Come dirlo ai fratellini

  • Posts 17
  • Ringraziamenti ricevuti 7

valepv84 ha risposto alla discussione Come dirlo ai fratellini

Buonasera a tutte
Noi abbiamo detto al nostro bambino di 5 anni che la sua sorellina non sarebbe arrivata ad agosto come lui aspettava perché purtroppo non é stata bene ed è diventata una fatina, che sará sempre vicino a lui per proteggerlo.
Sono rimasta stupita dall'intelligenza che il mio omino speciale ha dimostrato, l'ingenuità dei bambini é una cosa magica.
Io cerco di farmi forza perché continuo a ripetermi che devo essere forte per lui che è qui con me e ha bisogno della sua mamma ma non vorrei mai che si dimenticasse della sua sorellina, anche se per poco lei è stata importante per tutti noi.
#149762

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 46
  • Ringraziamenti ricevuti 39

ally87 ha risposto alla discussione Come dirlo ai fratellini

io ho altri due figli oltre al mio angioletto Axel... Un maschietto di 11 anni e una femminuccia di 6 anni... E io e mio marito ci siamo fatti tanta forza e tra le lacrime agli occhi... In quel terribile giorno in ospedale... Dove loro erano entusiasti sperando di trovare il loro fratellino... Abbiamo detto ke purtroppo... Axel era diventato un bellissimo angioletto e ke purtroppo non poteva tornare a casa con noi ma che era in cielo con i bisnonni... Purtroppo nn so se abbiamo fatto e detto tutto con buone parole... Ma ci sentivamo di doverglielo dire insieme e nel più semplice modo possibile! Spesso mi fanno domande specialmente la più piccola... Spesso mi dice ke gli manca... E io gli rispondo ke il piccolo Axel nn è qui con noi... Ma è e sarà sempre nel nostro cuore! Ho una sua foto e loro hanno subito deciso di vederla... E spesso hanno voglia di andare al cimitero a trovarlo... Gli portano un fiorellino annaffiano le sue piantine... Per me si sentono più vicini a lui in questo modo!
E non so se può aiutare altre mamme... Ma all'ospedale ho parlato con una psicologa e ci ha consigliato di far volare in cielo insieme ai fratellini un piccolo palloncino blu... Di piantare un alberello da prendersi cura tutti insieme in memoria di Axel e di fare una scatolina con tanti ricordi di Axel e quando ci va tutti insieme possiamo parlare e pensare a lui guardando tutti quei piccoli oggetti e pensieri!
#151057
Ringraziano per il messaggio: Butterflyandflowers

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 108
  • Ringraziamenti ricevuti 190

smaiorano ha risposto alla discussione Come dirlo ai fratellini

Ciao a tutte,
io ho una bimba Emma che all'epoca in cui ho scoperto di aspettare Giorgio aveva appena compiuto 2 anni. Visti tutti i problemi avuti fin da subito con la gravidanza di Giorgio abbiamo deciso di aspettare a parlare ad Emma dell'arrivo del fratellino. Non so se è stata una scelta vincente, perchè per le ripetute minacce di aborto sono stata a letto quasi sempre per 5 mesi fino al parto. Emma si è ritrovata a non avere più la mamma nel quotidiano e questo l'ha segnata molto. La mia bimba sempre solare era spesso triste. Le abbiamo raccontato una bugia, le abbiamo detto che mamma aveva molto mal di schiena e quindi non poteva più prenderla in braccio e doveva stare sdraiata. Primo errore..a mesi di distanza abbiamo scoperto che Emma si colpevolizzava della situazione, pensava di essere stata lei a procurarmi il mal dischiena.
Comunque decidiamo di aspettare la morfologica, nel frattempo mi ricoverano. Emma si sveglia in casa senza di me e piange molto. Decidiamo di farla venire in ospedale perchè riesca a collocarmi mentalmente in un posto e mi veda. Torniamo a casa, lei mi chiede "ora stai bene?Non vai più in ospedale?".Le rispondo che in Ospedale non vado più...secondo errore, dopo un mese secondo ricovero. La mia bimba non sa più a cosa credere. Non le raccontiamo di Giorgio perchè crediamo che possa legare la malattia della mamma al fratellino e ci dispiace. Decidiamo di aspettare ancora un pochino. Circa tre settimane dopo decidiamo di dirglielo ma arriva prima Giorgio. Terzo ricovero. Considerate tutte le difficoltà della prematurità decidiamo, dopo esserci consultati con le educatrici dell'asilo di Emma, di aspettare a dirle dell'arrivo del fratellino. Terzo errore. Torno a casa la prendo in braccio lei piange e mi picchia tirando fuori la rabbia, la frustrazione e lo stress di mesi. Mi rendo conto degli errori. Emma è molto piccola ma ha capito tutto fin dall'inizio. Ha visto il mio corpo cambiare e ha avvertito i mutamenti nel suo papà. Ora mi dispiace di non averle permesso di conoscere il suo fratellino nella pancia. Abbiamo sempre parlato molto con Emma e lei ha avvertito il dialogo interrompersi, ha capito che c'era qualcosa che non andava, che non le dicevamo. Quando stavamo per dirle dell'arrivo del suo fratellino, Giorgio se ne andato e noi sconvolti dalla perdita non sapevamo cosa dirle così abbiamo di nuovo aspettato ed Emma, povera, ha subito il peso del nostro dolore senza sapere da dove originasse. La psicologa che ci segue ci ha convinti a parlarle, così contro il parere di molte altre persone un giorno all'ennesima domanda di Emma "mamma perchè sei andata in ospedale?" (domanda che ci faceva ripetutamente da mesi) le abbiamo raccontato di Giorgio, dicendole che il suo fratellino era molto piccolo, troppo piccolo ed è volato sulla stella. Le abbiamo raccontato del perchè eravamo tristi, le abbiamo chiesto scusa per aver aspettato tanto a parlarle. Insomma siamo stati sinceri usando un linguaggio adatto ad una bimba di due anni. Da allora Emma è molto più serena. Ogni tanto ci chiede ancora qualcosa di quello che è successo, come se stesse mettendo tutti i tasselli al loro posto. Stiamo ancora lavorando molto sul suo stato d'animo che è stato molto provato in questo anno, e su alcune sue paure. Piange ancora quando non mi trova in casa o sparisco per un attimo dalla sua vista, e alla parola "Dottore" o "Ospedale" si mostra subito preoccupata. Mi sono resa conto, troppo tardi, che la sincerità paga sempre.
#152680

