Avviso
  • Il forum è in modalità di sola lettura.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:

ARGOMENTO: Buon compleanno piccolo mio...

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 05/07/2018 23:07 #158399

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Sono passati due mesi...non so da dove iniziare..ho tante cose da dire, ma seguirò l'istinto e scriverò ciò che sento...avrò tanto tempo per dirvi tutto. Vi ringrazio in anticipo, questo forum è uno spiraglio di luce per tutte le persone che stanno affrontando questa...INGIUSTIZIA della vita! Come sia così naturale che succeda di poter perdere un figlio..ma così tremendamente brutto...la natura di fronte alle difficoltà muta, si evolve..perchè non lo ancora fatto per questo?
Sono arrivata alla 37 settimana..una gravidanza splendida, faccio il floricoltore con un' attività in pratica aperta ufficialmente con un velo di pancino diventato pancione :). Ho fatto tutto, con i tempi di una donna incinta, ma ho persino zappato la terra, pochissima nausea, poche voglie, quasi nessun problema a parte il diabete che mi ha messo a dieta facendomi addirittura dimagrire e, un'infezione ai reni e un paio di ricoveri nelle ultime settimane per falsi allarmi...ma tutto bene..troppo bene...fino a 40 secondi/1 minuto prima che potessi stringere il mio Michele fra le braccia. E' nato senza respirare, senza farmi sentire la sua voce...così....

Il tracciato perfetto, le ostretiche che mi dicevano " stai andando benissimo", il suo battito è perfetto...ero esausta, dopo un paio d'ore che spingevo e lui non usciva mi hanno dato una mano incidendomi, abbiamo sentito il suo cuore che pompava di vita...poi è uscita la sua testolina, il mio compagno mi ha fatto segno con la mano..ok..è andata! ...poi l'ultima spinta...michele era nato...ma ce lo hanno portato subito via...non capivamo cosa succedesse. Il primario ci disse "ha bisogno di aiuto...non vuole respirare". 40 estenuanti minuti..poi sono arrivati i medici..."abbiamo fatto il possibile ma non c' è stato nulla da fare.."e....e....ti ritrovi in una realtà parallela e pensi "non è successo a noi, è solo un brutto sogno". Sapete cosa è stata una delle cose più brutte? Dover guardare mia madre e mio padre disperati e sconvolti, il loro primo nipote che tutti chiamavamo già Michelino. Lo aspettavamo tutti...
e poi ti ritrovi la stanza piena di parenti che non vengono ad abbracciarti per farti gli auguri, ma per farti le condoglianze. E poi ti ritrovi a parlare dopo poche ore con i medici per le pratiche da mandare al Gaslini e autorizzare l' autopsia, con il primario che con le lacrime agli occhi ti dice che non sa cosa sia successo e per lui non sapere la causa comprometterebbe il suo lavoro che dura da 30 anni. E poi ancora rientrare nella tua casa in preda ai dolori dei punti ed a mani VUOTE...COME IL TUO CUORE. Per non parlare delle pratiche per la cremazione...nessuno dovrebbe seppellire il proprio figlio...NESSUNO!! Nel primo mese sembrava tutto un pò offuscato...ho ripreso il lavoro dopo due settimane senza problemi..poi la prima visita post parto ha aperto una voragine nel mio petto. Ho veramente e finalmente realizzato cosa fosse successo. Non c'è giorno che non pianga, minuto, secondo che non rimbombi nella mia testa "bambino nato morto". Sono passati due mesi e mi sembra che sia peggio di prima, esiste dentro di me una tangibile consapevolezza che ho perso per sempre mio figlio e non me ne do pace. Veramente il tempo cura tutte le ferite? Non lo so...ho sofferto per delle perdite...ma questa non è paragonabile a niente. Ti mangia dentro, ti senti cambiata, pensi che non potrai mai essere di nuovo felice... Ho letto storie penso peggiori delle mie, chi ha perso il suo bambino qualche giorno dopo la nascita, quando hai iniziato a conoscerlo ma troppo poco e te lo portano via, chi ha subito un asportazione dell'utero e la sola speranza di poterci riprovare svanisce. Si, perchè tutti mi dicono che dobbiamo riprovarci e lo abbiamo già fatto, ma nello stesso tempo dico e penso: e se ricapitasse? Come potrei affrontare una nuova gravidanza dopo un esperienza così assurda? Il Gaslini ci darà un responso non prima di agosto- settembre e potrebbe anche dirci che non c'è stata una causa della morte di Michele....come posso andare avanti sapendo che potrebbe non esserci una risposta? La psicologa dice che dobbiamo col tempo accettare l'accaduto senza cercare risposte che nessuno ci può dare. E' accaduto e basta. Succede, a poche persone, ma succede. Punto. Quando la mia testa era ancora troppo scioccata per capire cosa fosse successo la prendevo con più leggerezza, dicevo quasi con freddezza che sarebbe stato un periodo duro e dovevo lasciare che le emozioni si evolvessero senza forzature, ma adesso sento quanto sia difficile farlo. Non si può soffrire così tanto. Però..poter scrivere in questo forum, potermi sfogare, mi fa sentire meglio, più capita, più tutto. Ho bisogno di conoscere le vostre esperienze, se a qualcuno è successa una cosa simile, se nei successivi mesi i dottori vi hanno dato un responso, cosa avete fatto ecc. Come avete reagito di fronte ad altre coppie di amici con un bimbo piccolo o amiche in dolce attesa? Bhe io posso dirvi che non riesco nemmeno a parlarci, ne a volerli vedere. Pervade una sorta di rifiuto, quasi di invidia, perchè doveva succedere proprio a me?Ma non lo auguri nemmeno a loro, nemmeno al tuo peggior nemico. Vorrei nuovamente ringraziare chi ha avrà voglia di leggere la mia storia e magari rispondermi...ne ho tanto bisogno. Un abbraccio a tutti i genitori speciali! Lara
Ringraziano per il messaggio: LucyA, maryd29, Saphhira, AlmaImmensoAmore, auri18, Gyulya84

