Quello che c'è in un nome

  • Posts 141
  • Ringraziamenti ricevuti 3

kikka ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Bellissimo questo topic..
noi abbiamo chiamato la nostra piccola,volata poi in cielo,Sofia..Sofia significa sapienza e saggezza e questo ha fatto si che lo scegliessimo per lei!Mai nome fu piu appropriato..
per la mia principessa qui accanto a me,nata 14 mesi dopo Sofia abbiamo scelto Greta Maria.
Greta significa "Dono del cielo" e Maria non poteva mancare perchè ho affidato a lei,durante la gravidanza,la mia piccola..
un abbraccio caldo a tutte le mamme
Francesca
#75235

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • simon72
  • Avatar di simon72
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • mamma di Elisa... per sempre
  • Posts 826
  • Ringraziamenti ricevuti 240

simon72 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

anch'io.... come molte ragazze.... sognavo e studiavo i nomi da tempo... poi però una volta arrivata la "pancia" il nome è venuto da sè... io poi sono circondata da sorelle e nipoti e tutti i nomi "nostri" sono bellissimi... però Elisa è magico... per me ha un suono troppo bello... :P
#75250
Ringraziano per il messaggio: labruse

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 521
  • Ringraziamenti ricevuti 1374

franci81 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Ciao Doris.. come ti avevo accennato io e il mio compagno abbiamo scelto il nome Fabrizio per il nostro bimbo perchè era il nome di un grande poeta, De Andrè.. all'inizio ero un po' titubante perchè come nome in sè non mi faceva impazzire, ma come significato ero d'accordo in tutto e per tutto..
Noi avremmo voluto crescerlo insegnandogli il rispetto verso tutti, soprattutto i diversi, che non sono migliori o peggiori di noi ma solo diversi appunto.. cercando di fargli prestare attenzione a tutte le storie di vita, con apertura e amore verso il mondo e tutti i suoi abitanti.. ma allo stesso tempo mostrandogli con disincanto le cose brutte e le ingiustizie da combattere.
Beh questi erano i nostri propositi, poi la quotidianità ci avrebbe portato magari a smussare qualche idea.. però ci sembrava un nome che racchiudeva in sè il nostro modo di leggere il mondo..
Io in realtà avrei voluto chiamarlo Cesare o proprio Ettore, perchè mi sembrano nomi che hanno una grande forza, belli e di buon auspicio, perchè mi danno l'idea di persone decise che non si arrendono mai! ed infatti anche quando è nato Fabri a me sembrava avesse più il viso da Cesare.. così calmo, tondo e saggio..
Ma ormai mi ero abituata a chiamarlo Fabrizio dalla morfologica, ed io credo che il nome prenda qualità da chi lo porta, per cui per me è diventato il nome più bello e dolce del mondo..
E' davvero interessante ciò che si nasconde dietro un nome..

E ancora proteggi la grazia del mio cuore
adesso e per quando tornerà l'incanto.
L'incanto di te...
di te vicino a me.

Fabrizio, 24/12/2010
#75783
Ringraziano per il messaggio: sirenajalyu

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1043
  • Ringraziamenti ricevuti 1275

piccolo cuore ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

I primi mesi ero convinta di aspettare una bambina ed avevo ben chiaro il suo nome:Virginia. Alla morfologica scopriamo che c'era un bel pirilino ed io non avevo la piu'pallida idea di quale nome dare al mio bimbo...
Mio marito voleva chiamarlo Augusto,come suo nonno ma a me non piaceva molto....poi intorno al settimo mese il nome Leonardo inizia a prendere piede nella mia testa,mi piaceva il suono,mi piaceva l'idea di pronunciarlo e ne parlai con Andrea.
Lui mi guardò e dopo poco sorrise,si'si sarebbe chiamato Leonardo.
Quello che voglio sottolineare è la diversa valenza che ha assunto questo nome,mentre prima lo pronunciavo banalmente,era un nome e basta,adesso questo nome è carico di significati.
Quando pronuncio il nome Leonardo sento i brividi lungo la schiena,sento il cuore che fa male,sento il dolore,sento un amore che va oltre i confini,sento dolcezza,sento calore,sento freddo,sento tutto l'amore per mio figlio insieme a tutto il dolore per la sua perdita.
Leonardo per me è il principio della mia vita,è il mio punto di riferimento,è la mia essenza,è tutto cio'che ho.
Leonardo per me è l'unica musica che il mio cuore sente,Leonardo è mio e lo sarà per sempre.
#75796
Ringraziano per il messaggio: laura75, Emme

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 98
  • Ringraziamenti ricevuti 300

Emme ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Grazie per questo argomento...

