Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

  • Beatrice
  • Avatar di Beatrice Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 188
  • Ringraziamenti ricevuti 76

Beatrice ha creato la discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Ho pensato a lungo se aprire questo topic, specialmente dopo i tristissimi eventi di Amoricino e di Nicholas.
ma poi ho pensato al post di Claudia sull'automutuoaiuto e ho pensato che forse puo servire.... a qualcosa o a qualcuno, non lo so , ma so che il confronto, quando è rispettoso dell'altro, può fare solo del bene.
Brevemente mi presento nuovamente perchè scrivo veramente di rado e non molte si ricordano di me.
Io ho 47 anni, il mio compgno 48. Ho un figlio di una precedente unione che oggi ha 14 anni.Il 16 ottobre 2009 ho perso Anita all 24° settimana. Gravidanza inattesa, ma non per questo meno amata....
Ho scoperto Ciao Lapo subito dopo la perdita, grazie all'ostetrica che mi ha assistito durante la nascita di Anita (nascita peraltro travagliatissima.... 4 giorni di dolori e poi mi hano dovuta dilatare a mano.....ma perlomeno , a differenza di molte, ho trovato del personale sanitario meraviglioso e preparato ad affrontare casi come il mio)
I primi tempi quasto sito era la mia ancora di salvezza, scrivevo continuamente....poi ho avuto come un distacco. Continuavo ad entrare nel sito tutti i giorni, leggevo tutte le storie e tutti i forum, potrei parlare di ognuna di voi e dei vostri meravigliosi angeli così come faccio delle mie amiche più care, ma non scrivevo più. Nulla. Bloccata.
Mi sono iscritta a facebook e lì sono diventata amica di Mery e di Maggie, due persone che porto nel cuore incise come nel marmo.....
Ma mi sembrava di "crogiolarmi" nel mio dolore, di non andare avanti. In più leggere di chi tra voi è riuscita a dare un senso alla propria perdita, di chi è riuscita ad entrare in "sintonia" con i propri angeli e a leggerne i segni, mi faceva sentire sempre più inadeguata.
Io non trovo un senso, non trovo una ragione, continuo a non capire perchè Dio o chi per lui mi ha fatto questo.
In più avendo gli anni che ho, mi sono sentita dire da tutti i medici che una mia eventuale nouva gravidanza era pressochè impossibile. Inizialmente non ci credevo.... se è successo una volta, mi dicevo....
Piano piano il forum si riempiva di annunci di nuove attese, mentre inesorabilmente ogni mese io avevo "le rosse" (come le chiama Monica.....)
E ho realizzato che il mio treno era inesorabilmente passato....

Poi è arrivato l'anniversario di Anita, e se ne è ricordata solo la meravigliosa ssia Mery e voi, care mamme.....nella mia famiglia e tra i miei amici nulla.
Poi si doveva battezzare mia nipote, che avrebbe dovuto avere solo 3 mesi meno di Anita, ed io mi ero immaginata mille volte che l'avremmo battezzate insieme. E mio fratello e mia cognata, sensibili come gli elefanti di Moira Orfei, mi chiedono di organizzare il battesimo.
E mia mamma, sulla cui spalla avrei voluto piangere mille volte, è malata e non ci sta con la testa ed io non sono più sua figlia ma la sua badante.
E quando mi chiedevano "Come stai?" Io sempre a rispondere Bene ! con il sorriso finto, ma tanto a che serve, io non ho mai mostrato i miei sentimenti e la mia debolezza per 47 anni, figurati se lo faccio ora !!!!
Finchè sono crollata.....come un castello di carte, grazie o per colpa di 2 amici che si sono resi conto e mi hanno provocato fino a farmi esplodere.
E allora ho preso il coraggio a 4 anzi a 40 mani ed ho iniziato la terapia con una psicologa, per altro bravissima.
Sono 3 mesi circa che sono in terapia, e piano piano sto rimettendo insieme i pezzi della mia vita.
Di quella dopo Anita, ma anche di tutta quella precedente, del lutto per la morte del mio adorato papà che a distanza di 10 anni mi rendo conto di non aver mai elaborato, e di tutte le altre cose , belle e brutte, che hanno segnato la mia esistenza.
Da qualche giorno, quando penso ad Anita, non sento più quella rabbia e quel dolore sordo che mi laceravano l'anima, ma piano piano riesco riesco a pensare a lei con tanto rimpianto ma anche con tanta dolcezza.Mi sono "rassegnata" all'idea di fare un altro figlio, ma credo che il mio scopo sarà quello di "aiutare" altre mamme che hanno bisogno, e so che non appena mi semtirò pronta lo farò.
Anita non è venuta per farmi essere di nuovo madre di un bambino, ma forse per farmi capire che la mia missione è un'altra.
ma per questo c'è tempo......per altro proprio ieri ho incontrato la psicologa che mi ha assistito in ospedale, che avevo già rivisto e alla quale avevo raccontato di me, di CiaoLapo, di Claudia, di Mery, ec. ecc.
E, con gli occhi che le brillavano, mi ha detto che da fine mese sarà operativa ad Arezzo una associazione che si occuperà di mamme e i maternità....e che mi chiama per spiegarmi e partecipare.....chissà....forse è l'ennesimo segno che mia figlia mi manda ma questa volta saprò leggerlo.