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 05/07/2018 23:26 #158400

  • Antonio Gabriele
  • Avatar di Antonio Gabriele
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 28
  • Ringraziamenti ricevuti 26
Ciao Lara mi chiamo Carmen e sono la mamma di Antonio Gabriele un guerriero di 24 settimane che ha detto il suo Sì alla vita per 2 mesi e 9 giorni.
Il 4 agosto avrebbe compiuto un anno. .il nostro primo figlio..dopo 10 anni di attese speranze e delusioni.
Con il suo arrivo sembrava vivere uno scorcio di Paradiso..ma dal 14 ottobre,le nostre vite si sono spente..
Si va avanti..si ma non è più la stessa cosa..l'unica forza la trovo in in mio figlio e tutte le cose che faccio le faccio nel suo nome. La mia vita la dedico ad Antonio.
Ti sono vicina..è ti mando un abbraccio..spero che tu possa trovare la forza ogni giorno.
Con affetto.
Carmen
Ringraziano per il messaggio: LucyA

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 06/07/2018 13:50 #158406

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Cara Carmen, grazie per le tue parole, mi sento meno sola sapendo di potermi confrontare con altre esperienze.
Se posso chiederti..avete pensato di riprovarci? Vi sta seguendo uno psicologo? A noi sta aiutando molto.
Ti sono vicina anche io..i nostri piccoli angeli ci proteggono da lassù...
Cerchiamo di farci forza assieme..la vita deve andare avanti, un abbraccio,
Lara

