Avviso
  • Il forum è in modalità di sola lettura.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:

ARGOMENTO: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00

Re:Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 16/06/2010 23:17 #47883

  • alfredo
  • Avatar di alfredo
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Un viaggio di mille miglia inizia con un passo
  • Messaggi: 288
  • Ringraziamenti ricevuti 337
Ciao Caterina,
quello che è previsto dalla legge è che a te (se sei lavoratrice dipendente) spettano l'indennità economica e l'astensione dal lavoro per 3 mesi. L'azienda non aveva alcun diritto di proporti il rientro e addirittura, se tu lo avessi accettato, avreste commesso entrambi un illecito.
Riguardo al lavoro pomeridiano, non credo che si possa applicare, perché è un accordo specifico legato alla presenza del bambino. Però di questo non posso essere certo, ci vorrebbe un avvocato esperto di diritto del lavoro.
Alfredo
Lasciarsi andare alla rabbia è come afferrare un carbone ardente con l'intento di gettarlo a qualcun altro.
Sei tu il solo a bruciarsi.

Gautama Siddhartha Shakiamuni

Re:Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 16/09/2010 16:24 #56158

  • caterospa
  • Avatar di caterospa
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 120
  • Ringraziamenti ricevuti 53
Scusa se ritorno sul discorso legale che effettivamente ad oggi é l 'ultimo che vorrei affrontare ma dalla mia azienda mi stanno creando non pochi problemi....prima di tutto mi stanno trattando come se io abbia avuto una maternita' obbligatoria che non mi spettava....e secondo stanno cercando in tutti i modi di togliermi giorni che mi spettano.
Come ben sai quando vai in maternita' hai un periodo di 5 mesi che parte dalla data ipotetica del parto che nel mio caso era 7 maggio...infatti andai in maternita' obbligatoria dalla maternita' a rischio il 7 marzo!!
Ora....il mio piccolo Filippo é nato morto il 3 maggio.....e il signor capo della pianificazione vuole farmi finire la maternita' il 3 agosto e non il 7 agosto come a me risulta visto che mi sembra aver capito che i giorni che non godiamo prima del parto li possiamo recuperare dopo.
Vi prego di aiutarmi a capire i miei diritti...e nel caso dove posso trovare una legge che spieghi questo.Inoltre il mio compagno era in ferie durante la tragedia e l azienda non gli ha riconosciuto il lutto fermandogli cosi i giorni di ferie che dovrebbero poi essere recuperati dopo......
E' per me questione di rispetto....queste persone non possono continuare a trattarci come se noi stiamo avendo qualcosa che nn ci spetta....
Vi ringrazio..
Caterina con Filippo nel cuore

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 26/12/2010 13:20 #68788

  • cate.a
  • Avatar di cate.a
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 374
  • Ringraziamenti ricevuti 504
ciao, capito sull'argomento per caso ma vorrei sapere se qualcuno ha un parere in merito a quello che sta capitando a me. Lavoro in USL come convenzionato a tempo indeterminato. Il mio contratto prevede 14 settimane retribuite di gravidanza/puerperio. Ho partorito il 9 dic 2010 perchè il mio bimbo è morto in utero alla 27 settimana (quindi oltre i sei mesi di gestazione ossia i 180 giorni più volte menzionati nelle varie leggi a tutela della maternità) Ora l'USL non mi vuole corrispondere l'indennità di maternità perche "non ho un bambino di cui occuparmi, se voglio prendo malattia" ma io non sono malata!!che voi sappiate, hanno il diritto di trattarmi così? il contratto non parla di parto prematuro nè di morte in utero o morte del nascituro nelle famose 14 settimane. non so più dove sbattere la testa, e in un periodo così difficile per me. potrei rivolgermi ad un legale, ma temo conseguenze negative...sono pur sempre una specie di " precario" ciao caterina

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 29/12/2010 17:30 #69035

  • mt73
  • Avatar di mt73
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 11
  • Ringraziamenti ricevuti 15
faccio l'avvocato e quindi rispondo in materia, visto che faccio anche consulenza in un sito.
Dopo il 180° giorno di gestazione si ha diritto alla maternità obbligatoria così come prevista dalla legge, sia che si abbia o meno il bambino. Se il parto avviene prima della data presunta i giorni non goduti (2 mesi anteriori alla dpp) vengono goduti dopo. Spetta l'indennità di maternità, pari all'80 % dell'ultimo stipendio percepito, che verrà anticipata dal datore di lavoro al quale verrà poi rimborsata dall'ente assistenziale. Se il datore di lavoro non vuole pagare l'indennità ci si può rivolgere direttamente all'ente esistenziale per ottenere l'indennità