Scusatemi, scusate il papier che ho scritto, ma dovevo farlo, perchè non so se a qualche mamma servirà, ma a me è servito scriverlo......
Se non altro per ringraziare Lapo, che ha fatto sì che tutto questo avesse inizio
Per ringraziare Claudia e Alfredo, che con i loro pensieri e le loro considerazioni ci sostengono passo passo.
Per ringraziare Mery che ha una riserva di amore che sembra non avere mai fine....
E per ringraziare tutte le mamme speciali (ma speciali veramente !!!) che mi hanno insegnato a condividere pienamente ogni gioia ed ogni dolore, perchè un dolore condiviso pesa un po' meno

Vi voglio bene
#66893
Ringraziano per il messaggio: Giuseppa e Giuseppe, IFM, DANI81, Doris, franci81, Irma, Annina, ela, Lina78, mari78 e 5 altre persone hanno anche detto grazie.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Carissima,
mi ero persa questo post.
Che dice molte cose molto importanti.
Sul fatto che il lutto è personale, e non sempre sovrapponibile alle esperienze altrui..
sul fatto che non tutti hanno gli stessi tempi.
sul fatto che, soprattutto nel nostro tipo di lutto, si tende erroneamente a pensare che finisca quando inizia una nuova gravidanza. Niente di più erroneo, niente di più pericoloso.
SUl fatto che, ognuno ha i suoi tempi, ma i tempi devono arrivare per tutti. Ne va della nostra salute.
Sono felicissima di leggere che hai trovato il tuo spazio di elaborazione.
e ti abbraccio forte forte.

bacio col soffio ad Anita.

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#89761
Ringraziano per il messaggio: Beatrice

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 28
  • Ringraziamenti ricevuti 23

danluc89 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

grazie Beatrice per aver condiviso con noi la tua esperienza di dolore e la tua riflessione...ho un figlio di 20 e uno di 15.. e due angioletti in cielo, persi entambi all 22ma sett., Sofia nel 2010 e Stefano nel 2011 per gravidanze patologiche. tanto tanto indicibile dolore... ho 44 anni. anche io devo cercare di riprendere a respirare anche senza pensare ad un'altra gravidanza.

un bacio grande daniela
#89774
Ringraziano per il messaggio: Beatrice

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • utente disabilitato
  • Avatar di utente disabilitato
  • Offline
  • Utente bloccato
  • Utente bloccato
  • Posts 1987
  • Ringraziamenti ricevuti 1157

utente disabilitato ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Credo che il tuo cammino nel lutto sia così bello e prezioso che potrà essere di aiuto a tantissime mamme speciali come te.
Un abbraccio strettissimo e GRAZIE per la tua meravigliosa testimonianza.