...inizio dal mio nome, Marina... che mi piace molto ed è una delle pochissime cose che mi piacciono di me... come le mie mani o la forma dei miei occhi.
Il nome è un po' come una parte di noi, insostituibile e necessario... indispensabile e che ci accompagnerà per sempre... quando noi non ci saremo più, il nostro nome farà da ponte e da legame con il futuro e ci renderà eterni anche qui dove l'unica garanzia della vita, è la morte.

Vittoria... quello della mia primogenita. Un nome internazionale, antico, con una Santa protettrice, semplice, comune ma non diffusissimo. Ed esprimeva quello che rappresentava la maternità per me, un traguardo, una vittoria.
All'inizio della gravidanza mi hanno messo a letto. Disimpianto di placenta.
Nessuna medicina. La ginecologa mi disse, se prosegue, sarà femmina e sarà sana.
E' stata ed è la mia Vittoria.
Mi piaceva anche che inziasse con la lettera V, come il cognome del suo papà.
Avremmo voluto metterle il secondo nome, e fino all'ultimo sarebbe stato Sofia.
Vittoria Sofia... poi all'anagrafe ci dissero che in Italia non esisteva più la virgola tra il primo ed il secondo nome... quindi sarebbe stato il suo nome completo.
E non essendo un'amante della burocrazia e delle cose complicate, ho deciso che un nome le potesse bastare. E Vittoria mi piaceva sufficientemente e così decidemmo: Vittoria. E Vittoria sia!

Sofia... il nome della mia secondogenita. Perchè è un nome dolcissimo da pronunciare e perchè, quando al terzo mese ci dissero che era ammalata, ho voluto trovare un nome comune, diffuso, con una Santa protettrice (rappresentata anche come madre della Speranza) e normale per una bambina speciale!
Un nome importante, internazionale. Un altro nome di regina per un'altra delle mie Principesse!
Che mi piaceva tantissimo e che sembrava il proseguimento e l'arricchimento per la mia famiglia. Sofia facile da pronunciare da Vittoria... che ancora chiama Sofi.
Facile da scrivere per i medici e non semplice da vezzeggiare (non ho mai sentito una Sofiuccia)!
E per una bimba che avrebbe dovuto trascorrere almeno due mesi in TIN, era perfetto...
E poi è un nome stupendo che ripeterei all'infinito.
L'ho pronunciato con orgoglio quando mi chiedevano il nome della sorellina... l'ho comunicato solo verso la fine della gravidanza, ma io l'avevo deciso da subito!
Adoro la lettera S... così armoniosa e senza spigoli. Arrotondata ma elegante.
Mi piace che non ci siano erre nel nome della mia seconda bambina ma che finisca in "ia" come la mia prima...
Non ho scelto Sofia per il significato... adesso questa mia Figlia forse rappresenterà la "mia" sapienza... chissà...
Sono innamorata dei nomi scelti per le mie Figlie.
Io adoravo firmare Marina con Sofia in pancia e Vittoria... oppure abbreviando MSV...
Sofia è morta e di lei non mi chiede più niente nessuno.
Il nome che tanto mi piaceva, ora è diventato innominabile ai più.
In lacrime non riesco più a continuare...
Marina che non sarà mai più Marina, con Sofia e Vittoria
#89000
Ringraziano per il messaggio: claudia, moma, piccolo cuore, Doris, franci81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1043
  • Ringraziamenti ricevuti 1275

piccolo cuore ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Sofia..un nome dolcissimo..per noi Sofia esiste,è importante ed io ti chiedo:parlami di lei,io voglio conoscerla...
Cristina e Leonardo
#89002
Ringraziano per il messaggio: Emme

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1108
  • Ringraziamenti ricevuti 962

duefebbraio ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

A proposito di nomi...mi ha fatto tsnto male quando giorni fa ho nominato Camilla. Ed una mia amica ha detto " Ah poi avevate deciso di chiamarla Camilla?"...e pooi ha aggiunto " Peccato ve lo siete bruciato così"