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 5
  • Ringraziamenti ricevuti 12

ross030984 ha risposto alla discussione Come dirlo ai fratellini

Ciao a tutti,
Provo a fornire anche io la mia risposta sul tema, anche se la nostra ferita é ancora fresca ed il nostro percorso appena iniziato.

Anche noi oltre a Viola abbiamo un'altra bimba, Emma, che aveva appena compiuto 3anni quando sono rimasta incinta.
Lei desiderava tanto avere una sorellina, quindi da quando glielo abbiamo detto ha iniziato ad attenderla con molto entusiasmo, anche se questo comportava delle rinunce x lei: Sapeva che non potevo fare sforzi, prenderla in braccio, ecc...
Quando mi hanno ricoverata a 21 settimane le abbiamo detto che la sorellina non stava bene, e quando é nata a 23 settimane le abbiamo detto solo che era piccola e doveva crescere... E gliel abbiamo fatta vedere alcune volte.
Viola ha vissuto solo 29giorni - é volata in cielo il 3gennaio - ma nonostante l'estrema prematurità credevamo davvero che ce l'avrebbe fatta. Quindi abbiamo lasciato che Emma fantasticasse sul suo arrivo a casa.
Dirle che era volata via é stato terribile. Pensavo che non l'avrebbe mai capito o accettato.. Invece dopo un momento di pianto e crisi, ha chiesto spiegazioni (per diversi giorni ha chiesto conferme) ed ora sembra convivere abbastanza serenamente con l'idea che la sorellina é in cielo. Le manda i baci, immagina che Viola giochi con Gesù Bambino ecc.
Per come la stiamo vivendo noi, penso sia stato fondamentale concordare fra noi cosa dire e come esprimersi, rendendo partecipi anche i nonni, che vede spesso.

Ora, la cosa che un po mi preoccupa è che negli ultimi giorni Emma sta diventando molto prepotente.. Ed oggi in un momento di rabbia e stanchezza ha urlato: io rivoglio la mia sorellina!
Da una parte penso sia normale... Dall'altra mi spaventa molto questa uscita... Cosa ne pensate?
#153893

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2
  • Ringraziamenti ricevuti 0

clapic ha risposto alla discussione Come dirlo ai fratellini

E come dirlo ai fratellini che nascono dopo?
Mi spiego meglio: due anni fa abbiamo perso la nostra primogenita Beatrice, mancavano tre settimane al termine, e un anno fa è nato Riccardo, sano forte e pieno di vita. Già adesso io racconto a Ricky che ha una sorellina nel cuore di papà e mamma, vorrei che crescesse con l'idea che Beatrice fa parte della nostra famiglia e della nostra vita. Che cosa ne pensate? E come gestire in futuro i rapporti con le educatrici del nido o le insegnanti di scuola materna? Quando Ricky parlerà può essere che racconti della sua sorellina... A volte penso anche che ai genitori dei suoi amichetti non piacerà questo racconto. So che le situazioni vanno affrontate quando arrivano però quando si soffre è così difficile non precorrere i tempi con i pensieri! Io mi sento così fragile rispetto a questo dolore che ho bisogno di prepararmi prima agli eventi, per quanto possibile.
#157039

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.275 secondi