Desiderare una nuova gravidanza....speranze, dubbi e paure...

  • Raffy
  • Avatar di Raffy Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 129
  • Ringraziamenti ricevuti 14

Raffy ha creato la discussione Vincere la paura pensando al domani

Care mamme speciali

ho pensato di aprire questa discussione per affrontare il tema di come vivere una altra gravidanza dopo la perdita di un figlio.
In questo post vorrei che chi come me (e siamo la maggior parte...) sta già pensando ad un'altra gravidanza esprima non solo la gioia ma soprattutto le paure verso un evento naturale e bellissimo come essere incinta.
Inviterei anche le mamme che hanno già affrontato la gravidanza successiva a raccontarla, per testimoniare come sia possibile andare avanti e cercare quella felicità che meritiamo tutte.

Inizio io..per me l'idea di una seconda gravidanza è apparsa subito come la risposta immediata alla perdita di Leo. A distanza di qualche mese capisco che è ancora presto e che non è giusto intraprendere una nuova gravidanza quando ancora non ho pienamente elaborato il mio lutto. Però il desiderio di maternità è tanto, la volontà di creare una famiglia (io sono la terza di cinque figli!) è sempre stata forte in me e così, a tempo debito cercherò un altro figlio. Questa cosa se da un lato mi stimola a reagire, a credere nella vita, dall'altra mi spaventa; quello che temo è di non riuscire a vivere bene quei nove mesi che mi sembrano adesso infiniti...ho paura di non legarmi al bimbo/a, come se volessi in qualche modo proteggermi da altre sofferenze...sono molto combattuta, a volte mi auguro che questi mesi (almeno altri 3 avendo subito un cesareo) passino in fretta, poi mi si chiude lo stomaco ed eccola lì, la paura mi attanaglia e mi ritrovo a non pensare, a lasciare che le cose vengano da sole.
Non intendo arrendermi a questa vita, anzi, ma è così difficile...
Raffaella
#351
Ringraziano per il messaggio: dily, afra77, enrica79

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 7
  • Ringraziamenti ricevuti 1

emanuela ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Io dopo la prima gravidanza finita alla 13^ settimana (in settembre 2006) ci ho messo un pò prima di sentirmi pronta per ricominciare e caso ha voluto che al primo tentativo sia rimasta incinta la seconda volta... dopo aver visto il test positivo non so dirti se fosse più forte la gioia o più forte l'ansia di affrontare questa gravidanza. I primi esami delle hcg beta (maledetti ormoni!!!) non davano risultati esaltanti tanto che il 17 marzo (ironia della sorte sarebbe stata la data presunta del primo parto) la ginecologa mi dice che probabilmente siamo di fronte al secondo aborto interno. Il 19 marzo mi sono recata al pronto soccorso ostetrico e dall'eco è risultato che invece di un aborto c'erano due gemellini can battito cardiaco.... ho iniziato a pensare che magari nostro Signore regalandoci due creature voleva farci \"recuperare\"... poi proprio il giorno della festa del papà avevamo scoperto che erano due... insomma avevo inziato a convincermi che erano segnali positivi.... ed invece il 30 marzo il terribile verdetto \"mi spiace... ma i cuoricini dei vostri piccini si sono fermati\" Nonostante la gioia cercasse ogni tanto di farsi viva mi rendo conto che le miei giornate in realtà erano piene di ansia e di paura... ogni sera prima di addormentarci io e il mio fantastico marito ci dicevamo \"chissà se il loro cuoricino batte ancora\"....
Dopo anche questa seconda gravidanza fallita però mi sento più pronta a ricominciare (se potessi lo farei anche subito:P ) anche se so già che probabilmente saranno la paura e l'ansia a vincere sulla gioia....
#352

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 576
  • Ringraziamenti ricevuti 66

