creare "ricordi" nei figli successivi.....

  • labruse
  • Avatar di labruse
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Sei meteore, Giulio e Lidia in terra
  • Posts 2845
  • Ringraziamenti ricevuti 2968

labruse ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Questo argomento per me è fonte di non poco stress...

Comincio con il dire che sono fermamente convinta che la verità debba essere detta, tacerla è un grave errore e basta semplicemente usare le parole giuste.

Qui nasce il mio problema...quali parole posso usare io?
Per tutto il mondo tranne CL i miei non erano neanche bambini...come posso mettere Giulio in difficoltà dicendogli che ha tanti fratellini/sorelline, di cui della maggior parte non si sa neanche il sesso??? Inoltre il padre di Diamante non è mio marito...

Insomma, è difficile per chi non è la loro mamma visualizzare dei piccoli fagiolini come bambini...non ho cimiteri, urnette, niente di niente...a volte mi sembra di essermeli sognati, di essere pazza!!!
Come posso fare secondo voi? Cosa posso raccontare?

Un bacio a tutte,
Laura

Non c'è montagna più alta di quella che non scalerò.
#108058
Ringraziano per il messaggio: Cinzia65

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Irma
  • Avatar di Irma
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Ciascuno vede ciò che si porta nel cuore. Goethe
  • Posts 216
  • Ringraziamenti ricevuti 389

Irma ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Cara Laura i bimbi sono capaci di grandi risorse e a volte comprendono meglio di quanto noi siamo in grado di capire..Ci sono angeli che passano attraverso di noi per il solo tempo necessario di un attimo di puro amore.. e lo fanno ancor prima di diventare maschietti o femminucce... I tuoi sono figli, erano angeli e continuano ad esserlo. E tu sei la loro mamma speciale che ha dato loro la possibilità di passare in questa dimensione per il loro, se pur breve, percorso terreno...

Anche alcuni boccioli di bellissimi fiori non vedranno mai sbocciare i loro colori... Ma nel bocciolo, cara Laura, si è annidato il segreto del più bello tra i fiori: nel bocciolo che si conservano le proprietà più importanti del fiore. E l'attesa nel vederlo sbocciare (per corta che sia stata) è stata l'attesa più bella.

E' quel piccolo/grande ricordo del passaggio di questi angeli nelle nostre vite che ci rende madri speciali... E Giulio è un bambino fortunato perché in questo breve passaggio dei suoi fratellini/sorelline angeli lui c'era o stava aspettando di esserci in qualunque modo anche lui, con te, attraverso di te.

E dove trovare questi dolci e reali ricordi nella tua vita? Dove sono i tuoi figli?
Nel tuo cuore e nel coraggio e nell'amore che continui a dispensare a piccole vite che dentro di te trovano l'amore. Non pensare al tempo o al luogo... Tu sei l'opportunità di un passaggio, come lo siamo state noi e come lo saranno altre mamme... Lungo o corto che sia..., noi facciamo parte del percorso di queste anime che volino o che rimangano con noi più a lungo come i nostri figli in vita.

Grazie Laura..., perché non ti accorgi di come tiri fuori in ognuna di noi la vita e la tenerezza che sono carezze necessarie a sopravvivere ai nostri lutti.

Per il tuo Puck e per te un forte abbraccio e il tutta la forza di cui hai bisogno.

Irma

Figli miei... Io vi amo...
#108082
Ringraziano per il messaggio: claudia, Maria, labruse, Chiara75, peonia, Cinzia65

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 828
  • Ringraziamenti ricevuti 1148

Cinzia65 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

penso semplicemente raccontando
i tuoi sogni

penso che tutto è segnato dall'amore, racconta di quell'amore... dal filo invisibile che lega ogni mamma ad ogni figlio terreno e celeste che sia

io in questi anni ho imparato da mia figlia Veronica che visto che avevo pudore nel nominare gli ultimi due miei bambini e parlando spesso solo che di Virginia, lei mi ha detto: ma mamma e gli altri due.... ci sono stati e ci sono


un abbraccio

Cinzia
#108087
Ringraziano per il messaggio: claudia, labruse, Chiara75

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Io sono una figlia venuta dopo.
Per l'esattezza, sono venuta dopo due bambini di circa 11 settimane, e dopo mio fratello marco, nato settimino e vissuto per poche ore.