PS. bacino per Anita bella!
#89928
Ringraziano per il messaggio: Beatrice

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

danluc89 ha scritto: grazie Beatrice per aver condiviso con noi la tua esperienza di dolore e la tua riflessione...ho un figlio di 20 e uno di 15.. e due angioletti in cielo, persi entambi all 22ma sett., Sofia nel 2010 e Stefano nel 2011 per gravidanze patologiche. tanto tanto indicibile dolore... ho 44 anni. anche io devo cercare di riprendere a respirare anche senza pensare ad un'altra gravidanza.

un bacio grande daniela


respirare, è stato il mio lavoro quotidiano.
sembrava che tutto sarebbe crollato da un momento all'altro risucchiandomi in una voragine di non senso.
ti abbraccio daniela, benvenuta.
respireremo, una molecola dopo l'altra.

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#89939

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 828
  • Ringraziamenti ricevuti 1148

Cinzia65 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Ecco non è proprio possibile tornare indietro.... e andare avanti l'ho fatto prendendo il coraggio per tornare a respirare, ci sono giorni dove è più facile e altri dove è veramente difficile e sopratutto facendo i conti e guardando la realtà in faccia dove non potranno esserci altre gravidanze in futuro, ma prendendomi cura dei miei bambini in terra e in cielo.
Essere genitori non è facile, non c'è un libro, una scuola e soprattutto è più difficile esserlo per i miei bambini in cielo.
Io che avrei voluto che Virginia (nata a termine e sana) fosse il collante fra la mia prima famiglia e la mia seconda e non è facile neppure per i suoi fratelli in terra che hanno dovuto fare i conti con una realtà così brutale.
Sono stata presa per matta quando ancora sei mesi fa sono rimasta nuovamente incinta e penso che ogni persona deve sempre fare quello che si sente e io l'ho sempre fatto fino in fondo sempre prendendomi carico di ogni dolore ma guardando sempre in positivo.
Ecco leggendo e rileggendo le esperienze delle mamme più giovani e leggendo delle nuove gravidanze mi sento un po' fuori posto ma mi sono resa conto che non avevo sbagliato nel seguire i miei sogni e il bisogno di far rivivere Virginia. Certo la realtà brucia e il mese di giugno come quello di febbraio non è stato brillante per me il 24 giugno 2010 a distanza di un anno da Virginia doveva nascere Giordano (morto a causa di una patologia fetale) e a giugno 2011 a distanza di due Emiliano (morto per la stessa patologia del fratello) ma sono comunque i miei tre figli in cielo portati da un amore reinventato nella mia vita per il loro padre, e amare non è mai sbagliare. Io che non pensavo neppure di reinnamorarmi a 40 anni mi è capitata la fortuna di far nascere tre stelle che per noi brilleranno per sempre anche agli occhi invisibili del mondo.
Grazie a Beatrice per questa riflessione
Cinzia
#90347
Ringraziano per il messaggio: labruse, Beatrice, franci81, xteta78, Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 521
  • Ringraziamenti ricevuti 1374

franci81 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Cara Beatrice, cara Cinzia, cara Daniela.. e tutte..
questa splendida discussione mi sembra davvero fondamentale, tocca uno dei punti centrali del nostro personale percorso di elaborazione..
Scusatemi se mi intrufolo fra di voi, la mia storia è diversa perchè Fabrizio era il mio primo figlio e spero davvero in futuro di provare la gioia e la banale felicità di essere mamma anche sulla terra dopo questa prova terribile.. ma è giusto mettere la discussione fra quelle in vista perchè a mio avviso è un passo davvero importante per tutte il momento in cui ci si rende conto che l'equazione felicità = gravidanza non è poi così vera. Come dice bene Claudia

soprattutto nel nostro tipo di lutto, si tende erroneamente a pensare che finisca quando inizia una nuova gravidanza