Lucy ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

che dire... fra un po' il desiderio di un altro bimbo sarà più forte della paura e allora non riuscirai più solo a pensare con la testa... poi sentirai che una nuova vita sta nascendo ma non avrai il coraggio di fare il test... un po' per la paura di un responso positivo e un po' per quella di un responso negativo... ma dentro di te sai già la risposta, l'ansia ti prende la gola solo al pensiero... poi ti decidi fai il test e non capisci più se sei felice o no, ma la cosa che capisci subito è che amerai questo bambino, che non verrà assolutamente a rubare l'affetto che ancora provi per l'altro (quello ci sarà sempre), sentirai che il tuo angioletto ti è vicino e ti aiuterà giorno per giorno... tra alti e bassi (più alti che bassi) passeranno 7 mesi, verso la 30 settimana avrai spesso il cuore a 1000 e ti chiederai se è per il peso della pancia o per la paura che succeda di nuovo... senza accorgertene stringerai tra le braccia il nuovo bimbo e il primo pensiero sarà quello di cercare in lui qualche somiglianza... poi sarai talmente presa da questa nuova vita che tutto ti sembrerà più semplice... per me è stato così...
#353
Ringraziano per il messaggio: dily, franci81, gio74, GIORGIA, Alice e Eros, kykka, sabrina susanna, ire81, silviamaledetta, dany78.com@gmail.com e 10 altre persone hanno anche detto grazie.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Raffy
  • Avatar di Raffy Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 129
  • Ringraziamenti ricevuti 14

Raffy ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Lucy!!

grazie per le tue bellissime parole...mi sono commossa e per poco non ho pianto,mi sono dovuta frenare altrimenti le lacrime partivano e poi come le fermavo?
Voglio credere a quello che mi dici, voglio essere forte, ottimista, credere che la vita sia bella e valga la pena soffrire se poi si può essere di nuovo felici.
Grazie ancora
Raffy
#354

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Lucia
  • Avatar di Lucia
  • Offline
  • Moderatore
  • Moderatore
  • mamma di Alice in cielo e Agnese in terra
  • Posts 885
  • Ringraziamenti ricevuti 536

Lucia ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

già il domani....
anch'io ho sentito subito la necessità di un'altra gravidanza, ma forse sera solo per tentare in ogni modo di riportare indietro l'orologio, perchè volevo a tutti i costi ciò che mi era stato negato, una gravidanza felice e una figlia da riempire di coccole.
Volevo una rivincita, con bramosia.
E allora mi ritrovo dopo quattro mesi e mezzo a dire grazie del taglio cesareo, perchè mi impone di aspettare e vedo che con il tempo la mia voglia di gravidanza non è più avere ciò che mi è stato negato, riportare indietro l'orologio, ma solo voglia di avere un'altra gravidanza.
Quell'esperienza felice, serena e \"incosciente\" non l'ho avuta e non l'avrò più.
Ma avrò un'altra gravidanza, consapevole, saprò sin da subito che tentare di non amare quel puntino in pancia per paura non sarà possibile, e che amarlo dal primo giorno mi appagherà, saprò che le scaramanzie sono tutte inutili e che non ti preservano dal dolore, arriverò con agitazione alla morfologica e così via finchè non sarò a casa con lei o lui....
Il tempo aiuta a vedere anche il futuro con lucidità.
il resto è una questione di scelte: scegliere se far vincere la paura o la vita.
#356
Ringraziano per il messaggio: GIORGIA, chiara1979, elisa2012, silviamaledetta, dany78.com@gmail.com

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 203
  • Ringraziamenti ricevuti 44

