non penso finchè non esce...riflettiamo un attimo sull'amore che abbiamo avuto per i nostri piccoli, e su come quell'amore si è nutrito di fiocchi, ricami, scarpine e massaggi alla pancia...perfavore, non facciamo questo ai nostri figli futuri, amiamoli allo stesso modo, con la stessa partecipazione (o con più libertà, se abbiamo avuto troppe superstizioni inutili nella gravidanza precedente).
E affrontiamo l'ansia, che spesso ci accompagna, senza nutrirla.
Voi che ne pensate?

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#39
Ringraziano per il messaggio: SAMY81, spilla75, dily, SANTA76, franci81, Giusy79, Annina, ela, eli72, Betty81 e 9 altre persone hanno anche detto grazie.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 61
  • Ringraziamenti ricevuti 20

carla ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

hai ragione nel dire queste cose, ma è poi molto molto difficile qando ti trovi nella situazione vera. Con la morte di Irene nata perfettamente sana, abbiamo capito che nulla nella vita è mai certo, non puoi fare un bel sospiro di sollievo quando il tuo bambino viene al mondo, tutto nella vita può cambiare, tutto nella vita può finire. Quando abbiamo saputo di aspettare Chiara eravamo molto felici, ma io ho vissuto i nove mesi di attesa abbastanza in silenzio anche se la mia pancia è stata visibile fin dal terzo/ quarto mese. Per rispetto ad Irene che non c'era più, a Matteo che aveva già vissuto un lutto a soli 5 anni di vita, e per rispetto alla piccola briciola che arrivava in una famiglia che aveva già sofferto, avevo spiegato anche ai nonni che per me non era facile diventare mamma di nuovo, avere di nuovo fra le braccia una piccola che pur senza volerlo ci avrebbe dato tanta gioia ma ci avrebbe fatto tornare con i ricordi alla breve vita di Irene. Che sciocca sono stata!!!Il mio rimpianto è proprio di non essermi goduta appieno la gravidanza per paura e così oggi rimpiango quei giorni e il mio non essere stata capace di vivere appieno quel tempo, \"Carpe diem\". Non ho comprato tante cose come ho fatto per i nostri primi due bimbi, non ho mai finito di preparare la culla, la carrozzina, non ho comprato nè i pannolini, nè i regali per i fratelli maggiori. Avevo dato disposizioni a mio marito di farlo \"scaramanticamente\" subito dopo la nascita di Chiara. Se poi penso che dieci giorni prima del parto ho detto a mia mamma \"adesso aspettiamo per comprare altre cose, pensa se dovesse morire!\" mi sembra assurdo....Ho chiamato la cattiva sorte? No, non sarebbe cambiato nulla, ma se non lo avessi detto forse oggi non avrei questi sensi di colpa per non avere goduto appieno del tempo che mi è dato da vivere....
Ma la realtà è un'altra cosa e mi pareva che quei gesti e quelle frasi scaramantiche mi aiutassero a tenere a bada l'ansia con cui una mamma che ha perso un figlio affronta un'altra gravidanza....Non serve a nulla questo l'ho dovuto imparare dalla mia esperienza. Chissà....
Un saluto
Carla
#41

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 63
  • Ringraziamenti ricevuti 8