Io ci ho messo un po' a capirlo, e anzi mi facevano arrabbiare i post in cui le mamme dicevano che era meglio aspettare a pensare ad una nuova gravidanza.. io la volevo, ne avevo bisogno, la pretendevo! ora, a distanza di sei mesi, posso dire che non è stato un male aspettare.. perchè ho avuto modo e tempo di fare chiarezza dentro di me, sui miei sentimenti e sul rapporto speciale con il mio bimbo. E non vivo più una gravidanza come un'urgenza che mi serve per sopravvivere. I primi tempi è così, un ipotetico pancione pare l'unico appiglio, la sola pallida luce per risollevarsi.. ma non è così, un bimbo non può entrare nella nostra vita per fare il nostro bene, ma siamo noi a dover essere pronte a fare il suo.. siamo noi a dover soddisfare i suoi bisogni e non il contrario.
Certo non è facile aspettare e costruirsi un percorso a prescindere.. io non sto giudicando le mamme che si mettono subito all'opera, ci mancherebbe, ognuno ha i suoi tempi, la sua storia, e sa dentro di sè quando è il momento giusto..
Poi è vero, qui non si tratta di aspettare ma di interiorizzare che una nuova maternità forse non avverrà. Ma io credo che la base sia la stessa. Con l'aiuto della mia psicologa sono riuscita ad accettare il fatto che la mia vita potesse essere presa in considerazione a prescindere da una gravidanza, che io valgo e sono una persona competente e compiuta anche senza essere madre. Ognuno forse deve trovare il proprio senso dentro di sè, è necessario forse scavare e capire cosa rappresenta per noi l'essere mamme. Non c'è esperienza che smuova più acque della gravidanza (beh forse c'è la perdita di un figlio, è vero..). E' come dici tu Beatrice, forse c'è un senso sotteso alla nostra vita, si tratta solo di trovarlo..
Grazie amiche per aiutarmi ogni volta a focalizzare il punto su cui inciampo!
Un abbraccio a tutte voi
Franci

E ancora proteggi la grazia del mio cuore
adesso e per quando tornerà l'incanto.
L'incanto di te...
di te vicino a me.

Fabrizio, 24/12/2010
#91878
Ringraziano per il messaggio: claudia, Lucia, labruse, Giuseppa e Giuseppe, Beatrice, Doris, Annina, Bert, Biancanelcuore, Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 2020
  • Ringraziamenti ricevuti 3552

claudia ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Carissima Francy, io leggo queste tue parole e mi si allarga il cuore.
Grazie per quello che scrivi, lo sento profondamente vero. Lo sento profondamente solido.
E così rispettoso, di TUTTI: di te, e della bella persona che sei, perchè lo sei, come lo è ognuno di noi quando è libero di cercare e trovare se stesso; del tuo tesoro perduto, e di chiunque verrà, non verrà, o si affaccerà comunque nella tua vita. Il tuo è un presente consapevole, nulla può dirci cosa accadrà in futuro, ma non è un piccolo risultato saper portare i doni del passato tragico con questa chiara consapevolezza.
Un abbraccio,
Claudia

Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"
#91883
Ringraziano per il messaggio: Lucia, franci81, Annina

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Lucia
  • Avatar di Lucia
  • Offline
  • Moderatore
  • Moderatore
  • mamma di Alice in cielo e Agnese in terra
  • Posts 885
  • Ringraziamenti ricevuti 536

Lucia ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Non ci sono parole migliori di quelle di Claudia, per descrivere cosa ho provato leggendoti Franci.
Però ci tengo a lasciarti il mio grazie, perchè anche a noi "mamme vecchie" serve sempre riflettere su questi aspetti.
Lucia
#91888
Ringraziano per il messaggio: franci81

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 521
  • Ringraziamenti ricevuti 1374

franci81 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Grazie care mamme,
cercando di non essere troppo sdolcinata volevo solo chiarire una cosa.
Voi non sapete (o forse un po' sì, spero..) quanto siete state determinanti nel mio percorso.. E' vero io mi sono rivolta ad una psicologa (consigliatami dalla dr.ssa Xella tra l'altro!) ed ho fatto un ciclo di sedute, che però è già terminato perchè io mi sento più serena e lei mi ha detto nell'ultimo colloquio che "i nodi che c'erano si sono sciolti da soli".. da soli! E' vero, si sono sciolti, ma io so chi ringraziare! E non è certo stato indolore.. CiaoLapo è una fonte inesauribile di spunti e riflessioni, anche quando fanno male.. e un passaggio fondamentale mi hai aiutato a percorrerlo tu cara Lucia, quando mi hai detto

Io ho sentito che ero pronta, quando ho pensato che potevo farcela, che l'amore e il desiderio di vita superavano la paura, ma soprattutto che non affidavo ad una nuova vita la mia felicità.
Una nuova vita doveva arrivare solo se io ero in grado di prendermi la responsabilità del suo benessere e della sua felicità e non viceversa.