Io sono arrivata dopo quindici mesi dalla morte di mio fratello.
Fratello di cui non ci sono foto, e del quale c'è stata per 33 anni una tomba a Modena, cui non sono mai stata portata.

Nessuno, mai mi ha parlato di mio fratello.
Non so come, sono venuta a sapere da mia madre che c'era un fratello, più grande di noi (mi sa che avevo almeno sei anni, perchè c'era già mia sorella), e l'ho saputo con gli occhi dolenti di mia madre, che per 30 anni si è chiesta come sarebbe stato ogni sacrosanto e odiato (da lei e in conseguenza da noi sorelle) 8 Marzo.

Mio fratello, riassunto nel dolore di un anniversario, nei come sarebbe stato, etc etc.

Il punto cruciale è che non si dimenticano mai, questi bambini. Le madri non dimenticano.
Ma il silenzio può scavare profondi tunnel dolorosi, come gli anniversari eternamente listati a lutto, che poi ingoiano i compleanni, le feste di natale, il senso stesso del continuare a vivere e non sopravvivere soltanto, diventando anno dopo anno più aridi e svuotati dall'assente.
Un altro effetto collaterale per chi viene dopo è sentirsi la figlia sopravvissuta, il miracolo vivente, e come tale, affannarsi per una vita per sanare ferite che NON siamo noi figli venuti dopo a dover sanare, perchè più grandi di quanto un bambino possa comprendere.

Ho capito solo da poco che la morte dei miei fratelli in una famiglia che li ha sepolti ancora vivi, uccidendone i ricordi e la memoria, ha causato come effetto collaterale un'ombra proiettata su di me (e credo anche su mia sorella), bambine vive, ma costrette a misurarci col dolore senza parole.

Quando è morto Lapo ho giurato a me stessa che non avrei mai rovinato la vita di Giulio e degli altri figli a colpi di silenzio e di date maledette.
Non avrei suddiviso con loro il mio carico, che è e resta mio.
Non avrei insegnato loro l'arte del sopravvivere coltivando l'assenza, ma avrei provato a trasmettere loro la difficile arte di costruire vita intorno al dolore.
E' anche per questo, che il compleanno di Lapo è un giorno in cui la nostra famiglia, come per gli altri compleanni, fa qualcosa di "speciale", tutti insieme, che celebri l'amore, reciproco che ci lega al di sopra di ogni cosa.

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#108090
Ringraziano per il messaggio: Lucia, Maria, labruse, francescas, Sissy17, maggie4444, damap, Chiara75, chia, katia mamma di angelo e 15 altre persone hanno anche detto grazie.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1290
  • Ringraziamenti ricevuti 829

chia ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Per quelle mamme come noi che non hanno nulla, non è sempre così semplice affrontare il discorso con gli altri figli, venuti prima e dopo..

Quando Noah era nella mia pancia, Matilde era talmente piccina.. Tra i sei e gli otto mesi..
Tommaso aveva quasi due anni: lo sapeva, aveva capito ed era felice.
Nemmeno lui però ricorda nulla.

Non ha visto la pancia crescere, non ha capito niente.
Quando mi hanno ricoverato gli abbiamo spiegato con le parole più semplici possibili, sembrava aver capito. Poi, qualche giorno dopo, di punto in bianco "sono felice che c'è un bimbo nella tua pancia".. Io sono crollata, ho lasciato il papà a spiegargli le cose.

Da allora non ho più affrontato il discorso fino al raduno a SanDonà. Ci tenevo che capissero perchè eravamo lì, cosa avremmo fatto, a chi andavano quei palloncini.

Non so quanto questo abbia fatto presa nel loro cuore, ma ho sentito fosse ora di iniziare. Non so come andrà quando toccherà a Pietro.. Temo la domanda "allora io non ci sarei stato?"

Credo comunque che aspettando il momento adatto sia giusto che anche loro sappiano, perchè possiamo aiutare a costriure una nuova generazione che non pronunci mai le parole "ma non era mica un bambino.. meglio adesso a che a 15 anni..." e via discorrendo.

