Avviso
  • Il forum è in modalità di sola lettura.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:

ARGOMENTO: Buon compleanno piccolo mio...

A me è successo...e non ci voglio credere!!! 13/05/2019 18:59 #160450

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Ciao a tutte le mamme..
finalmente posso scrivere e dire che la settimana scorsa tutto è andato per il meglio!Papà sta bene, operazione fatta senza intoppi... il giorno dopo, un'altra bella notizia..il fagotto non ha nessun tipo di problema al cuoricino! E' stato il regalo più bello per il mio compagno che proprio quel giorno compiva gli anni.
Mi sono ritrovata in una realtà che da tempo non provavo, assaporare gioia e sollievo e pensare: "allora le cose vanno anche bene alle volte". Si, proprio così perchè quando perdi tuo figlio pensi che non potrai mai più essere felice, ma nei giorni scorsi invece la felicità l'ho provata veramente e mi ha dato tanta energia e positività!! E' una sensazione bellissima care mamme. Avevo tanta paura di perdere anche il mio "orso buono" di papà, anche se era un 'operazione di routine, anche se era in centro di alta specialistica, ma anche in quel dannato 4 maggio di un anno fa tutto doveva andare per il meglio e non è andato...
Mi sento stranamente bene e calma, nonostante manchi un mese emmezzo scarso al giorno "del giudizio", queste belle cose mi hanno dato una sorta di "ricarica interiore".
Ho preso una decisione che mai mi sarei aspettata. Se entrassi in travaglio prima di raggiungere Genova, ho deciso che ritornerò nello stesso ospedale di Imperia. Avevamo optato con la mia ginecologa Sanremo, ma per cause ancora anomale non mi hanno ancora fissato visite e, considerando che proprio la mia ginecologa è trasferita ad Imperia e con lei mi sento sicura, mi sono detta...al massimo mi farò un pianto (come le ho detto ancora oggi a lei) ma voglio essere lì. E' stata azzardata come decisione? Non lo sò ma il sesto senso mi dice di fare così. Ormai non dico di essere rassegnata, ma sappiamo le cause della morte del mio Michele, ed i medici non ne potevano nulla.
E poi, mi sento fortunata ad aver trovato un medico così sensibile nei miei confronti, penso che se non era per lei non sarei arrivata fino a dove sono ora.
Care mamme, vorrei donarvi un caldo abbraccio che arrivi dritto al cuore di ognuna, voglio donarvi un pò di serenità che tanto mi ha fatto bene a me in questi giorni.
Lara
Ringraziano per il messaggio: Kevin