Laura ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

Condivido le parole di Claudia, ma come si dice:?Fra il dire e il fare c?è di mezzo il mare?.
Certamente lo stato psicologico che ti accompagna in queste gravidanze è molto particolare, contrastato da una parte dall?immensa felicità e dall?altra dal peso, dall?ansia e dall?incubo di poter rivivere la stessa esperienza.
Io sono stata una di quelle che non ha mai comprato niente, non ho voluto preparare niente e fra l?altro non ho nemmeno voluto sapere il sesso (questo anche perché, quando persi Elia i medici mi dissero che è statisticamente provato che la MIF si presenta con molte più probabilità nei bimbi di sesso maschile), ?. Mai comunque ho potuto pensare di non affezionarmi al mio bimbo, così come non ho mai messo in discussione il mio amore verso di lui ? anzi i bimbi che arrivano dopo certe esperienze sono più coccolati, mi sono soffermata molte più volte a concentrarmi sul mio stato di gravidanza, cercando un calcetto oppure accarezzando il mio pancione ?. Niente è dato per scontato per noi mamme speciali, quindi viviamo le gravidanze future con un coinvolgimento maggiore ? per lo meno per me è stato così! ?. Il ?superfluo? viene lasciato in disparte e quindi ciò che risalta veramente è l?essenza della cosa, ovvero la vita che cresce in te!
Le mie scelte sono state motivate dall?ansia che mi ha accompagnata per tutto il periodo e il vivere questa esperienza in modo diverso mi ha fatto da ?scudo?, mi è sembrato così di potermi difendere!
Sinceramente non ho nessun rimpianto nell?aver vissuto la gravidanza di Alberto in questo modo, sicuramente anche perché ha avuto un risvolto positivo ?.. probabilmente se anch?io lo avessi perso oggi non parlerei in questi termini.
Vorrei inoltre riferirmi a Carla, la cui storia mi ha colpito incredibilmente ed alla quale non ho molte parole da dire, non ho niente da consigliarle, lei più di me sa cosa vuol dire affrontare la vita ? ma mi permetto di sottolineare una cosa: ? sobbarcarsi di ulteriori sensi di colpa appesantendo uno stato d?animo già provato da certe incredibili esperienze di vita è disumano ? non possiamo crearci sensi di colpa o rimpianti davanti a scelte che siamo state ?costrette? a fare: certi atteggiamenti, certe parole, certi gesti sono sempre motivati da qualcosa che va al di là della semplice razionalità. In colpa si deve sentire la mamma che rifiuta la sua gravidanza, che decide di abbandonare il proprio figlio appena nato, ma non noi che siamo per prime vittime di un destino che non ci ha proprio voluto bene.

Un abbraccio.
Laura
#42

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 203
  • Ringraziamenti ricevuti 44

amanda ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

Io sono stata una super scaramantica......
Ho detto subito a tutti che ero incinta, ma nei primi tre mesi sono stata con i piedi per terra, perchè si sà, il rischio c'è, poi ho aspettato i risulatati dell'amniocentesi, poi ho aspettato la morfologica e, intanto il mio piccolo aveva già iniziato a farsi sentire, ma io continuavo ad avere un atteggiamento un pò schivo, poi finalmete, il 17 marzo, il giorno dopo il mio compleanno, ha sei mesi passati, ho preso il coraggio, pensando \"oramai è fatta\" e sono andata a mettere la lista di nascita, solo allora ho iniziatoa fare quadretti ricamati e bavaglini, solo allora ho comprato i primi calzini......
Mi ricordo ancora che il 7 luglio, quando ormai avevo già finito il tempo, un giorno prima della tragedia......io e mio marito abbiamo montato la camera e il trio, ma non sò perchè ghigo (marito) mi disse \"il seggiolino nella macchina però non lo monto, per scaramanzia\".........e infatti quell'ovetto è ancora nella sua camera con il cellophan sopra.
Ora, alla luce dei fatti mi dico, ma tutta questa scaramanzia a cosa è servita!!!!!!
La prossima gravidanza l'affronterò con molta ansia e apprenzione, ma mi sono ripromessa di non essere assolutamente scaramantica, tanto è soltanto una forma di difesa, un qualcosa per allontanare le disgrazie, ma come purtroppo abbiamo potuto constatare non ha molto effetto, quindi preferisco vivere appieno tutte le emozioni che una futura gravidanza mi darà.
Un abbraccio a tutte
Amanda
#43

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • claudia
  • Avatar di claudia Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