E lo dobbiamo ai nostri bimbi celesti.
#108159
Ringraziano per il messaggio: Chiara75, Cinzia65, IvoneEGabry

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1031
  • Ringraziamenti ricevuti 1149

samy74 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Ho letto tutto il topic e ringrazio Lucia per averlo tirato fuori. Ho letto tutte le testimonianze perchè l'ascolto mi rende facile capire i diversi aspetti di questo per me Problema. Non ho mai parlato ai miei figli in terra del loro fratelllino o sorellina. Non ho mai avuto il coraggio, è la verità Non ho una tomba su cui piangere per cui il rituale cimitero non è stato mai affrontato. Non ho mai nascosto loro le lacrime, ho sempre cercato di farli vivere non in una favola dove tutto è rosa e meraviglioso. Esiste la malattia, la sofferenza e il dolore.Abbbiamo affrontato la morte del gatto e del cane. Quella dei criceti con relativo funerale. Abbiamo fatto preghiere.

Ma di Andrea non sono mai riuscita anche se alla viglia dell'esame di riparazione di MAtteo quando mi ha chiesto Speriamo che da lassù qualcuno mi aiuti...volevo dirgli che c'è suo fratello o sorella che veglia su di lui.
I miei hanno cancellato l'esistenza di mio figlio, il padre ricorda solo che stavo male, i miei suoceri mi chiesero solo a un paio d'ore dall'accaduto Come stavo. Punto discorso finito.

Ora mi trovo( da quando ho cominciato questa elaborazione tardiva del lutto perchè scorprire questo posto è come ritrovarmi a fare gradini indietro andando avanti) a chiedermi. E' giusto portare a conoscenza i miei figli del loro fratellosorella???
Troverò mai il coraggio?
grazie mamme
Samy
#108169
Ringraziano per il messaggio: Sissy17, Rosanna71, Cinzia65

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 1440
  • Ringraziamenti ricevuti 451

Chiara75 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Io credo che le mie figlie in terra debbano sapere di Pietro per due ragioni. Una è, come scrive Chiara, che lo dobbiamo ai figli che non ci sono più. L'altra è perché vorrei che le generazioni future ragionino con un senso maggiore di rispetto nei confronti di quello che accade agli altri. Immagino che sapendo quello che è successo alla loro mamma possa renderle persone migliori. Persone in grado di aspettare e riflettere prima di dare un giudizio, persone che sapranno ascoltare col cuore oltre che con le orecchie. Quello che proverò a fare io conterà magari poco, tanto quanto un granellino di sabbia, ma se ci mettiamo in tante...
Matilde e Camilla sono decisamente ancora piccole, ma quando saranno più grandi sapranno del loro fratellino, passo dopo passo in base all'età cercherò di renderle partecipi di tutto quello che ho passato e provato. Matilde, che tra poco compirà 4 anni, al momento immagina suo fratello come un angioletto che la vede, la protegge e afferra il suo palloncino ogni volta che gliene mandiamo uno lassù.
Anche se in modo ancora così fanciullesco, sono felice che Pietro sia parte della sua vita.
Vi abbraccio, Chiara
#108576
Ringraziano per il messaggio: maggie4444, damap, Cinzia65

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 516
  • Ringraziamenti ricevuti 216

Vittoria22.01 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Durante la mia seconda gravidanza, ho scritto una lettera alle mie due patatine, è chiusa e siggillata...gli parlo di quanto sia stato duro per me accettare di aspettare due gemelle della paura e dell'angoscia, gli chiedo scusa per non averle amate tranquillamente in pancia.......ma gli parlo anche di amore, quell'amore incondizionato che provo per la sua sorellina senza la quale forse loro oggi non sarebbere qui tra le mie braccia.
domenica 2 anni di Vittoria, siamo andati tutti al cimitero, abbiamo dato in mano a Matilde e Flavia due palloncini che loro con il nostro aiuto hanno lasciato volare......vado sempre con loro a trovare Vittoria e a volte gli racconto la nostra storia che è anche la loro..........Matilde da una settimana si addormenta sola con il carillon di Winni comprato a Vittoria.......all'inizio custodivo gelosamente tutto ciò che è di Vittoria...oggi non più.....loro giocano con gli stessi giocattoli perchè sono sorelle.....e sempre sempre se loro vorrranno gli parlerò di lei.
#109479
Ringraziano per il messaggio: Maria, Sissy17, damap, Chiara75, stesa77, duefebbraio, Betty81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 50
  • Ringraziamenti ricevuti 110