:S

quale è il ragionamento? Siccome è morta dovevo darle un nome brutto, per non sprecarne uno bello?

io lo trovo un nome dolcissimo, da bambina tranquilla, come è stata lei.
E poi era il nome che aveva proposto Sara per la sorellina e allora mi è sembrata la scelta migliore , fatta con tanto amore

And everything we hoped that could never be
Will live inside of us for eternity
#89011

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • nicolò cucciolotto
  • Avatar di nicolò cucciolotto
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • "Grazie Bambino Mio,Grazie Di Tutto Ti Amo Tanto"
  • Posts 1105
  • Ringraziamenti ricevuti 942

nicolò cucciolotto ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Bellissimo questo Topic... :) :) :)

Io ero convintissima di essere incinta di una femminuccia...il suo nome era già stato scelto,si sarebbe chiamata Aurora...mi rivolgevo al mio piccolo bimbo con questo nome,adesso capisco perché ogni volta dava un colpetto...secondo me mi diceva:"Mamma sono un maschietto non una femminuccia!!!"...Quando il 27 Luglio del 2010 alle ore 17 la mia dottoressa mi ha detto che era un maschietto...Felicissimi avevamo già scelto il suo nome..."NICOLO'"Il Mio Amore Immenso...l'Amore per me si chiama Nicolò...Il mio Piccolo Bimbo aveva già il suo nome e quando lo chiamavo rispondeva e sono certa che mi sorrideva...

Grazie per questo bellissimo argomento

Cri con Nicolò

"Nicolò,Non Dimenticare Mai Che L'Amore Che Provo per Te e Come Il Vento:Non Potrai Mai Vederlo,Ma Potrai Sempre Sentirlo...Ovunque Sarai."
La Tua Luce Illumina La Nostra Vita
Ti Amo Bambino Mio
#89015

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 179
  • Ringraziamenti ricevuti 454

Stef ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Già dall'inizio della gravidanza sono cominciati i primi problemi: la NT, poi l'amnio, poi il cuore. Quando ancora la paura non faceva parte di noi tre, non conoscevamo il sesso e quindi lo chiamavamo "Acciolino" (io e il papà ci chiamiamo amorevolmente Accia e Accio), poi quando il gine dalla prima eco lo chiamò vescicola embrionaria, il suo soprannome è stato anche "Vesciculino" (Noi quando facciamo gli scemi parliamo sempre con la u).
Poi si è fatta avanti l'ipotesi che potesse essere maschio, ma eravamo restii a dargli ancora un nome perchè temevamo "di affezionarci troppo" ad un bambino che tutti dicevano potesse essere molto malato.
Giorno dopo giorno le risposte davano sempre più speranze e il nostro bambino cresceva forte e sano, senza malattie cardiache e senza malattie genetiche.
Allora ci siamo lasciati andare. Io avevo detto che se fosse stata femmina avrei deciso io, in caso contrario avrei dato carta bianca a mio marito. Ora toccava a lui. I nomi che per lui erano più belli erano già "occupati" dai nostri numerossissimi nipoti (11 tra me e lui), quindi ne restavano pochi altri.
La rosa si è ristretta a Lorenzo e Leonardo. E mio marito ha scelto Leonardo. Io non ero proprio convinta di quella RD insieme, sapeva di duro!
Poi abbiamo fatto la morfo, e gioia di mamma era lì, tutto cucciolo che si ciucciava il ditino e sta BENISSIMO. Forte come un leone: LEONARDO. E' così che ci è apparso in quello schermo ed è questo il nome di nostro figlio.
In seguito gli ho dato anche un altro soprannome (i vecchi li abbiamo abbandonati) che mi piaceva da morire: lo chiamavo CIAPPI, perchè il suono della parola mi faceva pensare ad un bimbo biricchino con le guance paffute. Biricchino lo ero, mi riempiva di calciotti. Ed aveva anche delle bellissimo guanciotte, tenere e piccole, come solo un bimbo bello di 30 settimane poteva avere.
Ti amo LEONARDO CIAPPI
#89020
Ringraziano per il messaggio: claudia, Doris