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 06/07/2018 13:57 #158407

  • Antonio Gabriele
  • Avatar di Antonio Gabriele
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 28
  • Ringraziamenti ricevuti 26
..riprovarci credo proprio di no purtroppo il mio cuore a parer dei medici potrebbe subire dei danni.
Da qualche tempo sto facendo vari controlli perché dopo il parto ho avuto complicazioni.
A dirti la verità lascio tutto nelle mani di Dio.
Dallo psicologo vado solo io mio marito si è completamente chiuso..parla solo con me e spesso ci ritroviamo a piangere..
Però voglio dirti che non sarai sola,cara Lara e spero tanto che anche se virtualmente possiamo affrontare questo dolore anche insieme..
Ti abbraccio.
Carmen

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 06/07/2018 14:17 #158408

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Carissima Carmen, sono contenta di poterlo affrontare insieme! Vorrei dirti questo. Anche io all inizio dubitavo sull aiuto di qualcuno è tutt ora parlo poco di quel che è successo. Ho un altra attività oltre all azienda e non so nemmeno quando mi sentirò di riprenderla dato che sto a contatto con molta gente. Ti dico questo perché mi spiace come stia affrontando la situazione tuo marito. Rimanere uniti è una marcia in più per superare il trauma e gli psicologi sono dei professionisti che possono veramente aiutarvi. Ti dirò di più. .mi viene più facile parlare con un estraneo che con personè a me vicine. All inizio infatti era più il mio compagno che parlava..poi piano piano ho iniziato a sfogarmi anche io. Non bisogna considerarsi pazzi se andiamo da uno psicologo, ma solo troppi inesperti per capire come affrontare una grave situazione; loro ci sono per questo. Prova anche solo a farti accompagnare la prossima volta. Pensa a come sei fragile in questo momento e come devi essere forte nello stesso momento per sostenere tuo marito. L unione fa la forza, sopratutto in momenti come questo. Un abbraccio, Lara

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 06/07/2018 18:30 #158410

  • MartinD
  • Avatar di MartinD
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 321
  • Ringraziamenti ricevuti 181
Benvenuta Lara, mi chiamo Letizia e sono la mamma di Martin nato in silenzio alla 39 settimana il 13 Marzo2017, ho avuto altre due perdite per me importanti ma di poche settimane: Arcobaleno a dicembre2017 e Mirtillo da poco 23 Maggio 2018. Mi dispiace immensamente per Michelino, ma cosa sarà successo? credimi mi viene una rabbia, la tua storia mi colpisce tantissimo, io ho vissuto la tragedia di mio figlio partorendo naturalmente consapevole che gia fosse morto ed è stato devastante, non posso immaginare il vostro dolore, avendo comunque vissuto un'esperienza cosi dolorosa e difficile insieme al mio compagno , penso a voi a quel momento in cui davvero ormai ce l 'avevi fatta, come ti ha detto tuo marito vedendo la testolina del vostro piccolo, non trovo parole credimi. Capisco però come ti senti , il rifiuto di vedere altre persone, sentirsi vuota e spenta ogni secondo della giornata.Sono tutte sensazioni che purtroppo emergono in queste tragedie. Dove per mesi hai vissuto in paradiso e poi ti ritrovi all'inferno. Io posso dirti che ci vuole molto tempo per elaborare cio che ci è accaduto. I sogni, le speranze, le aspettative che abbiamo maturato nel corso dei mesi in gravidanza in un attimo crollano, dando spazio alla disperazione ! Ma so che piano piano ci si può rialzare, ma con molta pazienza e forza d'animo. Ci sono momenti ancora duri per me nonostante sia passato gia 1 anno, ci sono giorni fatti di rabbia, di lacrime, di malinconia e poi ricomincio a stare meglio. A me questo forum è servito tantissimo, solo qui mi sento capita pienamente e posso parlare liberamente del mio immenso dolore. Ma ti posso anche dire che l'unione con il compagno è fondamentale, cercare di affrontare insieme il lutto ti da piu forza, per è stato cosi, anche se a volte abbiamo avuto delle incomprensioni. Parlare fa tanto bene. Purtroppo non posso aiutarti nel capire la causa della perdita di Michele, io ho avuto una gravidanza serena solo quasi alla fine avevo la pressione alta , ma il mio Martin mi ha lasciato senza preavviso. Abbiamo saputo in seguito che la causa è stata per ischemia placentare. Troverai un pò di pace quando avrai l'esito.Io fin quando non ho saputo il perchè, era molto tormentata, certo io la pace interiore non la troverò mai. Martin è stato desiderato per tanti anni , il mio primo figlio.....poi come ti ho scritto all'inzio la vita ha deciso di darmi altri dolori , due aborti , altre due vite lontano da mamma e papà. La vita non so più come affrontarla è sempre pronta li a punirmi. Lara, qui troverai tanto affetto , scrivi tutte le volte che ne senti il bisogno,ti sono vicina. A presto.....ciao piccolo Michele, ti chiami come il mio papà.