Irenee ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Care mamme sta mattina leggendo un libro sull'educazione dei figli mi sono imbattuta in un capitolo " La verità deve risiedere nelle parole della realtà" e mi siete venute in mente...argomento che tocca me come voi! Tratto dal libro "Come allevare un figlio felice" di Francoise Dolto.
Qualcuno le pone delle domande da lettere:
La morte:un tema ricorrente nelle lettere.Eccone due. La prima è di due genitori che chiedono come parlare , al loro bambino di 8 mesi di un fratello morto che non ha conosciuto e che è rimasto molto presente nel loro cuore.La seconda è di una madre che 17 mesi fa ha avuto 2 gemelli : uno è morto all'età di tre mesi.Le domanda se l'altro fratello può risentirne di questa perdita e come parlargliene.

La Dolto risponde:
Per quello che concerne il bimbo di 8 mesi al quale è morto il fratello , mi sembra si debbano dire ai genitori 2 cose. La prima è che questo bambino, che è presente nel loro cuore, che è stato amato, deve mantenere il suo posto; è bene che, in famiglia o con gli amici, si continui a parlarne davanti al piccolo. La seconda è che ogni volta che se ne parla (può già essere fatto ad otto mesi e avrebbe già dovuto essere fatto) gli si deve dire. "Parliamo del tuo fratello maggiore che tu non hai mai conosciuto". Fate bene attenzione alla parola. Perchè niente è più nocivo per i bambini a cui il fratello maggiore è morto da piccolo, parlar loro di lui come del "fratello piccolo"; la madre ha la tendenza a dire "Il mio piccolo...che è morto"; credo che invece si debba dire "tuo fratello maggiore" o il "primogenito","tu sei il secondo". E' importante che sempre il bambino senta dire che lui è il secondo e che è stato la gioia dei genitori,visto che per fortuna il destino gli ha permesso di superare l'età alla quale i genitori si riferiscono quando pensano al maggiore... Aiuterà molto i genitori parlare al figlio del fratello grande .Via via che il bambino crescerà gli si spiegherà "Non hai tuo fratello che , se fosse vivo,probabilmente ti aiuterebbe, Ma chissà che non ti aiuti visto che comunque è in mezzo a noi quando lo pensiamo". Quello che non si deve fare è idealizzare il bambino defunto:lui sarebbe perfetto,non avrebbe fatto stupidaggini, ecc.
Si può parlare a un bimbo molto piccolo del fratello.E nella prima occasione ad esempio il primo novembre al momento dell visita in cimitero ,nel momento in cui portiamo ai morti la testimonianza del ricordo dei vivi,sarebbe bene che il bimbo vi andasse con i genitori e che senza cadere nel patetico gli si parlasse del fratello maggiore dicendo gli "Lui riposa qui"
...Ogni essere umano è insostituibile per quelli che lo hanno amato.
#111642
Ringraziano per il messaggio: Giuseppa e Giuseppe, francescas, Chiara75, maruta

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 71
  • Ringraziamenti ricevuti 121

maruta ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

I miei figli parlano molto di anita, ne hanno vissuto la perdita e insieme continuamo a ricordarla (ognuno in modo diverso). Anche ora che stiamo aspettando Fiorellina non perdono occasione per ricordarla e così penso sarà anche dopo, quando, speriamo tanto, sarà nata e in mezzo a noi!ci aiutano a non mettere da parte..
anzi, ci suggeriscono idee straordinarie per non dimenticare e per non far dimenticare..
federico ha chiesto di fare un albero genealogico dove vedere tutta intera la nostra famiglia (appena sarò a casa dal lavoro ho intenzione di dipingere un grande e colorato albero su una parete della cucina dove scrivere i nostri nomi, di tutti e 6!) e poi mi ha chiesto: ma se dopo fiorellina dovesse arrivare un altro fratellino ci sarà posto anche per lui sull'albero?
riccardo ha avuto una visone molto bucolica di tutti noi:
con l'arrivo di fiorellina facciamo le 4 stagioni!ognuno è nato in una stagione diversa e proprio fiorellina era quella che mancava, la primavera!
e poi ci ha chiesto se ad anita non dispiace che loro coccolino la fiorellina, una volta nata!
marta
#112097
Ringraziano per il messaggio: Maria, maggie4444, Chiara75, leuca, carmen76, Cinzia65, Betty81, Irenee