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 948
  • Ringraziamenti ricevuti 1450

eli72 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

I miei bimbi si chiamano Federico, Tommaso e Demetrio.
Decisi Federico appensa vidi il test positivo, sicurissima che sarebbe stato maschio; mi piace; e' un nome nordico, che suona importante, ha un bel significato ('colui che governa con la pace') ed era anche il nome di mio nonno. Tommaso e' stato Tommi fin da quando ho saputo di aspettare un altro maschio, anche se Federico e suo padre avevano proposto altri nomi; ma Tommi e' Tommi e non lo vedrei con un altro nome; un bambino vivacissimo, irrequieto e capace di una dolcezza infinita. Terza gravidanza; per la femmina aveva deciso Claudio, Rebecca, un nome per noi prezioso e legato a sogni e progetti attesi insieme. Per il maschio, nessuna idea. Almeno lui. Per me e' stato Demetrio, da subito, anche se Claudio non era affatto convinto. E' il nome di un mio compagno di universita', che ricordo sempre sorridente e capace di profonde riflessioni, non comuni per un ragazzo poco piu' che ventenne . Un nome che non sento mai, ma che mi suona famigliare e importante. La mattina del 23 maggio, il giorno del mio parto, prima di andare al controllo con il ginecologo, ho aperto (per la prima volta) il libro dei nomi, per essere pronta e sicura della mia scelta, in caso di parto anticipato (povera illusa...); nessun nome mi ha colpito in maniera particolare. E poi il significato di Demetrio: 'caro alla dea Demetra, dea dell'agricoltura; persona forte e razionale'. Perfetto; razionale, come mamma e papa' e forte, avevi tanto bisogno di forza, amore mio...
Ora mi sembra un nome bellissimo e mi fa tanto male non porterlo pronunciare, non poter chiamare Demetrio come faccio con i suoi fratelli. Un nome diventa caro e famigliare anche perche' lo pronunciamo ogni giorno e lo associamo alle persone. Mi hanno detto che se avessi un altro figlio maschio potrei riutilizzare questo nome; mai. Demetrio e' il mio piccolo principe, il primo figlio mio e di Claudio, il bimbo che non vedro' mai crescere, ma che amero' ogni giorno della mia vita...
#89034
Ringraziano per il messaggio: Doris, Emme, Azcaanbe

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

In un nome c'è la nostra storia.
Dare un nome significa sancire un legame, un'appartenenza.
Dare un nome significa ri-conoscere l'importanza di quella persona nella tua vita, e donare a quella persona un insieme di profondi significati connessi al nome stesso.
Rabbrividisco quando sento di persone invitate a "cambiare nome" al bambino che ha commesso l'errore di morire, in modo da "tenerlo" per un successivo fratello.
Rabbrividisco due volte:
una perchè CiaoLapo nasce come tale (e non come "associazione genitori orfani o simili") proprio a causa di questa grossolana proposta di "tenere il nome per il prossimo",
due perchè non riconoscere il fatto che i nostri figli hanno un nome è un modo come un altro per negare la loro dignità e la loro esistenza.
Grazie per questo post,
e grazie a tutte le mamme che non hanno paura di affermare la dignità dei loro bambini pronunciando il loro bellissimo nome pieno di musica e di amore.

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#89039
Ringraziano per il messaggio: moma, Maria, Doris, franci81, duefebbraio, Emme

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1031
  • Ringraziamenti ricevuti 1149

samy74 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

E' un bellissimo topic e anche se non commento spessissimo vi leggo sempre. Siete una parte di cammino molto importante per me.
Io non so se era un maschietto o una femminuccia perchè non me l'hanno detto. Mi hanno detto solo di dimenticare e di andare avanti. Il sesso non aveva importanza. Per me invece si.

Dentro di me, perchè una mamma sa già, prima che il pensiero si tramuti in parole passa per il cuore, che sarebbe stato un bimbo/a con un nome. Così scelsi Andrea. In Italia è un nome da maschietto ma in aluni parti del mondo è anche da femminuccia, quindi non sapendo ho scelto Andrea. In quel momento dare un'identità a quel pezzo di me stessa che mi aveva lasciato era tutto. Era aggrapparsi a un mondo che dovevo custodire segreto.
Andrea è il nome del mio dolcissimo e tenero primo Bambino.