E ancora:

Un po' come un poco simpatico signore che, vedendomi con Agnese, mi disse "che bello, hai riparato".
Ma la cosa peggiore è quando noi stesse, magari inconsciamente, pensiamo la stessa cosa.
Crediamo che con un frugolotto in braccio finalmente ci sentiremo mamme normali, e non più speciali, pensiamo che il vuoto della pancia sarà riempito, e quello della mente urlerà di meno perchè saremo indaffarate.
E quando questo desideratissimo frugolotto arriva scopriamo che sono tutte storie, non è vero niente.
La mente urla più forte, in pancia percepiamo una voragine, continuiamo a sentirci mamme monche.

Ti ricordi? tu avevi paura di avermi ferito, di essere stata troppo dura.. e invece avevi semplicemente gettato in me il seme della consapevolezza rispetto al nostro percorso, che non è facile da mandare giù, ma va fatto! Per ogni tappa del mio cammino potrei citare a memoria il post di una delle mamme speciali che mi hanno accompagnato fin qui che riassume perfettamente il senso di quello che stavo vivendo. Dovrei ringraziarvi una per una..voi avete avuto un ruolo così determinante.. Quindi scusate, qui sto uscendo dal seminato e non voglio portare la discussione ad altri livelli perchè quello di cui si sta parlando è davvero importante, ma ci tenevo a puntualizzare che se ora riesco a vedere le cose con questa chiarezza (beh, per buona parte del tempo diciamo..) è davvero grazie a voi.
Un abbraccio a te Claudia, da cui tutto ha avuto origine (un bacio al paffutello e dolcissimo Lapo!) e a tutte le splendide mamme in cammino insieme a me, soprattutto alle "mamme vecchie", così preziose..
Franci

E ancora proteggi la grazia del mio cuore
adesso e per quando tornerà l'incanto.
L'incanto di te...
di te vicino a me.

Fabrizio, 24/12/2010
#91899
Ringraziano per il messaggio: Maria, labruse, Giuseppa e Giuseppe, DANI81, Doris, Annina, xteta78, Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 683
  • Ringraziamenti ricevuti 557

DANI81 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

....Ore e ore a leggervi e non mi stanco mai, se non fosse perchè spesso vi leggo da lovoro (è un nostro segreto mi raccomando ;) ) e devo chiudere di fretta se arriva qualcuno....
siete per me una fonte inesauribile di riflessione, una cura e una catarsi della mia anima.
Molti argomenti pungono come spine ma li affronto insieme a voi e diventano più sopportabili...
Sarò molto onesta e sincera con voi e con me stessa e spero di non urtare la sensibilità di nessuno, per quanto riguarda questo argomento.
La gravidanza, un dono preziosissimo dal valore inestimabile, un evento unico nella vita di una donna tanto naturale quanto misterioso, è stata per me da sempre un "traguardo" molto lontano ma tanto desiderato, non so perchè ma ho da sempre avuto la sensazione che il miracolo della vita non mi appartenesse. Sicuramente ha influito tanto il fatto che per quattro anni abbiamo provato e niente... (, mia mamma la stessa cosa anche se poi siamo arrivate tre femmine una dopo l'altra, una delle mie sorelle per sette lunghi anni e ancora niente), il mio senso di maternità sempre molto forte ma tanto scoraggiato, poi invece (dopo tanti esami, cure e via di seguito mi scoprono che la mia prolattina si mantiene sempre alta e dopo una breve cura...) test positivo, non riuscivo a crederci, non mi sembrava vero, solo quando la mia pancia cresceva e sentivo battere il cuore della mia bambina iniziavo a realizzare, sono stati i sei mesi più belli della mia vita non potrò mai dimenticarli....
E poi... ecco che, dopo la nascita senza vita di mia figlia, tutto il mondo mi crolla addosso e la mia sensazione ritorna viva più che mai....,
ma ero comunque diventata madre, il mio senso di maternità aveva preso una sua dimensione reale.. era come se mi sentivo appagata e non desideravo nessun altro figlio, volevo lei, solo lei, la mia bambina...
Per tanti mesi la mia mente ha accostato l'idea di un'altra gravidanza, volevo sapere che cosa era successo perchè era successo, non mi davo pace..., la paura mi ha fatto da padrona per tanti mesi..... ma non mi arrendo sono sicura che al più presto l'idea di un'altra gravidanza ritorni forte e viva nella mia testa e spero che riuscirò a fare, io, da padrona alla paura.......ho fatto tanta strada ma tanta ne devo ancora fare...
Adesso, per me, è diventato un "traguardo" molto lontano ma tanto desiderato un'altro figlio tra le mie braccia......
Grazie a tutte....
Daniela
#92535
Ringraziano per il messaggio: Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Beatrice
  • Avatar di Beatrice Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Posts 188
  • Ringraziamenti ricevuti 76