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 214
  • Ringraziamenti ricevuti 35

Syl ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Cara Lucia,
io penso che ci sia poco di razionale nel modo in cui decidiamo di condividere i nostri figli in cielo con quelli in terra. Penso che il nostro personale modo di elaborazione del lutto e, quindi, il nostro modo di relazionarci con loro adesso lo trasmettiamo ai nostri figli ogni giorno. Non credo possiamo nascondere qualcosa che urla dentro di noi o tirare fuori qualcosa che è blindato e nascosto senza di noi perchè pensiamo sia il giusto per i nostri figli...
Possiamo solo essere noi stessi e trasmettere a loro la nostra esperienza con il dolore e la perdita.
Io sono fiera di come ho elaborato la morte di Matteo... di come ho lottato ogni giorno per lui, per il suo ricordo e per la voglia di mantenere comunque vivo il mio legame con lui. Non posso vivere diversamente da così. E questo è quello che i miei figli successivi sperimentano del loro fratello maggiore.
Non sono ossessiva... vado poco al cimitero ma quando ci vado vado con loro. Quando parlo del nonno in cielo parlo anche di Matteo (perchè uno sì e l'altro no?). Quando è il compleanno di Matteo, come Claudia, sento la voglia di celebrare con la mia famiglia l'amore che ci lega e coninvolgo tutti in un piccolo momento speciale per Matteo.
Ho una collanina con un ciondolo con un cuore che contiene dentro un'altro cuore: è il regalo di Nic dopo la nascita/morte di Matteo. E' sempre con me e guai a togliermelo e quando Alec e Alice ci giocano io chiedo loro di farlo con delicatezza perchè quello è il cuore di mamma e Matteo. E Alec mi ha chiesto un giorno: "E il cuore di Alec?" e io gli ho detto che il cuore di Alec è nel suo petto sempre vicino alla mamma ma quello di Matteo è in cielo e allora la mamma lo vuole vicino a sè nella collanina.
E' la verità ed esprime il mio rapporto con il mio piccolo. Impossibile neasconderlo. Non posso essere diversa da così e non posso trasmettere niente di diverso ad Alec e Alice. Spero di avere la possibilità di spiegare via via che crescono il modo che la nostra famiglia ha scelto per convivere con ogni aspetto della vita, compresa la perdita.
Syl
#117916
Ringraziano per il messaggio: Maria, Chiara75, LauraC, Doris, devastator, tanjagirgenti

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 470
  • Ringraziamenti ricevuti 1151

silvia13 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Io e mio marito abbiamo da pochi giorni saputo che anche mia suocera ha perso un bambino, il suo primogenito. Quello che sarebbe stato il fratello maggiore di Michele. Operata durante la gravidanza di una ciste all'ovaio, perse il bambino al 5 mese come conseguenza di questo intervento. Mio marito sapeva dell'operazione ma non ha mai sospettato nulla. E io...quando aspettavo Irene mi aveva chiesto se fossi sicura che non ci fosse più nel nostro ospedale un certo medico, perchè con quell'intervento aveva avuto "una brutta esperienza".E quando era arrivata in ospedale subito dopo che mi avevano avviato il travaglio, io le dissi " E' durissima", lei rispose "Lo so... il parto medico è dolorosissimo". Quel suo "lo so" mi era sembrato reale, come se lei lo sapesse davvero, non una comprensione generica, ma sapevo che Michele era nato con parto spontaneo. Ora so che è così. Michele ha pensato a quanto deve essere stato doloroso per lei dirgli tutto dopo 34 anni. Io quanto deve essere stato devastante rivivere tutto "da nonna" senza avere la tentazione di dirmi che era successo anche a lei...
#118161
Ringraziano per il messaggio: Sissy17, Chiara75, sabrina13