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 06/07/2018 20:53 #158414

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Ciao Letizia,
intanto grazie per le tue parole..oltre a Michele un anno prima ho perso anche io un piccolo "fagiolino" di pochissime settimane, ma non lo dimentico di certo.
Si, è dolorosissimo quello che è successo, ma penso anche alla tua esperienza...39 settimane! E sapere già di non poterlo sentire piangere..credimi, anche la tua situazione mi colpisce moltissimo. Avevo già letto situazioni analoghe ed alla visita post parto ho chiesto alla mia ginecologa proprio questo: Perchè fanno affrontare un parto naturale a donne come te? Non è già abbastanza devastante sapere di aver perso un bambino?Anche i dolori, il travaglio devono affrontare?? E lei mi ha detto che serve per accettare meglio la perdita, affrontando e vivendo il parto. Cosa ne pensi cara Letizia? Mi dispiace per la tua recentissima perdita, ma sono felice di sapere che ci stai riprovando..e non per dimenticare il piccolo Martin..ma per dare uno schiaffo alla vita che ci mette costantemente alla prova..noi siamo più forti.
Vorrei avere un abbraccio gigantesco per abbracciarvi tutte..e abbracciare i vostri angeli...
Lara

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 07/07/2018 09:08 #158421

  • Saphhira
  • Avatar di Saphhira
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 115
  • Ringraziamenti ricevuti 58
Ciao Lara

mi dispiace infinitamente per il tuo piccolo e non oso immaginare lo smarrimento di quel momento quando pensavi che tutto fosse andato ed invece la vita beffarda ti ha buttato in mezzo a questa terribile tempesta. Spero davvero che tu possa trovare una risposta a tutti i tuoi perchè... Vorrei poterti dare qualche aiuto in questo senso ma la mia esperienza è molto diversa dalla tua perchè i miei gemellini se ne sono andati a 22 settimane per un'infezione.
Comunque ti posso dire che provare un rigetto per famigliole felici, donne incinta & co è abbastanza normale conta che a me succede ancora adesso e son passati quasi 8 mesi dalla scomparsa dei miei bimbi. Senza precisare quanta rabbia che ho nel cuore e quanto mi sento sola ed incompresa da tutto il mondo che mi circonda. Anche io e il mio compagno ci facciamo seguire da una psicologa ed è davvero la mia ancora di salvezza.
La tua storia mi ha davvero profondamente colpita, ho pianto più volte rileggendola, e se potessi vorrei potermi prendere un pezzettino del tuo dolore. La vita è così ingiusta.
Ti abbraccio con infinito affetto.
Ringraziano per il messaggio: Michele