E' vero, tra il dire ed il fare, c'è di mezzo il ...pensare! La nostra mente, in base ad esperienze passate e alla \"registrazione\" di emozioni forti, finisce per produrre delle simpatiche strategie di adattamento, automatiche e spesso del tutto diverse da quello che noi penseremmo essere \"il modo giusto o migliore\" di affrontare le cose. Il nostro pilota automatico si attiva in moltissime occasioni, e soprattutto quando ci troviamo a dover affrontare situazioni che ci sembrano troppo simili ad esperienze in cui abbiamo molto sofferto...in teoria, sarebbe un meccanismo di protezione, per renderci immuni dal dolore, dalla rabbia etc...in pratica, può diventare una tortura cinese, perchè di fatto ci impedisce di vivere consapevolmente, un momento alla volta, come momento a sè. Semplicemente, il pilota automatico, crea lunghissime catene di pensieri, emozioni, ricordi, e li somma l'uno all'altro, aumentando le sensazioni di dolore, paura o incapacità a gestire il momento. In aggiunta a questo, quando c'è di mezzo una situazione sofferta come la perdita di una persona cara, il meccanismo automatico può intervenire semplicemente rendendo difficile l'elaborazione del lutto, allontanandoci dal dolore, anzichè insegnarci a trovare le risorse, interne ed esterne, per superarlo.
Due parole a Carla: cara Carla, la tua storia di super mamma merita affetto, attenzione, comprensione. Non c'è nulla di sbagliato, in quello che racconti, non hai commesso errori, e non hai colpe. Semplicemnte, hai fatto del tuo meglio, e le tue figlie lo sanno. I bambini sono bravissimi ad individuare le \"trappole mentali\" degli adulti, perchè i bambini ancora non hanno trappole, e quindi vanno al di là del nostro comportamento, e ci amano così come siamo.
Un abbraccio grande

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#45

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 576
  • Ringraziamenti ricevuti 66

Lucy ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

io non mi ritengo superstiziosa... peò dopo Marzia la valigia per andare in ospedale, per le due gravidanze successive, l'ho preparata cinque minuti prima di partire...Lucy
#466

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Gina
  • Avatar di Gina
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Mamma di Alice in cielo e di Elia e Ariel in terra
  • Posts 424
  • Ringraziamenti ricevuti 179

Gina ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

il mio primo lavoro a punto croce e' stato il fiocco nascita di Alice..era venuto bellissimo, ci avevo messo tutto l'amore di mamma..l'ho finito l'ultima settimana di agosto, quindi una settimana prima della tragedia e ricordo benissimo che Eddy era quasi infastidito che avessi scritto gia' \"e' nata\" dentro quel cuoricino rosa..ma io ero sicura che non poteva succedere nulla, mi sentivo come dentro una corazza, certa che da li' a poco avrei tenuto tra le braccia mia figlia e che avremmo camminato insieme..e mai e poi mai avrei immaginato che quel fiocco nascita sarebbe finito dentro una piccola bara bianca con le gerbere che sbordavano sopra, talmente era piccola...
Quando aspettavo Alice ho detto solo dopo i primi 3 mesi di essere incinta, ovviamente alla mia e alla famiglia di Eddy l'abbiamo detto appena scoperto!
Dopo il 4 settembre ho continuato a ripetermi \"se avro' la fortuna di un'altra gravidanza..beh..lo diro' a pochissime persone, saro' distaccata, non preparero' il fiocco ma lo faro' preparare a qualcun altro, non comprero' nulla..\" e ora sono qui a pensare a quel momento, al momento in cui dovessi scoprire di essere di nuovo incinta..a come quel momento cambiera' di nuovo la mia vita. Sono sicura che vorro' dargli/darle tutto l'amore che non sono riuscita a dare ad Alice dopo che e' nata e ancora di piu', mi massaggero' la pancia da subito..vorro' dire al mondo questa notizia meravigliosa e preparero' un altro bellissimo fiocco nascita, sempre con tutto il mio amore..l'amore per lui/lei sara' ancora piu' forte..perche' ci sara' anche l'amore di Alice per il suo fratellino o sorellina a combattere ogni scaramanzia..insieme ce la faremo, io Eddy e Alice.
la scaramanzia effettivametne non cambia il corso delle cose, di questo adesso ne sono convinta..

Meravigliosa creatura..un bacio ancora..
#2812
Ringraziano per il messaggio: laura75

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 227
  • Ringraziamenti ricevuti 4

Elo ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

Quando ho letto \"scaramanzia\" ho pensato a quella delle mamme incinte, non tutte per fortuna! Con la rabbia che ho dentro e senza dubbio il senso di ingiustizia e l'invidia per mia cugina che deve partorire a un giorno di distanza da quello che doveva essere il termine per me...Con questa rabbia ieri ho saputo, sciocca che sono, perché mia cugina non si è mai fatta sentire da quando Sebastiano è morto: per scaramanzia...E io che a Natale ero sorpresa che non ci facesse gli auguri e che non ci avesse mai chiesto come stavamo. E mi chiedevo se lei non avesse paura che la mia \"malattia\" fosse contagiosa e si trasmettesse magari anche attraverso il telefono...Avevo ragione: nella sua testa una parola di compassione, tipo \"mi dispiace\" può essere pericoloso...Tutto è legittimo, ma sono comportamenti come queti che ci fanno sentire sole e appestate. Scusate ma sono in collera. Eloisa
#2822