Ed alla fine arrivi tu.... 06/06/2019 22:24 #160579

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Care mamme..in queste ultime settimane sono successe tante cose...
partiamo dal 14 maggio..siamo dalla psicologa io ed il mio compagno, sto vivendo un momento un pò intenso, mio padre in ospedale per via
dell'operazione, mia madre si è presa la bronchite, ed io ho il lavoro che non posso mollare perchè sono sola, la pancia cresce, ma io mi sento bene fisicamente.
Dico alla dottoressa "faccio il necessario solo la mattina, e questo fagotto deve rimanere ancora tranquillo fino a fine mese, poi mi inizio a riposare.
All'uscita dallo studio incontro anche la mia ginecologa, sempre apprensiva e mi dice: mamma mia che panciona! E' sempre più grossa!
Andiamo a fare la spesa, sono tranquilla che giro tra gli scaffali del supermercato, guardo il mio compagno con gli occhi sbarrati: amore c'è qualcosa che
non va...in un secondo mi ritrovo con i pantaloni zuppi..Si sono rotte le acque!!! Molliamo il carrello ed andiamo all'ospedale.
Ho chiamato subito la mia ginecologa che ha avvertito al reparto.
Arriviamo e ci accoglie l'ostetrica che conoscevamo, siamo terrorizzati, io inizio a tremare..non deve nascere ora..è troppo presto! Non posso perdere anche lui/lei!
l'ostetrica ci tranquillizza sul fatto che è presto ma complicanze per il bimbo non dovrebbero esserci e che per l'età gestazionale ci si prepara per il
trasferimento al gaslini, essendo un centro di secondo livello.
Conosce bene la nostra storia, e cerca di rassicurarci, ma come può rassicurarmi..anche con Michele doveva filare tutto liscio...ma non è successo!!!
Controllano che i parametri siano ok e che possa viaggiare senza che il travaglio inizi. E così, destinazione gaslini.
Arriviamo e mi portano in sala visita- Lì, un medico mi visita constatanto la rottura del sacco ed una leggera dilatazione. Mi chiede: come mai ha fatto le
visite al gaslini? Io rispondo (e dovrebbe già fargli capire la gravità della mia situazione) ho avuto una morte fetale e per questa gravidanza ho voluto
fare le visite da voi per "essere più tranquilla", a breve dovevo programmare il cesareo ecc. Lui mi gela dicendo: Io non vedo nessun presupposto per fare
un cesareo"... Mi blocca ogni fibra del mio corpo...come si permette di fare sentenze? Cosa ne sa lui cosa è meglio per me???
Lo avrei voluto tritare con le mie stesse mani...la diagnosi prevede riposo assoluto e cura antibiotica, e mi portano in camera. L'ostetrica che era in sala
visita con me ha voluto cercare di tranquillizzarmi, "il medico magari era stanco, e capisco la tua reazione, vedrai che faremo tutto il meglio per te.
Io incazzata come una iena gli dico che non mi invento di fare un cesareo per un capriccio, ho perso un figlio durante il parto, come può trattarmi
come se fossi un idiota? Se fosse stata sua moglie al mio posto avrebbe detto la stessa cosa??
E così inizia il mio "calvario in ospedale, io ero distrutta e nei giorni seguenti anche il primario aveva "insistito" sul parto naturale..io ogni volta che
me ne parlava piangevo. Per una settimana ho chiesto tutti i giorni un colloquio con uno psicologo, la mia non potevo contattarla, non c'era privacy nella stanze,
e comunque non poteva fare molto se non chiamare come già faceva la mia ginecologa.
Finalmente dopo una settimana riesco ad avere questo benedetto colloquio. E' stato liberatorio, e distruttivo nello stesso momento.
La psicologa aveva anche lei gli occhi lucidi e, la stessa mi dice "purtoppo sono uomini, e non possono capire quello che si passa. Si, perchè nessun
medico donna mi aveva detto cose del genere.
Alla fine il 24 maggio ho il responso e mi fissano il cesareo per il 3 giugno. Non che non avessi paura anche del cesareo..ma almeno qualcuno ha capito la mia situazione.