Re:Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 20/01/2011 18:52 #71322

  • Pupi
  • Avatar di Pupi
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 26
  • Ringraziamenti ricevuti 34
Ciao a tutti,
vorrei chiedere se qualcuno sa dirmi qualcosa di più circa quello che mi sta capitando...ho perso la mia piccola Viviana alla 27 settimana partorendo il 18/11/2010, il mio contratto di lavoro a tempo determinato è scaduto il 31/10/2010 x cui sto percependo l'indennità di maternità ma al momento di fatto sono disoccupata..x questa ragione vorrei chiedervi se secondo voi posso accettare una proposta di lavoro che mi è stata fatta in questi giorni e se posso tornare a lavorare prima del 18/02/2011 ossia prima dei fatidici 3 mesi, rinunciando al mese di maternità che ancora mi spetterebbe, anche perchè da quello che ho capito la legge si applica solo alle lavoratrici che hanno un contratto di lavoro dipendente ed io essendo disoccupata forse non rientro nel caso.
Vorrei inoltre dire che x quello che mi riguarda a distanza di 2 mesi dal parto mi sento pronta x rientrare a lavorare, il fatto che vi possa essere qualche impedimento a questo non lo trovo giusto, le ore passate a casa da sola x me sono state quelle che mi hanno fatto versare più lacrime e gettato più nello sconforto e la possibilità di poter tornare a lavoro adesso la vivo in maniera più che positiva.
Grazie Denise

Re:Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 04/08/2011 21:59 #93986

  • Gina
  • Avatar di Gina
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Mamma di Alice in cielo e di Elia e Ariel in terra
  • Messaggi: 424
  • Ringraziamenti ricevuti 180
Cambiano le regole in merito all'astensione obbligatoria.
Dall'11 agosto 2011, infatti, in caso di decesso del bambino nel momento del parto o successivamente, o in caso di interruzione terapeutica o spontanea dopo il 180° giorno di gestazione, la lavoratrice ha il DIRITTO di riprendere in qualsiasi momento l'attivita' lavorativa, dando 10 giorni di preavviso al datore di lavoro. Ovviamente lo stato di salute della Mamma deve essere certificato da un medico.
Aggiungerei, per quanto mi riguarda, finalmente la mamma potra'' scegliere se tornare a lavoro o rimanere a casa, e non sara' piu' solo un OBBLIGO :(

Vi riporto un articolo che spiega i cambiamenti:
slc-cgil-catania.blogspot.com/2011/07/ma...entale-cambiano.html

Bacio
Gina
Meravigliosa creatura..un bacio ancora..

Re:Vuoto legislativo in caso di natimortalità 07/10/2011 06:09 #100465

  • francesco
  • Avatar di francesco
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 216
  • Ringraziamenti ricevuti 209
C:\fakepath\ministero lavoro.pdf

C:\fakepath\Inps_Guida-Maternita.pdf
c'è un vuoto normativo pauroso... Io ho comunicato la perdita del mio Francesco ai miei capi (dipendente di un'azienda privata) lo stesso giorno in cui Francesco è volato via...Dopo una ventina di giorni sono andata a parlre con l'amministratore della società, (non camminavo anora bene) il quale mi ha acclto in questa maniera: "che sei venuta a fare??? in queste condizioni non mi servi!" e menomale che gli avevo chiesto di rientrare prima a lavorare!!! probabilmente aspettava una mia reazione, aveva bisogno della giusta caus per mndarmi via...mi sono limitata nel dirgli: "le mie spalle stanno affrontando la morte di un figlio"...mi ha mandata via a malo modo dal suo ufficio...Ieri ci sono tornata in quell'ufficio..mi ha detto, questa volta in maniera più gentile che non posso rientrare a lavorare ...devono passare 90 giorni da quel giorno speciale...
mi permetto di allegare 2 file in pdf che possono essere utili ...
un abbraccio a tutte le persone speciali e un bacio al mio piccolo grande amore Francesco

