Avviso
  • Il forum è in modalità di sola lettura.
Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password:

ARGOMENTO: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri...

Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 24/08/2011 16:01 #95509

  • Maria
  • Avatar di Maria
  • Offline
  • Moderatore
  • Moderatore
  • 37 settimane di puro amore
  • Messaggi: 2628
  • Ringraziamenti ricevuti 1961
Grazie mamme, grazie a tutte
si lo so le paure vanno affrontate altrimenti ce le portiamo dietro e diventano delle montagne invalicabili. Ho una tenerezza infinita verso i bimbi ed un debole per le femmine, da quando e' morta Maria a parte Rebecca e le bimbe di altre mamme speciali non ho preso piu' in braccio una femmina. Mia cugina ha partorito a fine giugno ed arrivata a casa sua senza neppure chiedermelo mi ha messo tra le braccia un fagottino di nome Aurora, bella come il sole, fragile e completamente abbandonata ed accoccolata a me, mi sono scese le lacrime, ma sono stata felice che lei abbia fatto quel gesto. Non so quando riusciro' a vedere la mia amica se da un lato vorrei continuare a procastinare il nostro incontro dall'altro ho voglia di vederla, la mia lotta interiore e' davvero dura, forse dovrei lasciare fare a lei cosi da trovarmi davanti al fatto compiuto, un po' cosi come ha fatto mia cugina, a volte abbandonarsi agli eventi senza battagliare sempre credo che sia la cosa migliore, anche se visto il mio carattere cocciuto predico bene e razzolo malissimo :whistle: .
Vi abbraccio tutte
Ross
p.s.Per Dani
certo che non mi dispiace che tu mi abbia chiamato con il nome di Maria, un po' mi ci sono abituata un po' mi fa piacere perche' siamo diventate inscindibili
Nessuna Notte e' tanto lunga da non permettere al Sole di sorgere ancora...
Ringraziano per il messaggio: spilla75, DANI81, Doris

Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 30/08/2011 21:24 #96458

  • elenacaiani
  • Avatar di elenacaiani
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 7
  • Ringraziamenti ricevuti 16
Ciao,
anche io in questi ultimi giorni ho avuto pensieri simili. Il 10 di luglio la mia migliore amica mi ha detto di aspettare il suo secondo bimbo e che, al momento, non lo voleva dire a nessuno, nemmeno ai suoi genitori. La notte del 19 luglio, a 38 settimane, è nata Elena, il mio angelo... Purtroppo quando sono arrivata in ospedale lei era già volata via, senza che me ne fossi accorta prima. La mia amica si è letteralmente catapultata in ospedale e mi è stata vicino per tutta quella tremenda giornata (e lo è ancora). Certo, l'affetto che ci unisce da tempo fa si che pensando alla gioia che sta provando io soffra di più, non per invidia, ma perchè a me manca. Così, l'altro giorno le ho chiesto scusa in anticipo perchè non so se avrò il coraggio di andare in ospedale a trovarla quando partorirà, lei ha capito e mi ha confessato che si sentirebbe a disagio...lei felice e io triste perchè Elena non c'è più. Poi ho pensato...sei lei, da mamma, ha avuto il coraggio di accompagnarmi nel dolore più straziante della vita, perchè io, da mamma, non devo trovare il coraggio di accompagnarla nel momento più felice?
Manuela
Ringraziano per il messaggio: claudia, Maria, damap, Chiara75, peonia, Rosanna71, leuca, niamh, Doris, elifede

Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 30/08/2011 22:31 #96464

  • claudia
  • Avatar di claudia
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Messaggi: 2028
  • Ringraziamenti ricevuti 3586
Cara Manuela,
quello che dici è davvero molto bello.
Ti ringrazio, un bacio ad Elena tesoro celeste.
Claudia
Che io possa avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le scelte dove pensavo non ce ne fossero\"

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 05/04/2012 06:14 #115582

  • linda_ge
  • Avatar di linda_ge
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 146
  • Ringraziamenti ricevuti 335
succede anche a me...
sono venuta qui alla ricerca di risposte...ho velocemente letto i vari post dal 2008 in poi...
la condivisione di pensieri ed emozioni simili...paura, terrore, ansia, gratitudine, tenerezza...
ma continuo a chiedermi PERCHE'...
PERCHE' sento la voragine?
non augurerei questo dolore al peggior nemico ma perchè provo fastidio e invidia?