Beatrice ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Riprendo questo post, scritto ormai un bel po' di tempo fa, ma che recentemente ha suscitato un bel po' di riflessioni, per raccontarvi ancora un po' di me....nella speranza che possa servire a qualcosa o a qualcuno, così come i vostri post servono tanto a me, purchè invisibile e poco presente attivamente nel forum, ma quotidianamente attenta lettrice di ognuna di voi.
Sono ormai quasi 2 anni che Anita non c'è più.....la nostalgia di lei è sempre presente nella mia vita, ci sono dei momenti in cui mi manca tanto intensamente da spezzarmi il respiro.
Ma il dolore si è trasformato, non è più così lacerante.....è diventato quel dolce rimpianto che tutte noi ben conosciamo. la rabbia ha lasciato il posto alla rassegnazione, anche se continuo a chiedermi il senso di quanto mi è successo e non riesco a trovarlo....
Ho finito la terapia con la mia psicologa dallo scorso giugno, di comune accordo abbiamo deciso di interrompere con la promessa che in qualunque momento lo desideri posso chiamarla e reincontrarla. Il suo aiuto è stato prezioso e fondamentale per così tanti aspetti della mia vita.....pensate che è con lei che ho realizzato di non aver mai elaborato il lutto per la morte di mio papà, scomparso da ben 10 anni.
La mia vita si srotola tra uno pseudo lavoro di ben poca soddisfazione, un figlio adolescente che è la mia gioia anche se la sua è un'età veramente bastarda (preparatevi mamme giovani......... :blink: ) e le faticosissime cure di mia mamma a cui è stato diagnosticata una malattia neurodegenerativa. E' uno strazio vedere come è e pensare alla donna che era.
Se quando ho aperto questa discussione mi trovavo ad affrontare per la prima volta la consapevolezza che un altro figlio non sarebbe arrivato più, adesso la cosa è diversa. Io ho capito che un altro figlio non lo vorrei,,,, mi spiego meglio:
lo scorso mese ho avuto un ritardo di 5 giorni, cosa per me rarissima, visto che il mio ciclo piuttosto anticipa ma non ritarda mai.
Bene, sono andata nel panico.... Ho aspettato a fare il test (che come avrete capito era ovviamente negativo) e nel frattempo ho pensato, ho pensato tanto. Non ho paura delle eventuali angosce durante la gravidanza, non ho paura delle alte probabilità di avere un figlio con degli handicap. Quello che mi ha spaventato e fatto riflettere è la consapevolezza che, mettendo al mondo un figlio adesso, avrebbe dei genitori vecchi. Vecchissimi. Quando lui avrebbe vent'anni io ne avrei quasi 70. E ho pensato a mia mamma, che di anni ne ha 73, e ho pensato a mio figlio Arturo, che di anni ne ha 15..... Un figlio a 20 anni ha ancora bisogno dei suoi genitori e metterlo al mondo adesso significherebbe mettere in conto di doverlo "abbandonare" presto.
Lo so, ognuno di noi è precario su questa terra e tanti rimangono orfani anche prima, ma farlo scientemente sarebbe dal mio punto di vista un atto di puro egoismo. Per placare la ferita aperta in me, in noi, dalla perdita di Anita, metterei al mondo un figlio a quasi 50 anni.
Non fraintendetemi amiche care, non mi permetto di giudicare chi alla mia età la pensa diversamente......anzi, ammiro chi ha questo coraggio.
Io non ce l'ho, o forse ho trovato "pace" in altro modo.....
Scusatemi se le mie parole feriscono qualcuno, ma volevo solo portare avanti un discorso lasciato in sospeso.....
#98016
Ringraziano per il messaggio: labruse, Giuseppa e Giuseppe, DANI81, Doris, Irma, Lina78, Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • labruse
  • Avatar di labruse
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Sei meteore, Giulio e Lidia in terra
  • Posts 2845
  • Ringraziamenti ricevuti 2968