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 177
  • Ringraziamenti ricevuti 235

Eri ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Ciao lucia...da molto ormai nn bazzico da queste parti...e solo oggi ho letto il tuo post...la mia principessa é nata nel 2010 e ora ormai da 20 mesi ho una piccola crea disordine per casa...fin da subito anke noi l abbiamo portata al cimitero le abbiamo insegnato a dare il bacino alla sua sorellina a portarle i fiori e farle ciao ciao prima di uscire...per me é molto importante che lei impari a capire ke nn é l unica ad avere un posto nel cuore della mamma e del papà! !! Il 12 giugno é stato il 3 compleanno in cielo di lluvia e la nanetta le ha regalato un gattino di plastica...lo ha messo sulla lapidina e con grande stupore n ha voluto riprenderselo...le abbiamo fatto imparare a salutare la luna perche la sua sorellina é li ed é la nostra pescatrice di stelle...vorrei tamto ke il suo ricordo viva con lei anke se nn l ha mai conosciuta e vorrei insegnarle ke come me e il suo papà potra sempre contare su questa principessa ke le sarà sempre vicino mei momenti belli e in quelli brutti...nn so cosa i nonni pensino di questa cosa ma a dir la verita poco mi importa!!io sono la mamma e cerco di fare quello ke per me è giusto eci fa stare bene...
Da qualche settimana stonpensando a recuperare la foto di lluvia...so ke su questo i miei nn sono daccordo ma d altra parte la bimba é la mia e solo io posso sapere cosa ho nel cuore...poco mi importa di quello ke dicono...nn so se faccio bene ma credo ke solo noi sappiamo cosa é bene e male in questo viaggio quindi due orecchie una per far entrare e l altra per far uscire mi vengono comode...l importante é ke io e il papà delle mie nanette siamo sulla stessa lunghezza d onda...tutti gli altri ke parlino pure...
Ps...nn credo ke i nostri bimbi interra andranno incontro a lunghissime sedute di spicoanalisi, credo solo sianonpiu fortunati di altri bimbi, avranno sempre un sorriso sulle labbra quando guarderanno in cielo, e lo faranno con occhi diversi rispetto agli altri...tutto qui...
Un bacio eri mikol e lluvia semore sulla spalla
#141672
Ringraziano per il messaggio: franci81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 178
  • Ringraziamenti ricevuti 71

giuly74 ha risposto alla discussione Re: creare "ricordi" nei figli successivi.....

Mi inserisco in questo topic.
Leo (5 anni) viene con me al cimitero sulla tomba di Angelo da 4: mettiamo i fiori, manda il bacino all'"angioletto" ecc...
Non ha mai chiesto niente fino a quset'anno: sono piovute tutte le domande non fatte negli ultimi 4 anni.
Ad alcune non ho saputo o voluto rispondere: forse non sono pronta io.

Comunque le parole di Claudia mi hanno fatto pensare: possibile che non ci sia arrivata da sola dopo 4 anni???????? :blink:
Leonardo è nato il 30 gennaio 2009 - Tutto perfetto
Angelo è nato morto il 29 gennaio 2010 - Il giorno prima del 1° compleanno di Leo

Per me il giorno prima del compleanno di Leo è un giorno incubo: magone, nervosismo e poi quella data lì a ridosso del compleanno di Leo... suo fratello nato morto il giorno prima del suo compleanno.... una anno è fatto di 365 giorni!!!! Perchè proprio quella data????

Claudia mi ha aperto gli occhi... il punto è come ho fatto ad essere così cieca, per così tanto tempo????
Il 29 gennaio 2014 faremo anche noi qualcosa di "speciale e bello" per l' "Angioletto" e il 30 gennaio festeggeremo il compleanno di Leo.
Magari la rabbia si volatizzerà e sarà l'inizio di qualcosa di nuovo.

Ovviamente GRAZIE.
#143890

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.305 secondi