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 19/11/2011 08:05 #104113

  • Liana
  • Avatar di Liana
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 13
  • Ringraziamenti ricevuti 20
Io ho partorito a 22 settimane +1 quindi, teoricamente non avrei avuto diritto ai 3 mesi di maternità, io lavoro come dirigente medico a tempo indeterminato, ma siccome la mia bambina pesava 530 grammi, nell'ospedale di Udine considerano parti e non aborti quando i bimbi pesano più di 500 grammi, di conseguenza ho dichiarato mia figlia all'anagrafe, e con i documenti che mi hanno rilasciato, l'ispettorato provinciale del lavoro ha stabilito che io avevo diritto a quei 3 mesi,
Nel mio caso, sono stati vitali, io non sarei mai stata in grado di svolgere il mio lavoro nelle condizioni psicologiche in cui mi sono ritrovata.
tra 2 settimane tornerò al lavoro e so già che mi stanno aspettando coi fucili spianati, dato che considerano esagerati i 3 mesi di maternità di cui ho fruito. ho saputo che una collega che è rimasta vedova da poco, ha avuto da ridire sul fatto che amnche se a lei è morto il marito lei è stata a casa solo 1 settimana e che quindi il mio stare a casa è proprio esagerato....
non vi dico con quale stato d'animo torno a lavorare
ah e ovviamente dei 30 giorni di ferie del 2011 per il momento neanche a parlarne....

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 19/11/2011 20:49 #104128

  • francesco
  • Avatar di francesco
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 216
  • Ringraziamenti ricevuti 209
io sono rientrata dopo i tre mesi ...peccato che ho trovato l'azienda chiusa e dello stipendio non si vede ombra...in 2 mesi e mezzo la mia vita è stata ribaltata. Che fine avrà fatto il mio stipendio pagato dall'inps?? baci al cielo...ilenia

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 09/03/2012 00:55 #113287

  • tanjagirgenti
  • Avatar di tanjagirgenti
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 430
  • Ringraziamenti ricevuti 724
Vi presento la mia situazione in attesa di risposta da parte dell'inps di Lecco.
Joel è nato vivo alla 23+3 (non hanno saputo dirmi se occorre contare i 180 gg. visto che è nato vivo), è sopravvisuto in patologia per 23 gg. Il giorno dopo il decesso porto all'Inps il certificato di nascita e di morte e denuncio la nascita entro i 30 gg. come richiesto nei parti prematuri, vado via dando per scontato di avere diritto ai tre mesi di obbligatoria (uno ormai passato vicino al piccolo in TIN). Dopo una settimana mi richiama l'inps chiedendo l'invio dei documenti perchè non sanno bene dove collocarmi e a oggi sono ancora in attesa di risposta. Non vi dico il caos per riuscire a prendere un appuntamento con chi segue la pratica in sospeso perchè aspettano risposta da Milano....e intanto è passato un'altro mese, e se poi non mi spetta la maternità???
Per rimanere al vostro tema direi che lasciare la scelta ad ognuno per singolo caso sia la cosa migliore, penso anche che dipenda molto dal tipo di lavoro che una fa. Nel mio caso che sono educatrice in un asilo nido non sono ancora pronta a rientrare sia per la responsabilità che si ha con bambini che spesso hanno anche solo 6 mesi e anche perchè tante mamme del nido sono in attesa e girano con pancioni. Penso sia ancora presto e doloroso dover affrontare l'arrivo dei fratellini dei bimbi del mio nido.
...lui ora è il nostro angelo...ma non uno qualunque...
...lui non ha le ali e l'aureola...lui è molto più speciale...
...è fatto di polvere di stelle...amore, sogni e speranza!!!

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 09/03/2012 01:13 #113290

  • Arianna75
  • Avatar di Arianna75
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Mamma di Maddalena, per sempre nel cuore,...
  • Messaggi: 184
  • Ringraziamenti ricevuti 217
Ciao Tanja,
anche io ero stata all'inps ma mi hanno mandata via, mi hanno detto che devo andare da un sindacato e così ho fatto, ho preso appuntamento e mi sono recata con tutti i documenti, ho diritto a 5 mesi dalla data del parto perchè Maddalena aveva più di 180 giorni di gestazione ( devi contare dalla data dell'ultima mestruazione se sono trascorsi più di 180 giorni quando hai partorito).
Al sindacato di consiglio vivamente di rivolgerti comunque, oltre alla documentazione che hai ti devi far fare dal tuo ginecologo il certificato riportante la data presunta del parto e la data invece in cui hai partorito, se ti servono altre delucidazioni scrivimi pure, ma ti ripeto urgentemente prendi appuntamento con il sindacato sono loro che poi inviano la richiesta all'inps in via telematica.
Un abbraccio forte forte, se hai bisogno scrivimi pure,...
un bacio da Arianna con Maddalena x sempre nel cuore