Il suo fratellino si chiama Matteo. Dono di Dio perchè così è stato. Poi è venuto Roberto con il suo nome germanico, forte come tutte le battaglie che ha affrontato da piccolino. Beatrice e ora c'è anche Sophia. Tutti nome scelti per il significato che sentivo dentro di me. Non per la bellezza del nome ma per quella corrispondenza intima che c'è dentro ogni pancione, dentro ogni mamma, dentro ogni movimento del porprio bambino. Perchè pronunciarlo da un senso, da un'esistenza, da un ruolo. Crea un bambino.

Grazie....
#89043
Ringraziano per il messaggio: Giuseppa e Giuseppe, Doris, Emme

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1753
  • Ringraziamenti ricevuti 3197

Rosanna71 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Care mamme,
mi aggancio al messaggio di Claudia per lasciare il mio pensiero.
Anche io penso che il nome dei nostri figli sia molto importante, prima di tutto perchè li identifica e li contraddistingue tra milioni di altre persone e successivamente perchè si legano a quel nome in mille modi diversi.
Il mio primo figlio (in terra) Lorenzo in realtà si sarebbe dovuto chiamare Davide, mi è sempre piaciuto quel nome, fin da piccola, ma poi per motivi che all?epoca reputavo stupidi, ho lasciato che la decisione finisse su Lorenzo anche per accontentare il babbo e i suoceri.
I primi tempi mi suonava strano quel nome, dentro di me lui doveva essere Davide.
Con il passare del tempo poi il suo viso è diventato il viso del mio "Lolli" e da lì tutto è cambiato.
Nei primi anni successivi alla sua nascita poi ho capito che il nome Davide non era per lui??.
A marzo del 2010 poi quando ho scoperto di aspettare un altro figlio il nome Davide si è ripresentato con prepotenza, un bambino con quel nome doveva avere delle caratteristiche precise, un viso particolare e (lo posso dire solo adesso) una storia particolare ed esclusiva.
Quando poi ho visto Davide ho capito tutto?.. soltanto lui poteva essere Davide, soltanto quel viso si addiceva a quel nome.
Nel momento in cui ho realizzato che il mio bambino ?doveva? nascere senza vita, ho realizzato che quel bambino mi aveva scelta fin dall?inizio, quel nome è rimasto sospeso nei miei sogni per aspettare lui e non ci sono stati dubbi?.. lui era Davide.

Oggi mi manca quella opportunità ormai svanita di poter pronunciare quel nome rivolgendomi ad un figlio ma non mi sognerei mai di utilizzare lo stesso nome per un eventuale altro figlio.
Forse ogni bambino di questo mondo di nome Davide mi susciterà sempre un sentimento di rimpianto ma sono anche sicura che se mai chiamassi un figlio con quel nome mi sentirei come se stessi negando l?esistenza di quell?unico figlio Davide di quell?unica mamma Rosanna in quell?unico tempo in cui si è realizzata la sua esistenza.

Grazie per questo spunto di riflessione.
Rosanna e Davide

mamma in cielo di 2 fagiolini e del cucciolo Davide e mamma in terra di Lorenzo.... ogni giorno respiro un alito di vita nella totale assenza di materia ... i miei angeli
#89059
Ringraziano per il messaggio: pietro74, Doris

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 683
  • Ringraziamenti ricevuti 557

DANI81 ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Grazie Doris per questo bellissimo post che leggo solo ora.

Sin dall'inizio della gravidanza mio marito ha sempre espresso il desiderio che se fosse stata una femmina doveva portare il suo nome, se fosse stato un maschio il mio nome dunque Alessandra o Daniele. Io non ero tanto convinta di questa cosa, credevo si sarebbe creata un pò di confusione in famiglia quando dovevamo chiamarci :silly: , poi quando abbiamo scoperto che era una femminuccia, ho visto mio marito saltare di gioia, ha sempre desiderato una figlia femmina e devo dire anche io. Allora dobbiamo decidere tra Vittoria che piaceva a me perchè la mia bambina era nel vero senso della parola una vittoria tanto aspettata e desiderata, e Alessandra forte desiderio di mio marito. Andiamo a fare l'eco 3d, e vogliono sapere che nome mettere, allora dissi poi vi chiamo e vi farò sapere....,
Senza nessun dubbio chiamai senza dire niente a mio marito e gli dissi la nostra bambina si chiamerà ALESSANDRA proprio come il suo papà dal significato "protettrice degli uomini"........, non potrò mai più dimenticare gli occhi lucidi di mio marito quando ha visto il cd e letto il nome della sua bambina, pensava che gli avessi detto Vittoria :P
Ehh si proprio la nostra figlia Alessandra per sempre e tutte le volte che chiamo mio marito è come chiamare anche lei per sempre con noi......