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 615
  • Ringraziamenti ricevuti 80

Morena ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

Dopo la MEF visti imiei due precedenti aborti interni (o forse 1 aborto e una mef qui imedici la definiscono come vogliono) la mia ex gine dalle cui labbra pendevo come un frutto da un ramo mi disse: Che sfortuna. Allora ero diventata superstiziosa, volevo amuleti e cercare portafortun, temevo che qualcuno mi avesse fatto il malocchio, magari toccandomi la pancia. e mi ero ripromessa di non uscire di casa con la prox gravidanze. Invece grazie a Claudia Alfredo e il loro sito che dà informazioni utili, ho trovato la causa delle mie morti e spero che la cura giusta mi aiuti. Passando i mesi (or sono 5) sono tornata ad essere razionale come prima e tutto sembra essere andato al punto giusto.
Grazie. Un forte abbraccio

Mamma di un embrioncino di 7sett., un bimbo/bimba di 20 sett., Matteo n. m. il 24/09/2007, finalmente di Elisa nata il 25/11/2008
#2839

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 23
  • Ringraziamenti ricevuti 0

MONGI ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

...io un tantino superstiziosa lo sono sempre stata.....gatti neri,scale,olio,sale....eppure quando ho scoperto di aspettare prima pulce e poi fagiolino....ho pensato che la scaramanzia era inutile,che sono pensieri che si crea la mente umana per sfuggire alle disgrazie.....così quando i test di gravidanza si sono rivelati positivi l'ho annunciato subito a tutto il mondo.
Ora a distanza di 3 mesi dal secondo aborto ho la testa di cattivi pensieri......e si la scaramanzia è tornata a trovarmi.Ci sono giorni in cui penso che se non avessi preparato la copertina di lana rosa,se non mi avessere le scarpine da bebè baiche con i cuoricini rossi.......ora avrei almeno uno dei miei bimbi da abbracciare.....che assurdità!!!!!
L'amore che ho provato in quei purtroppo pochi mesi di gravidanza è stato talmente forte,coinvolgente,avvolgente che se dovesse ricapitare non potrei ignorarlo,no.....no si può chiudere il cuore....non è giusto per me perchè diventerei una persona arida esoprattutto non è giusto per i bimbi che forse verranno...anche se....la paura certo un pochini c'è!
#2902

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 52
  • Ringraziamenti ricevuti 50

SALVALIDIA ha risposto alla discussione Re:L'inganno della scaramanzia

ciao a tutte voi mamme speciali,io nn sono mai stata scaramantica, l'unica "accortezza" se così vogliamo dire è stato aspettare i 3 mesi prima di annunciare la mia gravidanza.
però dopo la nascita/morte del mio Giovanni mi sn scoperta scaramantica o forse è la rabbia ke si nasconde sotto queste vesti.
anche io, cm dice mamma Claudia, al pensiero di una nuova gravidanza oltre ad avere un'immane paura mi riprometto di nn comprare nulla,di nn fare nulla e nn preparare nessuna valigia.....chissà poi magari cambierò idea.
il nostro poi cara mamma Eloisa sembra essere un ruolo ambiguo,la gente in attesa ti guarda cm se tu le potessi contagiare e succede ke: se kiedi cm stanno si kiedono <<kissà xkè mi ha chiesto???>>se nn gli chiedi nulla magari dicono <<nn mi ha chiesto xkè invidiosa!!!>>. insomma cm ci muoviamo e muoviamo nn va bene siamo da tenere alla larga; ma sai cosa ti dico ke siamo noi a dover tenere lontana certa gente. Mi permetto di dirti questo xkè anche a me è successa una cosa simile e x ben due volte.....!!!
lidia mamma di Giovanni
#109351

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 179
  • Ringraziamenti ricevuti 454

Stef ha risposto alla discussione Re: L'inganno della scaramanzia

Leonardo se n'è andato alla 30esima settimana e a quell'epoca io avevo già delle cose. Mi ricordo che dopo il brutto risultato della translucenza nucale, nel cuore avevo già il buio. Lo avevo praticamente detto a tutti di essere incinta e il fatto che il bimbo potesse essere malato e che avrei potuto dover scegliere un'interruzione, mi faceva stare ovviamente male e sospesatra la vita e la morte.