Meno male che il tempo passava abbastanza sereno, ho conosciuto storie e ragazze con cui ho legato molto, che mi hanno arricchito l'anima.
Ma...qualcosa non andava la sera di quel giorno...dolorini, andavano e venivano, ma avevo avuto gli stessi sintomi per via dell'intestino giorni prima.
Il mio compagno era venuto per farmi compagnia il week end e mi disse: vado via ma dormo vestito, se cè qualcosa che non va scrivimi che arrivo.
Io l' ho tranquillizzato.."amore vedrai che è solo l'intestino, vado in bagno e passa tutto". Ma le cose non sono migliorate, facevo avanti ed indietro dal bagno ed
alla fine sono andata dall'ostetrica a farmi dare un lassativo. Ma dopo averlo fatto..haimè...si sono scatenate le contrazioni, una dietro l'altra, fortissime.
Ho chiamato l'ostetrica che mi fa il monitoraggio per 15minuti e vede le contrazioni forti e vicine. Era disperata perchè mi aveva dato un lassativo ed io stessa
la tranquillizzavo, "non è colpa tua, dovevano iniziare e basta!"
Mi porta in sala visita, c'era una dottoressa "per fortuna" e mi dice " sei dilatata di 6 cm , non so se arriviamo al cesareo". L'unica cosa che le
ho chiesto era di non farmi sentire dolore...e poi in sala parto avremo valutato la situazione. Nel mentre chiamo anche il mio compagno che arriva in breve tempo.
I dolori erano lancinanti e non volevo sentire nulla...avevo paura che tutto si ripetesse...Mi fanno l'epidurale in preda alle doglie..l'anestesista ci ha
messo secoli per trovare il punto nella schiena..avrei voluto spaccare tutto...non fatemi sentire altro dolore pensavo! Non voglio partorire naturalmente!!
Nell'altra sala tutto era pronto per il cesareo, ma appena mi hanno finito di fare l'epidurale ho sentito il bisogno di spingere..ed ho spinto..spinto,
ed ancora spinto. L'ostetrica mi è stata sempre vicino, mi accompagnava le spinte e mi diceva di non mollare. Io le dicevo terrorizzata "ma sta andando avanti?"
E lei mi ha rassicurando dicendomi "controlla tu stessa, sta facendo km!"Ed ho sentito la testa sempre più vicina...sono arrivate le ultime spinte, e non volevo
mai fermarmi e dicevo Si! Si! Sapevo di potercela fare...e siamo arrivati all'ultima..ed il mondo si è fermato. E' nata..ed era una femmina, mi hanno detto,
stai tranquilla, respira..l hanno smossa un poco ed ho sentito il suo pianto, delicato e quasi timoroso di farsi sentire. Non sono riuscita ad esprimere
nulla, ero bloccata come una pietra. Dopo i primi controlli me l'hanno portata vicino e data in braccio. La mia bambina era, l avevo fatta io, e l'abbiamo chiamata Agata.
E' stato tutto irreale..un anno prima eravamo nel luogo più profondo ed oscuro dell'inferno, ed ora..in paradiso? Non lo so nemmeno io.
Lei è Agata, la nostra secondogenita, non la prima, se mi volto indietro cerco ancora il mio bambino, cerco ancora di capire perchè il destino ha voluto questo per noi.
Anche se siamo diventati genitori in terra, anche se ci toglie il sonno ma ci regala sorrisi immensi...quel bambino che sei tu Michele, continuo a desiderarlo e poterlo stringere.
Pensavo che qualcosa cambiasse dentro di me dopo l'arrivo della nostra bambina, ma invece quel vuoto è ancora lì con me. Appena siamo arrivati a casa ho presentato Agata all'urna dicendo:
Questo Agata è il tuo fratellino. Già, saremo dovuti essere in 4 e non in 3 ora. L'arrivo della tua sorellina mi ha fatto capire quanto sia forte ed immenso l'amore verso di te, è così
difficile vedere la gioia negli occhi dei miei genitori, delle persone che mi sono state vicino prima, ma non riesco ad esserlo. Sto. Sono felice, ma a metà. Chissà se riuscirò ad
ammorbidire questo dolore, forse è passato troppo poco tempo? Forse..ma l'amore di una mamma per un figlio non muterà mai, questo è certo.
Ti amo tanto Michele...tua, mamma.
Ringraziano per il messaggio: auri18, ele.med