amanda ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Che bello questo post!!!
Ho letto le vostre risposte e mi sono quasi messa a piangere, quanto è vero quello che dite, ciò che pensate, è proprio vero siamo persone tutte diverse tra loro ma parliamo la stessa lingua.
Ora visto che sono stata chiamata in causa come mamma che sta affrontando la sua seconda gravidanza, cerco di descrivervi ciò che mi è passato e mi passa nella mente dal giorno del test, premetto che sono solo all?ottava settimana e quindi ancora di strada da fare ne ho.
Non è passato poi tanto da quando ho deciso di fare le beta hcg, non so nemmeno perché le ho fatte, visto che ancora mancavo alcuni giorni al ciclo, forse perché me lo sentivo, si forse dentro di me era cambiato qualcosa, comunque l?8 di marzo ho deciso di farmi il prelievo, quando dopo nemmeno un? ora ho saputo che era positivo sono scoppiata a piangere, sono stata assalita da sentimenti ed emozioni contrastanti, la gioia per essere incinta e in contemporanea il terrore di affrontare una nuova gravidanza!!!
Nei giorni successivi la mia testa doveva combattere con la felicità di essere di nuovo incinta e la paura che tutto finisse, così sono stata più di una settimana a farmi le beta hcg a giorni alterni, avevo le braccia come una drogata, poi finalmente è arrivato il 29 marzo, giorno in cui ho visto per la prima volta il mio ?cosino? e ho sentito il suo cuoricino battere, che emozione, ma non vi nascondo che mentre mi facevano l?ecografia mi è venuto il nodo in gola e mi si sono riempiti gli occhi di lacrime, in quel preciso istante Federico mi è mancato come l?aria.
I giorni continuano a passare, tra alti e bassi, a momenti mi tocco la pancia e parlo con il mio ?cosino? di 2cm e a momenti faccio finta di niente, non ci penso, non so perché reagisco così, ma forse tra un po? lo capirò.
Non vi nascondo che la sensazione è strana, mi ritrovo a parlare a Federico e dopo due minuti parlo con il fratellino/sorellina nella pancia, a volte penso di essere definitivamente impazzita.
Una cosa è sicura, nonostante continui a ripetere a tutti che dobbiamo stare con i piedi per terra, perché si sa che i primi mesi sono a rischio ecc, ammetto di essere la prima che sta già volando con la mente, con il corpo, con tutto, mi piace, mi fa stare bene, lo voglio fare, tanto la scaramanzia non serve a niente, ed è inutile pensare che se faccio finta di niente non mi affezionerò, io di quel ?cosino? sono già innamorata!!!!
Non vi nascondo che la paura è tanta, paura che tutto finisca, paura di affrontare altri interminabili 9 mesi, paura di arrivare in fondo e???, paura ad ogni ecografia di sentirsi dire ?mi dispiace, non c?è battito?.
Un bacione a tutte/i e prometto di riportarvi le mie future sensazioni
Amanda
#362
Ringraziano per il messaggio: dily, franci81, darioalessandra, CarlaD, elena lanza

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Grazie a Raffy per questo post, che spero venga condiviso da tutti, perchè affronta un passaggio importantissimo per noi genitori.
La perdita in gravidanza o dopo il parto è inaspettata, crudele e contro l'ordine naturale degli eventi, come noi umani lo immaginiamo comunemente, convinti come siamo che la vita segua strade logico - matematiche; perdere un bambino è per tutto questo un'esperienza destinata a provocare reazioni molto estreme: tra queste, l'immediato (e spesso in certi casi ossessivo) desiderio di un altro figlio subito ed il suo contrario, la paura FOLLE che tutto si ripeta, accompagnata da un sistematico evitamento anche solo dell'idea di affrontare una nuova gravidanza.
I genitori di solito si collocano in uno dei due filoni (esistono anche posizioni più intermedie, un pò più equilibrate e meno pericolose psicologicamente), per motivazioni le più varie: bisogno assoluto di riprendersi il ruolo di genitore, sensazione di inutilità, bisogno di dimostrare agli altri che siamo capaci di avere figli, senso di solitudine oppure: paura di stare di nuovo così male, senso di impotenza, senso di fallimento, sensi di colpa nei confronti del bambino perduto, paura di non reggere psicologicamente alla tensione di una nuova gravidanza e così via.
Avere o meno altri figli o avere avuto precedenti gravidanze problematiche certamente influenza il tipo di scelta, che è comunque molto soggettiva (e nessuno può dare consigli in proposito, perchè ciò che va bene in una coppia non necessariamente va bene per un altra, bisogna conoscere e capire)

Devo dire che nel mio caso io la paura l'ho vinta proprio non pensando al domani: nel senso che ho sentito per me troppo difficile pensare ad un'altra gravidanza in una situazione di dolore e disequilibrio come quella del mio lutto.
Avevo paura di soffrire, ero troppo ansiosa per potermi assumere questo nuovo compito (al punto che per la prima volta in vita mia avevo paura solo all'idea di poter restare incinta). Quindi ho aspettato che la paura andasse via da sola, senza forzarmi a cambiare idea.
La paura è andata via tutta insieme, quando una mattina ho scoperto che potevo di nuovo guardare i neonati senza sentirmi soffocare, e quando ho capito che la paura poteva solo paralizzarmi per sempre, ma non mi avrebbe nè reso Lapo nè protetto dal dolore. Ho riscoperto la gioia di pensare al domani come l'ho sempre pensato, con tutti i miei bambini, e ho provato ad accettare il rischio di provare ansia e paura, a fronte di provare di nuovo quell'amore grandissimo che avevo avuto la fortuna di sentire già due volte.