Grazie.....

Daniela con Alessandra
#89060
Ringraziano per il messaggio: Doris

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Maria
  • Avatar di Maria
  • Offline
  • Moderatore
  • Moderatore
  • 37 settimane di puro amore
  • Posts 2632
  • Ringraziamenti ricevuti 1960

Maria ha risposto alla discussione Re: Quello che c'è in un nome

Ma che bello questo post, me l?ero perso!!! Vi racconto il nostro percorso
Il nome Maria e? stato deciso quel martedi mattina quando io sono andata a fare il tracciato e si e? scoperto che non c?era il battito. Maria per noi non aveva un sesso era semplicemente BEBE? , l?idea di giocare ad indovinare se fosse un maschio o una femmina per noi era carina, anche se in cuor nostro sapevamo sia io che mio marito che si trattasse di una farfallina, infatti proprio come una farfalla e? volata via :( ! L?ultimo mese io mi ero messa su internet a cercare un po? qualche nome, ed ero venuta fuori con una lista abbastanza lunghetta per le femminuccie, mentre per i maschietti c?erano solo un paio di nomi. Tra le femmine c?era Azzurra ( ma mio martito di cognome fa Grappa, e Grappa Azzurra e? davvero ridicolo :lol: !), Ania ( che non si offenda nessuno ma un?amica mi ha detto ma che nome e? Ania, se sbagliano la chiamano ANO :sick: ), Rebecca ( che piaceva molto a me), Cristiana ( che piaceva molto a mio marito),Andrea ( che pero? ho saputo per metterlo ad una femminuccia bisogna aggiungerci un altro nome piu? femminile :blink: ) ed altri che non mi ricordo talmente la lista era lunga. Per I maschietti a me e? sempre piaciuto molto il nome Claudio, legato al mio cantante preferito appunto Claudio Baglioni ( che mio marito non tollera :whistle: !) , e Riccardo. Abbiamo da subito escluso di seguire la tradizione visto che I miei suoceri si chiamano Luigi e Concetta ed I miei Carlo e Maddalena che a me non piacciono manco un po? :) .
Quando la mia ginecologa e? arrivata in ospedale ha parlato con mio marito e le ha detto che si trattasse di una femmina, mio marito e? entrato in camera e mi ha detto ??lo vuoi sapere che cos?e???? ed io ??e? femmina!?? e lui ??si e? femmina??, allora io gli ho chiesto ??la chiamiamo come la Madonna??? ?? la chiamiamo Maria cosi la Madonna ne avra? cura!?? e quindi da li in avanti per me Maria che fino a quel momento era il nome piu? comune ed anche ''banale'' di questo mondo e? diventato quello piu? soave! Stella del Mare significa Maria e cosa c?e? di piu? bello del mare :kiss: ?
Per Rebecca c?e? stata una diatriba perche? a mio marito piaceva Cristiana, a me invece Rebecca che significa legame e questo mi piaceva molto , un nome biblico anche questo di una donna forte la mamma di Isacco e moglie di Abramo. E poi io Rossella e mio marito Raffaele mi piaceva il pensiero che nostra figlia si chiamasse con la R. Avrei voluto aggiungere a lei il secondo nome ossia Stella che l?avrebbe un po? ricondotta a Maria ma mio marito che gia? aveva ceduto per Rebecca non e? stato disposto a cedere anche per il secondo nome. Quando e? nato Riccardo sono andata a cercare tra i nomi che cominciavano per R e quelli che mi piacevano erano Roberto e Riccardo alla fine abbiamo deciso per Riccardo aggiungendo questa volta il nome di Maria e quindi lui e? Riccardo Maria.
Grazie ancora per questo post, e? bello quando qualcuna di noi va a ripescare vecchi post cosi carini
:kiss: Ross

Nessuna Notte e' tanto lunga da non permettere al Sole di sorgere ancora...
#89063

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.294 secondi