Ed alla fine arrivi tu.... 07/06/2019 14:22 #160582

  • Sofia
  • Avatar di Sofia
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 99
  • Ringraziamenti ricevuti 69
Lara, ho pianto leggendo il tuo ultimo messaggio. Il tempo è volato, ricordo quando annunciasti il tuo positivo e mi sembra ieri quando esprimevi tutte le tue paure su questa nuova gravidanza, che ti ha poi portato la tua seconda meraviglia urlante tra le braccia. Sentirti raccontare della tua nuova attesa ha dato forza e coraggio anche a me. Ti abbraccio forte e vi auguro tanta serenità tra cielo e terra e ricorda che la piccola Agata avrà un angelo custode speciale.. spero di riuscire anche io a scrivere presto della nuova nascita, anche se la strada è ancora lunga, ma mi hai dato tanta tanta speranza.
Ringraziano per il messaggio: Michele

Buon compleanno piccolo mio... 03/05/2020 21:57 #161620

  • Michele
  • Avatar di Michele Autore della discussione
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 79
  • Ringraziamenti ricevuti 78
Ciao amore mio...lo so, sono in anticipo di un paio di ore, ma ho bisogno di dedicarmi a te ed evitare che domani non riesca a farlo come vorrei. La tua sorellina come tu sicuramente sai cresce e ci fa disperare, e proprio in questi giorni che si avvicina il tuo compleanno penso a cosa mi sto perdendo di te..darei di tutto per baciare le tue manine ed i tuoi piedini, per vedere che cresci ed a chi somigli..
Dio mi ha ucciso un altra volta..e tu lo sai bene piccolo mio, perchè vicino a te ora hai nonna Anna. Già care mamme di ciaolapo, quello che la vita mi ha riservato nel giro di quasi due anni è surreale. La tua perdita, una nuova gravidanza mai accettata ed affrontata tra mille ostacoli, l'operazione del nonno che per fortuna è andata bene, la rottura prematura delle acque, il riposo forzato, l'agonia di non essere capita e poi è arrivata Agata. Ma il dolore della perdita che rimane e deve combattere con le crisi di una neomamma e di un bimbo da accudire. Si, perchè nessuno lo sa meglio di noi mamme speciali. Chi ha la fortuna di conoscere il nuovo bimbo, il bimbo arcobaleno, non è la risoluzione e la fine del dolore. Ti assale ogni singolo momento, anche con in braccio un bellissimo e nuovo amore, che ti leva il sonno, la forza, ti riempie il cuore di amore immenso ma ne rimane sempre un pezzo vuoto..e nessuno può veramente capirlo. Un dolore soffocato..si...perchè tutti pensano che il peggio sia passato, ma non sarà mai così...Con l'arrivo di Agata sembrava di aver ripreso un poco a vivere...ma a fine ottobre qualcosa inizia a "zoppicare". Mia mamma inizia a non stare bene, sembrava una diverticolite...sembrava....il 24 di dicembre le eseguono una biosia all'IRCSS di Milano, facendoci passare il primo Natale di Agata nel silenzio. Il 26 gennaio ci lascia, nello sconvolgimento e nella disperazione più tolale...un maledetto bastardo tumore, che non le ha dato via di scampo. Non ha mai avuto un sintomo anomalo..ha attaccato e non le ha dato nessuna possibilità. Ho cercato di attaccarmi alla fede più che mai, cosa che avevo abbandonato con la tua morte piccolo mio...urlavo a Dio, "non portarmi via anche lei, ti sei presa mio figlio, non ti basta???" Ho cercato nella speranza di un miracolo facendo benedire la tua urna e portandola in ospedale da lei dicendole "Michele ti proteggerà"...ma..forse è servito per farvi incontrare lassù, non per tenerla salda ancora qua..accanto a me. Non doveva succedere anche questo, una nuova vita da affrontare e cambiare di nuovo, mi sembra di non farcela. Pensavo che la fresca morte di Nonna mi avrebbe allegerito il dolore per te..invece il mio cuore è in frantumi e sembra un dolore infinito...sono giorni che il tuo ricordo si fa sempre più intenso, e si somma al dolore per la tua nonna....Il dolore ha un intensità così forte che ti crea conati di vomito e ti leva le forze. Mi sembra di essere in un gioco in cui i dadi danno sempre numeri sfotunati. Adesso ho ancora più paura del futuro piccolo mio, la psicologa un giorno mi ha abbracciato..perchè nemmeno lei aveva parole che mi permettessero di liberarmi dal dolore che mi assale. Anche il nonno sta andando da lei..non pensavo che nel giro di questi anni avrei affrontato tutto questo...sono sconvolta, esausta e, come ho già detto impaurita dal futuro, che possa ancora fare male. Ho paura che mi portino via anche la tua sorellina, sto impazzendo! E' tutto tremendamente difficile piccolo amore mio...Non volevo scriverti cose tristi amore, ma mi manchi da morire, non riesco ancora a ricordarti con serenità, ma solo con estremo dolore...Ti aspetto ancora nei sogni, che mi corri incontro, ti aspetto ancora che mi chiami mamma, ti aspetto che ti avvicini a me mano a mano con la nonna. Buon compleanno ovunque tu sia Michelino, amore infinito di mamma, proteggici ed allegerisci se puoi tutto questo dolore....
Tua, mamma
Ringraziano per il messaggio: Marta90, Monica85

Buon compleanno piccolo mio... 04/05/2020 01:37 #161621

  • Angiolettomio
  • Avatar di Angiolettomio
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 42
  • Ringraziamenti ricevuti 46
Cara Mamma,
Mi rendo conto di non avere per te parole di conforto, perché spesso le parole sono sopravvalutate e soprattutto non è sempre giusto aver qualcosa da dire...
Voglio dirti però che so cosa significa sentire di giocare una partita a carte a cui capitano sempre mani sbagliate, continuamente...una mano peggiore, una dopo l'altra.
Mio nonno aveva la sua teoria, la chiamava IL MAZZO DI CARTE...diceva sempre che quando Dio mandava una disgrazia tendeva a pescare dal mazzo sempre le stesse carte.
Quando sono rimasta incinta mio padre disse "finalmente le carte girano", nessuno poteva immaginare che la carta peggiore stesse x arrivare. So cosa significa vedere sempre più sedie vuote a Natale, so cosa significa pensare "finalmente una nuova vita, una sedia da aggiungere" e invece è un altra sedia vuota.
Io non ho un bimbo arcobaleno, forse non arriverà mai, non credo di avere il coraggio di vivere quella paura che gia da ora, al sol pensiero, mi paralizza e mi costringe ad aumentare la dose di "goccine" che mi aiutano a non entrare completamente in quell'abisso di dolore in cui vorrei tanto gettarmi. Ma immagino che anche se l'avessi il dolore non cambierebbe, anzi, penserei a tutto quello che non ho potuto fare e mai potrò fare con Rachele. Sono una mamma e non ho mai cambiato un pannolino...imparare con un altro figlio ora come ora mi sembra sbagliato.
Ti tendo la mano e te la stringo...perché camminiamo tutte insieme lungo lo stesso precipizio.
Sono vicina al tuo dolore x ogni perdita.
E mando un bacio in cielo al tuo Michele x il suo compleanno, alla quale festa LASSÙ starà sicuramente partecipando anche la mia Rachele.
Ringraziano per il messaggio: Michele, Marta90, Monica85
Tempo creazione pagina: 0.148 secondi