Sapevo di dover fare l'amnio ed ero in attesa. Delle amiche mi regalarono un set di bavaglini della prenatal.

Non sapete quanto l'ho presa male!!!

Li ho accettati con educazione, ma avrei voluto urlare: MALEDETTE, NON LO SAPETE CHE PRIMA DEI SETTE MESI NON SI REGALA NULLA PERCHE' PORTA SFORTUNA !?!?!

Poi dopo tutti i risultati rincuoranti, mi son lasciata andare anche io anche perchè essendo cattolica convinta, mi ripugnava l'idea di cedere alle lusinghe e all'ignoranza propria della scaramanzia. E allora ho cominciato a comprare e ricamare bavaglini, ho comprato il ciuccio, vestitini bellissimi, scelsi anche il passeggino e il biberon per i primi mesi.

Era fantastico avere tutto lì, mi si concretizzava l'idea di dover aver un bambino. Tutti questi preparativi mi facevano sentire mamma, una mamma che finalmente riusciva a non pensare alla morte, ma che si preparava ad accogliere l'amore.

Sapete tutti com'è andata a finire con Leonardo.

E allora mi chiedo: se una delle cose più difficile da affrontare nel dopo Leonardo è stata proprio la creazione della scatola dei ricordi e se proprio quella ora mi fa risalire a galla tutti i gesti pieni d'amore che ho fatto per me e non per lui, (perchè alla fine, penso io, comprare un vestitino piuttosto che un passeggino, son cose che al bimbo in pancia non interessano minimante, ma che, come ho detto, servivano a me per sentirmi più mamma e per esserlo anche "in esterna"), cosa li ripeto a fare?

Non mi conviene riuscire a concentrarmi su quello che di Leonardo oggi non mi fa stare più male? Non sto più male se penso ai balletti che mi facevo con lui, le canzoni che gli cantavo, la musica che gli facevo ascoltare, ai suoi calci in risposta al saluto del papà, alla forma della pancia...insomma, tutto quello che era strettamente legato a quello che mi dava lui e quello che davo io a lui e che lo raggiungeva direttamente.

Che male c'è ora se cerco di evitarmi (SEMMAI DOVESSE ACCADERE DI NUOVO e ovviamente speriamo di NO) la sofferenza legata agli oggetti?
E non perchè portano sfortuna, ma perchè riportano in vita i gesti fatti "a vuoto" della mamma che non ha potuto essere, la mamma in atto pratico che si è ritrovata con in fare i conti con quello che si era immaginata di essere e che non è stata. Quella sofferenza è evitabile, perchè non scansarla?
Non so se sono riuscita a spiegare i miei pensieri contorti.

Oggi mi sento di dire che non sarò una mamma peggiore se non avrò preparato nulla di materiale, o perchè penso continuamente che qualcosa possa andar male.
Questo lo vedo come realismo e non come scaramanzia.

Piuttosto mi sento di essere un po' in deficit d'amore perchè fin'ora nemmeno i gesti concreti di scambio tra me e le mie palloncine, quelli che so che non mi farebbero sentire in colpa se accadesse qualcosa (anzi!!! mi sentirei in colpa in loro assenza), nemmeno quelli ho ancora fatto.

E forse questo ha a che fare con un'elaborazione del lutto non ancora del tutto avvenuta, non compiuta e non matura.

E allora devo sbrigarmi a farcela, perchè l'unico grosso rimpianto che mi rendo conto che potrei avere è quello di non aver fatto sentire attraverso il sangue, la voce, l'emozione, quanto sono infinitamente innamorata di loro. RIBADENDO FORTEMENTE CHE SPERO NON CI SIA BISOGNO PERCHè VOGLIO SCRIVERLO SULLA LORO PELLE, TRA LE MIE BRACCIA CHE LE AMO OLTREMODO E OLTREVITA.