in questo percorso non è sempre stato così, c'è stato un momento, non troppo lontano in cui il mio giacomo era così il mio bambino che l'unica differenza era che gli altri non lo vedevano...io lo sentivo...
ora continua ad essere così, sono mamma tra terra e cielo, ne sono fiera, talvolta ringrazio per questa dimensione sconosciuta...ma ora sto di nuovo malissimo per come reagisco, per la voglia di fermare il tempo al mio dolore, alla MIA nascita, al MIO parto...
non ho voglia di sentire le mamme scrivere su fb dei loro bambini e di quanto siano belli e cicciotti i loro piedini...non ho voglia di sapere quanto pesava e se dorme la notte, se ciuccia o se piange...
mi sento orribile per questo ma lo sento e mi ferisce due volte, la seconda è per il senso di colpa...
eppure lavoro con i bambini, con le mamme, il mio nipote bello è nato 4 mesi prima di giacomo e lo adoro...solo i primissimi tempi faticavo, ma poi ho avvertito serenamente che quella era un altra storia, non era la mia, che la mia racconta di un bimbo perfetto e bellissimo ma immobile...
perchè allora questo riaccuirsi di un dolore? perchè accanirsi su ciò che di più bello esiste al mondo? perchè questo disagio?...
lo chiedo direttamente a claudia, in quanto professionista della mente umana, in quanto mamma...perchè questa reazione ci accumuna tutte?
è gelosia? di cosa? del bisogno carnale dei nostri figli?...ma questo non passerà mai e allora sarà sempre così, allora ogni pancia sarà questa fatica?...
forse sento meno giacomo dentro e quindi ne ho più bisogno fisicamente?...
non capisco, sono confusa, queste reazioni mi turbano...vorrei gioire per una nascita e non invidiare...mi sento orribile...mi dico di accettare anche queste emozioni...ma perchè mi sembrava di aver trovato un equilibrio, di sentirmi mamma a tutti gli effetti e poi basta un bracialettino a farmi male?...tanto male...
mica posso chiudere gli occhi , mica posso pretendere che nessuno aspetti un bambino...
non è sempre così ma stasera voglio solo chiudere gli occhi e non sentire così male...
Ringraziano per il messaggio: Maria, labruse, Chiara75, Cinzia65, Doris, GIORGIA, sabrina13, tanjagirgenti

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 06/04/2012 17:18 #115639

  • lory76
  • Avatar di lory76
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 261
  • Ringraziamenti ricevuti 63
io dopo Asia, ho avuto un'altra bimba...Maela ha 20 mesi..sono passati 3 anni dalla morte di Asia , ma le nuove gravidanze e nascite mi provocano ancora una grandissima invidia...il primo pensiero quando so di una nuova gravidanza è sempre "speriamo sia maschio" (cosa cambia?? mah!!) provo un disagio, un fastidio, forse anche cattiveria, un senso di colpa per non essere felice per gli altri....un'immensa invidia perchè quella grandissima felicità e spensieratezza che provano le altre me l'hanno scippata x sempre...invidia x quei pensieri stupidi e banali che non mi sfiorano nemmeno l'anticamera del cervello....invidia x' non sentono quel vuoto lacerante a livello di viscere che si prova (e mi auguro non proveranno mai..) sapendo di nuove gravidanze, vedendo pance e nella quotidianità della vita....invidia pura x' a me manca e mancherà per sempre una parte di me...mia FIGLIA!!
non mi piace per niente questa mia reazione ma non sono ancora riuscita a "modificarla"....

Questa immagine è nascosta per gli ospiti.
Effettua il login o registrati per vederlo.



Lory con Maela e la nostra grande stellina in cielo Asia.....
Ringraziano per il messaggio: Chiara75, GIORGIA, linda_ge

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 06/04/2012 17:37 #115642

  • tanjagirgenti
  • Avatar di tanjagirgenti
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 430
  • Ringraziamenti ricevuti 724
...e sì...quanti sentimenti contrastanti nel vedere le altre pance...
un po' è dolore perchè io non ho più la mia, un po' è gioia perchè quella pancia quel bimbo/a che nascerà sarà dell'età di Joel e così mi posso immaginare come sarebbe stato, posso fare mie solo mie queste fantasie, ma poi di nuovo si sente il vuoto la mancanza e poi ancora penso che non devo essere invidiosa perchè io non consco la storia della pancia che vedo, non conosco nulla di lei, non so cosa è stata e cosa sarà, non conosco le sue gioie e le sue sofferenze. Torno a pensare a me a ciò che è stato a ciò che non sarà mai, a volte piango a volte sospiro forte e non piango a volte sorrido e torno ad amare la mia vita con il suo dolore.
...lui ora è il nostro angelo...ma non uno qualunque...
...lui non ha le ali e l'aureola...lui è molto più speciale...
...è fatto di polvere di stelle...amore, sogni e speranza!!!
Ringraziano per il messaggio: Chiara75, linda_ge, elifede

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 06/04/2012 20:22 #115653

  • linda_ge
  • Avatar di linda_ge
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 146
  • Ringraziamenti ricevuti 335
"tornare ad amare la mia vita con il suo dolore" è esattamente quello che non riesco a fare in questo momento...mi sembra di essere tornata a novembre...sento un invadente ed invalidante dolore...
Ringraziano per il messaggio: Cinzia65, GIORGIA

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 06/04/2012 22:27 #115657

  • Betty81
  • Avatar di Betty81
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 364
  • Ringraziamenti ricevuti 523
"I bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri"..un problema per me..