E quindi, adesso aspetto Guglielmo, che ha ben 26 settimane, tra picchi di ansia (soprattutto nel primo trimestre), gioia, e tanto amore.
Io mi sono affezionata da subito, come dice Lucy, e sono qui a fare il tifo per lui, e spero con tutta me stessa che lui resti con noi, e un pò gli rompo già quando controllo e lo strapazzo per farlo muovere (ma solo poche volte, lui ha già imparato, povero santo, e mi risponde subito...)..aspettare è molto difficile, ma cerco davvero di vivere giorno per giorno e di valorizzare anche questa maternità, di comprare i suoi vestiti, di accoglierlo nella famiglia, insieme ai suoi fratelli.

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#363
Ringraziano per il messaggio: Betty81, chiara1979, darioalessandra, ilaria75, je

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 63
  • Ringraziamenti ricevuti 8

Laura ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Anche io ho avuto paura ? tutti abbiamo paura delle cose che non conosciamo e di quelle che non possiamo controllare e quando il destino ti si ritorce contro, come è successo a noi è normale avere paura ?. Sapevo che affrontare una nuova gravidanza voleva dire dover sopravvivere ad una situazione che sentivo come pericolosa, terrorizzata dall?idea di dover subire nuovamente la stessa abominevole esperienza, ma poi piano piano la voglia di giustizia ha prevalso sul sentimento della paura ? come il bene che lotta contro il male e così sulla scia di questa voglia di riprendermi parte della serenità ingiustamente derubata a me ed alla mia famiglia, ho deciso (abbiamo deciso) che era il momento di riprovarci. Abbiamo pensato che ci meritavamo ancora un po? di felicità, ma soprattutto sentivo dal profondo del mio cuore la necessità irrefrenabile di dare ancora una volta vita, di riuscire a dare quell?amore infinito che, nella vita terrena, non avevo potuto dare al mio Elia, tutto ciò nella consapevolezza che non esiste amore più grande di quello che diamo e di quello che danno i nostri figli.
Ricordo perfettamente il giorno del test (quasi inutile farlo perché già sentivo dentro di me una nuova vita), il 5 febbraio 2005 e lo stato d?animo contrastante che si creò in me, misto tra la felicità di aspettare un altro figlio e la paura di riaffrontare nuovamente un percorso così difficile ? poi mi soffermai a pensare a quel 22 gennaio 2004 quando mi accorsi di essere incinta di Elia ? una gravidanza ?sorpresa?, inaspettata che suscitò in me una sensazione quasi di disagio, pensai stupidamente al lato pratico, era entrata da poco a lavorare come sostituzione maternità, avevo Eva ancora molto piccola, economicamente eravamo instabili ?. Passò qualche settimana prima che realizzassi di quanto meraviglioso fosse aspettare quel bambino e poi quando mi è stato tolto, così di sorpresa, improvvisamente proprio come quando è arrivato mi sentii proprio ingrata, piena di sensi di colpa. Perciò quando scoprii la successiva gravidanza mi ripromisi che mai per un istante dovevo mettere in discussione quanto di meraviglioso mi stava accadendo un?altra volta ? mi dovevo considerare una privilegiata perché comunque avevo trovato la forza ed il coraggio di combattere questa lunga battaglia e che questa nuova creaturina avrebbe dovuto risentire il meno possibile di tutto ciò ? pensavo che non era giusto che il nuovo arrivato potesse ?soffrire? ancor prima di vedere la luce del sole!
Mi sono fatta violenza, ma ovviamente ho avuto le mie belle cadute ?. Ho ?nascosto? la mia gravidanza per un lungo periodo (solo i familiari e gli amici intimi ne erano a conoscenza), fin tanto che non ebbi la certezza che il primo ostacolo era superato, ovvero il primo fatidico trimestre; appena iniziarono a farsi sentire i primi calcetti, cominciai a disturbarlo, soprattutto la notte, quando non lo sentivo muovere; tutte le volte che facevo la visita mensile dal ginecologo, avevo il cuore in gola, aguzzavo la vista su quel monitor per veder pulsare quel cuoricino così piccolo ma forte; mi sentivo stranamente distaccata da questa creaturina che cresceva in me ? come accenna infatti Raffaella (ma ho scoperto poi che questo distacco che prende nome di ?inibizione dell?attaccamento? è una reazione normalissima nelle gravidanze successive a morte intrauterina ?. fino a quel giorno però sono stata tempestata dai sensi di colpa!); non ho voluto sapere il sesso (quasi come se volessi rendere quella gravidanza un po?, come dire, ?frizzantina?, avvolta nel mistero e nella sorpresa del sesso del bambino) ?.. qualche giorno prima dell?anniversario della morte di Elia (22 Agosto 2004) iniziai una lunga preparazione psicologica quasi come se mi volessi fare il lavaggio del cervello, imponendomi di stare calma, perché questa nuova vita aveva il dovere di stare tranquillo e di percepire tutte le sensazioni positive che deve e può dargli la sua mamma ? mi annientai emotivamente (e questo è stato poi un grosso dazio che ho ripagato in sede di travaglio, che meriterà poi un post a sé!)!
Alla 39esima settimana ed un giorno è nato Alberto ?. dico sempre che ciò che distingue la sua venuta al mondo da Eva e che non è nato solo dall?amore del suo babbo e della sua mamma, ma da un amore diverso e profondo, quello cioè portato dal ricordo del suo fratellino Elia!Guai a chi prova a dirmi che Alberto è un bambino di rimpiazzo (come hanno tentato di dirmi) oppure un bambino nato per dimenticare ?. Alberto è la prova vivente di quanto l?amore di una mamma possa andare al di là di qualunque ostacolo sia esso materiale, sia esso morale, sia esso trascendentale ? Alberto è la mia conquista più grande ed oggi sono fiera di me stessa e di esser riuscita a costruire questa meravigliosa famiglia ? Eva se lo meritava, io e mio marito pure! ... e come tutte le dure battaglie, vincerle comporta tenacia, sacrificio e anche paura, ma è proprio riuscendo a superare questa paura che riusciamo a raggiungere i nostri scopi ... la paura frena, la paura blocca, arresta i nostri sensi ... dobbiamo guardare al di là della paura ... alla vita!!! ....i nostri angioletti non ci hanno lasciato la paura, anzi ci hanno arricchito anche in questo senso perchè ci hanno lasciato gli strumenti per vincerla e per affrontare a testa alta la vita di tutti i giorni!
#364
Ringraziano per il messaggio: valeria76, laura83, Giggia, mammina2, francycarlo