labruse ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Cara Beatrice,
le tue parole non potrebbero mai ferire, perché si capisce al volo che non giudichi nessuno, ma pensi alla tua situazione con la mente e il cuore aperti.

Quello che tu dici (ho letto tutto fin dall'inizio del topic) lo condivido in tutto e per tutto.
Il desiderio di un altro figlio e il pensiero di essere egoista.
Non ho molte probabilità di averne un altro, ma finchè posso proverò, poi, quando sarò più "vecchia" smetterò, credo, proprio pensando che non è il caso e pur non giudicando affatto chi non si arrende mai.

Io sento ancora tanta rabbia, per questo mio "destino" di poliabortiva, in questi giorni sento rabbia anche per chi non è rimasto con me e persino con chi non vuole proprio annidarsi nella mai pancia...pensate voi in che stato delirante mi trovo...

Ma so che supererò anche questa fase.
Un nuovo bambino molto probabilmente non arriverà, ma non è questo che conta, conta il presente, conta Giulio, conta tutto l'amore che ho da dare e che mi circonda.

Anche quello che ho incontrato qui.
Grazie a voi,
Laura

Non c'è montagna più alta di quella che non scalerò.
#98213
Ringraziano per il messaggio: Beatrice, Azcaanbe, Mamma di un sedanino volato via

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 620
  • Ringraziamenti ricevuti 709

Lina78 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Cara Beatrice..anche se con imperdonabile ritardo.. passo di quà per dare un bacio alla tua piccola Anita ed a te..che nonostante i due anni trascorsi..conservi in te tutto l'amore che una mamma ben conosce.

So bene che non rincuora sapere che le risposte ai nostri perchè probabilmente non arriveranno mai... anche perchè (almeno nel mio caso) sono convinta che se anche fosse possibile ottenere le risposte.. allora cercherei altre domande.. entrerei in una spirale dalla quale non uscirei viva.. perchè non posso, per quanto mi sforzi.. e mi costringa..accettare che questo sia successo proprio a me.. a te.. a noi che tanto desideravamo portare al termine il nostro "naturale" compito di mamma.

Ma la verità la conosciamo.. e tt il resto è un "palliativo"... un "surrogato di coraggio"

In bocca al lupo per il tuo percorso.

Lina con Chiara
#98218
Ringraziano per il messaggio: Beatrice

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Posts 828
  • Ringraziamenti ricevuti 1148

Cinzia65 ha risposto alla discussione Riflessioni sullo spazio e il percorso del lutto..

Cara Beatrice

il percorso non è facile ma condivido quello che hai detto e che dicono le ultime due mamme

anche io so' che un bimbo non potrà più venire e vivo dell'amore donato per Virginia dell'amore sfiorato di Giordano ed Emiliano
stringendomi all'amore di mio marito e dei miei due ragazzini (che condivido con te sono in un'età adolescenziale..... aiuto.....)

e ogni giorno lo supero con Virginia al mio fianco perchè mi manca.....

Un abbraccio e grazie per la riflessione
Cinzia
#98221
Ringraziano per il messaggio: Beatrice

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.300 secondi