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 07/07/2018 15:36 #158426

  • MartinD
  • Avatar di MartinD
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 321
  • Ringraziamenti ricevuti 181
Ciao Lara, quando ho scoperto in ospedale che Martin ci aveva lasciati ho chiesto più volte di fare il cesareo , non volevo affrontare anche il dolore del travaglio, volevo soltanto essere sedata e procedere con il cesareo, ma nessuno li ha accolto la mia volontà, compreso il mio compagno perché i tempi di recupero sarebbero stati lunghi ed anche per un' altra eventuale gravidanza, ma io in quel momento non ci pensavo proprio al futuro. Comunque non ho avuto altra scelta. Ho insistito parecchio ma.niente, mi hanno stimolato già dalla sera prima e poi il giorno dopo alle 14 il mio bambino è nato in silenzio, e quel silenzio nella sala parto non lo dimenticherò mai. Ieri dopo aver letto la tua storia ti ho pensato tanto, la storia di Michele mi ha colpito dritta al cuore. Un abbraccio sincero per te ed il tuo compagno.
Ringraziano per il messaggio: Michele

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 07/07/2018 18:52 #158427

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Grazie a tutte per le belle parole...mi fate stare meglio...anche io ho pensato alle vostre storie...diverse ma che ci uniscono...Sapete oggi ho avuto un invito per un matrimonio...ma non riesco ad essere felice..non lo sono io..e non lo sono per gli altri. Per fortuna chi sa cosa è successo capisce cosa sto passando e nella massima discrezione accetta tutte le mie decisioni. E' dura...troppo dura...ma il vostro sostegno mi da forza!
Lottiamo insieme nella tempesta!
Ringraziano per il messaggio: MartinD

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 08/07/2018 15:25 #158432

  • lightmoon
  • Avatar di lightmoon
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 24
  • Ringraziamenti ricevuti 13
Ciao Lara, sono Marilena la mamma di Ilaria nata morta a 35 settimane.
Leggendo la tua storia oltre alla tristezza mi è salita un po’ di rabbia, perché arrivare così vicino alla felicità, per poi sprofondare nella disperazione, capisco ogni tua parola, anche se la mia storia è diversa, la gravidanza peoveceva bene fino alla 33 settimana quando il mio ginecologo scopre una grave malformazione al cervelletto più un forte ritardo di crescita, Ilaria l’ho persa a 35 settimane e ho fatto un cesareo perché l’ho fatTo con il mio primo figlio. Ci vuole tempo sono passati solo 5 mesi e ti dico ci sono giorni molto difficili, soprattutto quando ti confronti con gli altri, instabilmente pensi a tuo figlio.
Io ho deciso adesso di andare dalla psicologa, perché anche se io e mio marito parliamo e cerchiamo di andare avanti, sentivo il bisogno di parlarne con qualcuno, e sembra aiutarmi.
Prendetevi tutto il tempo e cullate il vostro bimbo con le vostre parole e pensieri ma anche lacrime, ti auguro di riprovarci quando te lo senti.
Un abbraccio forte a te e al tuo piccolo.
Ringraziano per il messaggio: Michele