Certe cose tengono ancorati alla terra e ci fanno prendere cura di noi stesse allontanadoci dall'obiettivo principale, che poi è l'atto d'amore più grande.
Ma quanto possiamo biasimarci per questo?

Stef
#109368
Ringraziano per il messaggio: Doris, franci81, Lina78, GIORGIA, silvia13

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 948
  • Ringraziamenti ricevuti 1450

eli72 ha risposto alla discussione Re: L'inganno della scaramanzia

Ho perso Demetrio alla 26^ settimana. Avevamo comprato qualche body, una tutina, dei calzini, dei cappellini, ordinato il trio (perche' in super offerta) e ci siamo ritrovati a dover infilare i suoi vestitini in una scatola e a disdire l'ordine per il passeggino (sorvolo sul fatto che il commesso del negozio ha chiesto a mia sorella - che si era gentilmente offerta di fare questa cosa al posto nostro - il certificato di morte, per comprovarne la veridicita'...).
La prima reazione e' stata pensare che, in caso di una nuova gravidanza, non avrei comprato nulla fino alla nascita del piccolo, ne' per me, ne' per lui. Con il passare del tempo, pero', ho cominciato a vedere le cose in maniera diversa e, ora che sono di nuovo incinta, credo non sarebbe giusto.
Mi spiego: per i miei primi due figli ho iniziato a comprare tutine, body, biberon e tutto cio' che mi passava per la testa, quasi immediatamente dopo aver saputo di essere incinta. Fede e Tommi (grazie al Cielo!) sono qui con me e il fatto di aver pensato a loro mentre crescevano nella mia pancia, non ha impedito loro di nascere forti e sani. Quando Claudio (il mio compagno) ha detto ai suoi genitori di questa nuova gravidanza, la reazione di suo padre e' stata molto moderata e contenuta, reduce dal dolore della perdita di Demetrio. Io mi sono arrabbiata. Non e' giusto. Perche' privare questa nuova stellina di tutto quello che hanno avuto i suoi fratelli? I sogni, le aspettative, l'attesa trepidante, il conto alla rovescia, gli acquisti fatti con il cuore che trabocca di emozione, il nome da scegliere... Ho vissuto le mie precedenti tre gravidanze con gioia e speranza e mai avrei pensato che potesse succedere qualcosa di brutto ai miei bambini. Non credo che limitarmi nelle emozioni (dall'affezionarmi alla pancia, al comprare quelle piccole bellissime cosine), possa preservare questo bambino in arrivo dal destino infausto che e' toccato a suo fratello. Quello che e' successo a Demetrio e' stato un caso sfortunato... Questa gravidanza arriva dopo mesi di dolore intenso e profondo e mi ha regalato momenti di serenita'. La paura c'e' sempre, continua, ma non voglio privare questo mio tesoro di tutte le meravigliose emozioni che accompagnano una futura mamma nel suo cammino verso una nuova vita.
Certo che spero di poter guardare negli occhi questo bambino, di abbracciarlo, di vederlo crescere, ma non penso proprio che il lasciarmi andare possa, in qualche modo, cambiare il corso delle cose (magari si avesse questo potere...).
Sicuramente il tempo sembra piu' lento, sicuramente sono piu' cauta e timorosa, sicuramente rivolgo la mia attenzione a questioni piu' rilevanti del sesso del bambino o del nome da scegliere, ma non voglio che atteggiamenti scaramantici (nei quali non credo assolutamente) possano condizionare una delle esperienze piu' belle della mia vita.
Scusate per la lunghezza...
Con affetto.
Elisa
#109507
Ringraziano per il messaggio: Doris, Giusy79, ela, Betty81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 620
  • Ringraziamenti ricevuti 709

Lina78 ha risposto alla discussione Re: L'inganno della scaramanzia

Stef ha scritto: Che male c'è ora se cerco di evitarmi (SEMMAI DOVESSE ACCADERE DI NUOVO e ovviamente speriamo di NO) la sofferenza legata agli oggetti?
E non perchè portano sfortuna, ma perchè riportano in vita i gesti fatti "a vuoto" della mamma che non ha potuto essere, la mamma in atto pratico che si è ritrovata con in fare i conti con quello che si era immaginata di essere e che non è stata. Quella sofferenza è evitabile, perchè non scansarla?
Non so se sono riuscita a spiegare i miei pensieri contorti.Stef