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 09/03/2012 02:40 #113303

  • Betty81
  • Avatar di Betty81
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 364
  • Ringraziamenti ricevuti 523
Cara Tania anche io sono un'educatrice di asilo nido e credo sia giusto prendersi del tempo prima di rientrare..
Io ho perso il mio Riccardo a 37 settimane, non era prematuro e forse è diverso rispetto a te ma io ho fatto i 3 mesi di maternità dopo il parto colcolando dalla data del termine stabilita dal ginecologo e non quella effettivca della nascita.
Ti dico questo perchè in un primo momento c'è stata un pò di confusione in quanto l'ufficio paghe riteneva che la maternità obbligatoria finisse passati tre mesi dalla data effettiva del parto. Mi sono così informta presso inps e sindacati che mi hanno confermato e poi hanno confermato loro telefonicamente all'ufficio paghe che la data da tenere in considerazione è quella del termine di gravidanza stabilita dal ginecologo a inizio gravidanza.

Un abbraccio cara mamma!

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 23/03/2012 02:10 #114472

  • moma
  • Avatar di moma
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 23
  • Ringraziamenti ricevuti 19

tanjagirgenti ha scritto: Vi presento la mia situazione in attesa di risposta da parte dell'inps di Lecco.
Dopo una settimana mi richiama l'inps chiedendo l'invio dei documenti perchè non sanno bene dove collocarmi e a oggi sono ancora in attesa di risposta. Non vi dico il caos per riuscire a prendere un appuntamento con chi segue la pratica in sospeso perchè aspettano risposta da Milano....e intanto è passato un'altro mese, e se poi non mi spetta la maternità???
.


Cara Tania,
innanzitutto mi dispiace tanto per la perdita del tuo bambino e ti capisco se non hai voglia di tornare a lavorare in un asilo nido e di vedere pancioni che vanno e vengono...
Mi si è accapponata la pelle a vedere che hai a che fare con l'INPS di Lecco... faccio anch'io capo a quella e non ti dico le lacrime che mi han fatto versare nel 2007, erano una manica di incompetenti e non dimenticherò mai quell'impiegata che, dopo che gli avevo spiegato la situazione e gli avevo detto che la mia bambina era morta, non è stata neanche capace di dire "mi dispiace"... sembravano tutti contenti di dirmi che non potevo lavorare, ha fatto spallucce e mi ha detto "eh no, non si può"...... Io ero stata anche alla Direzione Provinciale del Lavoro, c'erano donne molto in gamba... prova a sentirle se ti possono aiutare!!
Un abbraccio
Monica

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 26/03/2012 16:47 #114695

  • tanjagirgenti
  • Avatar di tanjagirgenti
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 430
  • Ringraziamenti ricevuti 724
grazie Monica, la situazione si è risolta anche se ogni persona con cui parlavo diceva una cosa differente, ma sono andata armata di normativa trovata su internet e non hanno più potuto tenermi sulle spine e cosi dopo un mese d'attesa (e se non mi muovevo io sarei ancora in attesa) mi hanno dato i 5 mesi di obbligatoria (due più tre dell'obbligatoria che non ho goduto). Grazie ancora Tanja
...lui ora è il nostro angelo...ma non uno qualunque...
...lui non ha le ali e l'aureola...lui è molto più speciale...
...è fatto di polvere di stelle...amore, sogni e speranza!!!

Re: Astensione obbligatoria o rientro? Legge 53 8/3/00 01/10/2012 23:42 #128394

  • susanita
  • Avatar di susanita
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 6
  • Ringraziamenti ricevuti 0
Ciao a tutti. E' la prima volta che vi scrivo e lo faccio per avere dei chiarimenti a proposito della maternità obbligatoria. Ho partoritoil mio piccolo angelo Zoe alla 27 settimana e dopo vari cavilli burocratici tra inps e patronato mi hanno comunicato dopo quasi due mesi di attesa (solo a voce, non ho nulla di scritto!) che avevo diritto a tre mesi dalla data del parto avvenuta il 19/7 quindi il 19 ottobre tornerò al lavoro. La mia domanda è questa: perchè leggo di lavoratrici dipendenti come me che hanno diritto a 5 mesi? effettivamente nel terminale del patronato inizialmente compariva come data di fine maternità il 19/12 successivamente modificata per magia al 19/10. non capisco molto e non riesco ad avere risposte chiare. Francamente sono contenta di tornare al lavoro ma non vorrei essere privata di qualcosa che mi spetta di diritto. Grazie a chi saprà rispondermi e un caro saluto a tutti
Tempo creazione pagina: 0.275 secondi