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Raffy
  • Avatar di Raffy Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 129
  • Ringraziamenti ricevuti 14

Raffy ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Care mamme speciali

sono contenta che molte di voi abbiano risposto a questo post, sia le future mamme sia quelle che lo sono già diventate. Spero che tante altre seguiranno il nostro esempio.

Da quello che è stato detto emergono molte delle mie paure (che sono quindi comuni....) e delle mie aspettative e questo mi dà coraggio.
Grazie a tutte per la testimonianza portata, come sempre qui mi sento meno sola..
Un abbraccio a tutte voi
Raffy
#367

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 61
  • Ringraziamenti ricevuti 1

Antonella ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Il pensiero di un?altro bambino è stato ed è la forza che mi ha sostenuto nei momenti più bui, lo stimolo per andare avanti, per trovare nuova fiducia nel futuro... A causa del cesario sono costretta ad aspettare e così mi ritrovo a contare i giorni che mancano per superare gli otto mesi come il ginecologo mi ha consigliato...
Con Ettore ero pronta a fare la mamma ma questo mio desiderio è stato interrotto, ho perso la mia ?metà? e mi sento incompleta... solo un?altra gravidanza mi potrà ridare il figlio che mi è stato negato e così attendo con impazienza quel giorno... Tante ansie e paure accompagnano questa attesa ma, al momento, predomina il terrore di non rimanere incinta; non riesco a capire il perché visto che non ci sono motivi particolari... ma è diventato quasi un incubo in quanto ci penso spesso e immagino situazioni nelle quali il ginecologo mi riferisce che qualcosa non va e sarà impossibile un?altra gravidanza...
Speriamo bene perché sarebbe alquanto deleterio...