Per lo stesso motivo, chiamatelo stupido, ignorante, scaramantico..non ho comprato nulla ed ho chiesto alla mia famiglia di trattenere e non consegnarmi prima delle 30 settimane qualsiasi cosa gli passi per la testa di regalarmi (questo ovvio non posso negarglielo)

Quando Chiara è andata via..avevo già comprato una bellissima culletta per i primi mesi da tenere accanto al letto..con tanto di rotelle e tendina velata di un bianco candido con dei ricamini in beige..era bellissima..ma non l'ho nemmeno "sballata" ho chiesto a mio marito di restituirla..lui voleva tenerla con la speranza che potesse servirci in futuro.. ed io, con una cattiveria che non so da dove mi è uscita ho detto che "la prossima volta" (se mai fosse esistita una prossima volta) avremmo comprato tutto il giorno prima di uscire dall'ospedale.

Spero che mio figlio in pancia capirà...non c'è nulla..tantomeno questo..che potrebbe farmelo amare di meno.

Lina con Chiara nel cuore e Cassius in pancia
#109512
Ringraziano per il messaggio: Stef

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 44
  • Ringraziamenti ricevuti 50

elisabetta1979 ha risposto alla discussione Re: L'inganno della scaramanzia

Quando ho saputo di aspettare Rebecca,memore di averne perso uno alla 10ma settimana,ho chiesto ai miei genitori e ai miei suoceri di aspettare a dirlo a tutto il resto del mondo..Volevo svalicare il primo trimestre,come si fa di consuetudine,no?Ovviamente non ero a conoscenza del fatto che i figli si possono perdere in qualsiasi epoca della gravidanza.E così mi sono limitata anche nel comprare cose per lei fino alla 22 settimana(la morfologica) perchè dovevo sapere che stava bene,che era sana.Poi dopo la morfologica ho voluto aspettare con ansia l'ottavo mese per montare il cassettone dove mettere tutto il suo guardaroba(composto principalmente da tutine e body e vestitini di mia nipote Greta nata 15 mesi fa).Avrei voluto farlo tanto prima,ma non potevo festeggiare lei ancora non c'era(invece c'era l'ho capito solo dopo).Ho comprato le tutine per la nascita alla 33ma settimana e tutto l'occorrente per i primi giorni.Ormai era normale che stava arrivando.
Lei l'ho persa alla 34sima.
E così io mi sono vissuta il dramma prima del dramma,con la conclusione che mi sono rovinata in gran parte (molti momenti felici li ho comunque vissuti e ne porto il ricordo) la mia prima vera gravidanza,il momento in cui si dovrebbe essere al massimo della felicità.Dopo averla persa mi sono martoriata il cervello e il cuore dicendomi che non l'avevo desiderata abbastanza,che lei non era arrivata perchè io non ero pronta.Avevo chiesto in prestito passeggini e culle,vestiti..non avevo comprato quasi niente...era come se sapessi in fondo che lei non sarebbe arrivata e così la mia cucciola mi aveva punito.MI sono incolpata per aver fatto da madrina a mia nipote,la luce dei miei occhi, al battesimo, perchè dicerie sostenevano che una donna incinta non deve, x scaramanzia..e io di tutta risposta ho voluto comunque essere presente in uno dei momenti fondamentali della vita di mia nipote(sono molto religiosa)
Ora so che non è così..il dolore ti fa vivere e pensare delle situazioni drammatiche.Mia figlia non doveva nascere.A questo so che c'è un senso.Lei è venuta dentro di me e se ne è andata per un motivo...io non posso farci nulla..ora so...e grazie a lei tornerò a vivere...e se un giorno mi vorrà mandare un fratellino o una sorellina, li festeggierò come è giusto che sia,fin da subito,godendomi quei momenti magici,amando la mia creatura con passione..perchè oggi guardandomi indietro sono felice nel ripensare ai momenti in cui io e Rebecca ci scambiavamo il nostro amore,sebbene lei non ci sia più.


Elisabetta con Rebecca nel cuore
#109551
Ringraziano per il messaggio: Giusy79, sabrina13

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.306 secondi