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 08/07/2018 19:15 #158435

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Cara Marilena,
grazie di avermi risposto e dato parole di conforto, per me è molto importante.
Penso che la tua esperienza sia anch' essa piena di rabbia..eri a un buon punto della gravidanza, e scoprire che questo bellissimo cucciolo abbia una malformazione ti mangia dentro...perchè proprio a me? Dove ho sbagliato?
Oggi ho fatto una riflessione..non ne ho ancora parlato, ma il mio piccolo Michele l'ho visto solo di sfuggita..ho visto la dottoressa che ha tentato di rianirmalo guardarlo e sorridere...magari ha pensato a quanto fosse stato bello e perfetto prima di portaselo in un'altra stanza...bhe..perchè io non ho voluto vederlo. Dopo i 40 minuti interminabili, dopo che mi hanno ricucito, dopo l' annuncio beffardo che lo avevano strappato alla vita, dopo la domanda disperata a mia madre "è colpa mia?" ero in piedi sotto shock, l'asta con la flebo da una parte ed il sostegno di un'ostetrica dall'altra. Percorrevo il corridoio come un Dead Man Walking ed ho incontrato i miei genitori..ho abbracciato con tutta la forza che avevo mio padre, pensando di non avergli potuto dare quel nipote che anche se non me lo avesse mai detto aspettava tanto...Mia madre mi disse "vai a vederlo...è tuo figlio" ma io no, non me la sono sentita, xke il ricordo di vederlo privo di vita mi avrebbe segnato troppo. Adesso penso che forse avrei dovuto vederlo, studiarlo in ogni minima parte e capire a chi somigliasse, a cosa eravamo riusciti a creare io ed il mio amato compagno, a prenderlo in braccio e stringerlo a me dicendogli quanto lo amassi. Ma invece ci ragiono sopra, ho fatto bene a non vederlo, perchè dargli il benvenuto al mondo e dovergli dire subito addio non lo avrei accettato. E non voglio ricordarlo morto, senza vedere il colore dei suoi occhi o sentire la sua voce, il suo primo pianto di vita. Preferisco ricordarlo vivo, quando scalciava come un piccolo ninja con il sensore del tracciato sulla mia pancia e le stesse dottoresse che mi dicevano "ma quanto è agitato!" O la sua ultima foto che custodisco nella cartella clinica a casa, con il suo profilo, il nasino all'insù e la manina vicino alla sua bocca. Voglio avere solo bei ricordi di te mio piccolo amore! Nessuno ti riporterà mai da me ma la forza che emanavi dentro di me sconfiggerà ogni dolore che provo ora.