E' una paura solo mia?... Nessuna di voi condivide questa ansia?...
Ciao a tutte, Antonella
#394

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 54
  • Ringraziamenti ricevuti 0

Marcoforever ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Ho perso il mio Marco da 2 mesi e 4 giorni, sono già mamma di una bimba di 2 anni ed anche io sono assalita in alcuni momenti da questo desiderio di avere un figlio, un'altro figlio immediatamente....purtroppo o fortunatamente devo aspettare (avendo avuto il cesareo)...
Ho paura di questo mio sentimento in quanto non so quanto sia desiderio di andare avanti e quanto voglia di tornare indietro a quel 14 febbraio.
Anche io con voi mi sento meno sola e meno \"incompresa\".
Vi abbraccio
Mariella
#395

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 576
  • Ringraziamenti ricevuti 66

Lucy ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Antonella ha scritto:

predomina il terrore di non rimanere incinta; non riesco a capire il
E' una paura solo mia?... Nessuna di voi condivide questa ansia?...

io avevo la tua stessa paura, anche perchè Marzia è arrivata ben dopo due anni di tentativi... invece dopo un anno ho scoperto di essere nuovamente in attesa... se ci ripenso mi rendo conto che ho avuto più paura di non rimanere incinta che ansia di non portare a termine anche la seconda gravidanza... ti auguro di cuore che il tuo sogno si realizzi presto... un abbraccio Lucy

#397

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 12
  • Ringraziamenti ricevuti 0

simo75 ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Ciao a tutte, questa è la prima volta che scrivo in questo forum, purtroppo faccio parte anch'io del club delle 'Mamme speciali'.
Ho perso il mio bimbo, che guarda caso si chiama (non riesco a parlare al passato) Jacopo ( o Lapo) il 15 febbraio 2007, quando mancavano solo 2 settimane alla data presuta del parto.
La solita tristissima comunicazione della mancanza di battito e poi l'inizio dell'incubo più grande della mia vita. Il mio bimbo è nato con parto naturale, poi l'autopsia che ha confermato il fatto che fosse un bimbo sano e la mancanza di una motivazione precisa che ne ha causato la morte; poi ancora la sua sepoltura e ora a distanza di 2 mesi mi ritrovo nella disperazione più totale e nella paura enorme di affrontare il futuro.
Tra poche settimane dovrò riprendere il lavoro e la cosa mi angoscia da morire .....
L'unica cosa che mi renderebbe felice, almeno credo, sarebbe una nuova gravidanza, che comunque non cancellerebbe mai il mio Jacopo....Lui c'è e ci sarà sempre, ma è tanta anche la paura di affrontare di nuovo nove mesi di gravidanza, con quale stato d'animo??
Un saluto a tutte
Simo
#398

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Lucia
  • Avatar di Lucia
  • Offline
  • Moderatore
  • Moderatore
  • mamma di Alice in cielo e Agnese in terra
  • Posts 885
  • Ringraziamenti ricevuti 536

Lucia ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

Cara Antonella, io e te condividiamo ogni giorno più aspetti del nostro vissuto già così uguale....
io mi barcameno tra la paura di non rimanere incinta di nuovo e quella che possa risuccedere......un giorno l'una il giorno dopo l'altra....
che poi di per sè non ne avrei motivo visto e considerato che Alice è arrivata al primo colpo!
Eppure anchio, in modo del tutto irrazionale, ho paura che non arrivi una seconda possibilità...cosa che mi terrorizza parecchio visto che Alice è la mia prima figlia....
Sul terrore che risucceda poi non parliamone nemmeno, mi gela il sangue il solo pensiero.....:unsure:
Secondo me per tutte noi la prossima gravidanza potrà essere rinominata \"la gestazione infinita\"!!! per quanto forse la troveremo lunga....
#400
Ringraziano per il messaggio: elena lanza

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 3
  • Ringraziamenti ricevuti 1

francesca ha risposto alla discussione Re:Vincere la paura pensando al domani

.....Il desiderio di una nuova gravidanza è forte anche in me e mio marito pur consapevoli che non riusciremo a viverla serenamente. Se realizzeremo questo desiderio per noi sarà il terzo figlio e Aurorà avrà un fratellino o una sorellina con cui giocare e un angioletto, Giacomo, che la proteggerà per sempre.
Ciao
Francesca
#405
Ringraziano per il messaggio: enrica79

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.305 secondi