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 09/07/2018 05:06 #158443

  • Kevin
  • Avatar di Kevin
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 1031
  • Ringraziamenti ricevuti 1525
dolce mamma, eccomi qui ad accoglierti in questo forum dove i nostri figli ricevono la dignità che meritano, la nostra maternità viene riconosciuta ed i nostri sentimenti compresi e rispettati. io sono Rosy, la mamma di Kevin bimbo grazioso, nato dormendo il 23 novembre 2014, dopo un sogno incantevole durato 37 settimane +4 giorni, per un distacco intempestivo di placenta che in un attimo ha distrutto i nostri sogni più belli, ponendo fine alla vita del mio delizioso bambolotto paffuto. una gravidanza meravigliosa, fisiologica, perfetta, solo due giorni prima la visita dove tutto risultava nella norma, il giorno prima della tragedia il corso per gestanti in piscina che ricordo con dolcezza infinita il singhiozzo del mio bellissimo bambino sentito solo qualche ora prima, i suoi piedini che puntavano sotto le mie costole, la sua vivacità, la sua casa, il suo corredino e la sua culla pronte per lui, ed invece il fruscio terribile di quel tracciato sentenziava la morte di mio figlio, un funerale anziché battesimo, la cremazione anziché il mio latte per nutrirlo. io ho scelto di conoscere e prendere in braccio Kevin, ho accarezzato le sue ciglia lunghe, il suo nasino perfetto, la sua boccuccia disegnata, ho respirato il suo delicatissimo profumo di bambino, mi sembra ancora di sentire il suo peso tra le mie braccia ed in quella sala operatoria, amore immenso e dolore straziante si abbracciavano. Sono stata costretta a fare un cesareo d’urgenza, perché il distacco di placenta è stato causato da un picco di pressione improvviso ed inaspettato però credimi, se avessi potuto scegliere, sei la mia vita non fosse stata in pericolo anche se sinceramente non me ne fregava assolutamente niente, se avessi avuto la possibilità di farlo, avrei voluto partorire il mio bimbo con un parto naturale perché avrei avuto tanto bisogno di vivere ancora più intensamente il nostro ultimo ed unico tempo insieme. il ritorno a casa fa tanto male, ricordo di non essere riuscita letteralmente a respirare quando mio marito ha infilato la chiave per entrare: ho sentito un gelo, un vuoto indescrivibile che tu tesoro, purtroppo conosci benissimo. le risposte mediche sono importanti, dopo tre mesi dal parto sono consigliati gli esami preconcezionali che puoi trovare anche in questo forum nella sezione ginecologia ed ostetricia, fondamentale farsi seguire in un centro per gravidanza ad alto rischio, anche se, ogni volta sarà doloroso è snervante dover ripetere la nostra storia, fare esami, consulti, visite, perché, sempre, ci troveremo a pensare che noi, avremmo dovuto e meritato di essere a casa, al parco, ad accudire e veder sorridere i nostri cuccioli. riguardo le tue sensazioni alla vista di pance e neonati, sono sentimenti comuni a tutte noi che abbiamo perso un figlio: la gioia altrui, sono lacrime per noi! il primo anno di lutto davvero molto, molto, molto faticoso da affrontare: anche io, come te, mi sono chiusa anche te, tanti sono fuggiti, spaventati dal mio dolore perché finché tutto va bene, finché puoi regalare sorrisi e spensieratezza sei la benvenuta, poi, quando hai bisogno di supporto, sono in pochi ad offrirti sostegno sincero, un abbraccio, una parola, o anche solo un silenzio partecipe. ci vuole tempo, pazienza, un percorso adeguato di terapia, a me per esempio ha aiutato tantissimo partecipare al gruppo di auto mutuo aiuto messo a disposizione gratuitamente da ciao Lapo in alcune città italiane, un passo alla volta, un respiro alla volta, un giorno alla volta, senza avere fretta di guarire, senza reprimere alcuno Stato d’animo, senza possibilità di scorciatoie, senza timore di sentirsi sbagliata a soffrire, perché solo così, il dolore può cambiare forma e si può tornare a stare meglio; conoscerai la disperazione, il tormento, tante domande, le notti senza sonno, la nostalgia struggente, però poi piano piano, la malinconia diverrà più dolce e l’amore per aver ricevuto in dono tuo figlio, vincerà sulla morte. Io, dopo tre anni e mezzo di cammino, dopo la morte di Kevin, due gravidanze biochimiche e un aborto dopo otto settimane, posso dirti che vivo ancora giorni in cui niente basta, in cui niente consola, in cui mio figlio mi manca incredibilmente, con sincerità posso affermare che non mi rassegnerò mai ad aver perso Kevin e le altre tre piccolissime vite, però sento che mi sto riappropriando delle mie emozioni, sento riemergere le mie risorse erano nascoste, non svanite. prendi la mia mano, stringi la forte e proviamo a percorrere insieme questa strada tortuosa, fatta di ostacoli e ripide salite, ma dove troveremo anche zone pianeggianti dove fermarci, riprendere fiato, riposare per poi ripartire un po’ più forti e consapevoli. Invio un pensiero colmo di tenerezza per il tuo bellissimo principe vestito di stelle e per te un abbraccio di quelli che fanno tanto, tanto, tanto bene al cuore.
Rosy e Yuri con Kevin, bimbo grazioso, indelebile in ogni respiro.
Ringraziano per il messaggio: Michele

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 09/07/2018 15:53 #158449

  • Antonio Gabriele
  • Avatar di Antonio Gabriele
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 28
  • Ringraziamenti ricevuti 26
Spero tanto che mio marito si convinca a fare il percorso insieme..grazie perché nonostante questo immenso dolore hai proteso la mano verso me.
Ringraziano per il messaggio: Michele

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 09/07/2018 17:44 #158452

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Grazie infinitamente Rosy per il tuo sostegno!
La ripresa è dura..durissima..ma questo luogo crea uno spiraglio di luce per me, e per tutte voi mamme speciali!
Sono contenta di poter stringere la vostra mano ed affrontare questo duro percorso insieme.
Un abbraccio a te ed ai tuoi dolci angeli.
Lara
Ringraziano per il messaggio: Kevin
Tempo creazione pagina: 0.242 secondi