Ci pensavo proprio l'altro giorno e ora che ho letto un pò di questo post ho capito che è normale trovarsi in difficoltà di fronte a loro ma che è importante affrontare anche questa cosa, piano piano ma la dovrò affrontare.

Proprio l'altro giorno ho incrociato una mamma, con il suo bimbo nel passseggino, che aveva fatto il corso preparto con me, mi sono sentita subito a disagio, l'ho salutata ma non mi sono avvicinata a guardare il suo bambino, non so nemmeno io la ragione precisa, sono tante cose messe insieme..mi rendo conto che ho paura a guardarlo come se guardando lui vedessi in modo ancora più chiaro il non esserci più di Riccardo, ho paura di mettere in difficoltà le mamme di questi bimbi, ho paura di riaprire maggiormente la mia ferita e ricadere nel buio, ho paura di tornare a rifarmi le solite domande senza risposta..perchè loro sì e io no????

Ho sempre amato i neonati e le nascite sin da piccola, mi ha sempre riempito di gioia e tenerezza andare a vedere un nuova vita al punto che ho deciso di fare la puericultrice.
Ora mi capita di pensare e chiedermi il perchè la vita mi abbia portato ad avere paura della cosa che più ho amato fino ad ora e mi rendo conto che devo imparare a superare queste difficoltà che si sono presentate sul mio cammino perchè sento dentro di me che io amo ancora e tanto i neonati, i bambini e non è giusto avere paura di loro.
A volte credo, che essendo stata la mia vita incentrata sui bambini ,che io debba occuparmi non solo di quelli in terra ma anche di quelli in cielo, come se il mio destino fosse scritto così e solo un giorno potrò capire perchè.

Il mio problema principale per me sono i maschietti, o appena nati o quelli nati lo stesso anno di Riccardo, gli altri bimbi mi fanno solo un pò intrstire quando li vedo abbracciati alle loro mamme perchè mi manca tanto quell'abbraccio che non ho mai dato al mio bambino.

Una mia collega ha avuto un bambino poco tempo fa e per ora non la sono ancora andata a trovare anche se a volte vorrei..so che se non avessi perso Riccardo sarei già andata,ma sono purtruppo frenata, frenata dalla paura di vedere lei felice con il suo piccolo tra le braccia e vedere in lei quella felicità che avrei dovuto assaporare anche io e che invece si è trasformata nel dolore più grande che abbia mai provato.

Sono una persona che tendenzialmente affronta le difficoltà e non si tira indietro ma questa volta sento che mi ci vuole ancora un pò di tempo, non so se sbaglio, se mi sto solo nascondendo e se il momento giusto non arriverà se non mi sforzo un pò, lo chiedo anche a voi care mamme.

Betty
Ringraziano per il messaggio: Chiara75, Cinzia65, RomiAndre, sabrina13, linda_ge

Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 07/04/2012 05:59 #115684

  • Doris
  • Avatar di Doris
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 545
  • Ringraziamenti ricevuti 1871

linda_ge ha scritto: ma continuo a chiedermi PERCHE'...
PERCHE' sento la voragine?
non augurerei questo dolore al peggior nemico ma perchè provo fastidio e invidia?

in questo percorso non è sempre stato così ... ma ora sto di nuovo malissimo per come reagisco, per la voglia di fermare il tempo al mio dolore, alla MIA nascita, al MIO parto...

è gelosia? di cosa? del bisogno carnale dei nostri figli?...ma questo non passerà mai e allora sarà sempre così, allora ogni pancia sarà questa fatica?...
forse sento meno giacomo dentro e quindi ne ho più bisogno fisicamente?...


Sentire la voragine, forse non smetteremo mai. Con modalità sempre nuove, spesso sorprendenti. Io non ho mai avuto particolari problemi con le pance e i bambini altrui, a meno che s'inserissero in una costellazione che richiamava quella della nostra famiglia.
Fastidio, invidia, gelosia: non so. Gli altri non sono così importanti. Credo che la chiave sia proprio nel bisogno carnale dei nostri figli, in una storia che è solo nostra e che richiede spazio ed energia. Il tempo non si è fermato al nostro parto, al nostro dolore, ma quello che è successo è troppo grande per essere affrontato in una volta sola, una volta per tutte. E così ci ritorniamo, ancora e ancora.
Non penso che questo richiamo fisico, questo nostro struggente desiderio di stringere al petto i nostri figli, significhi un sentirli meno spiritualmente. Sono due dimensioni diverse, che non possono sostituirsi l'una all'altra. Noi dobbiamo farci bastare l'amore, ma il nostro corpo reclama carezze, non sempre, magari di rado, però ogni tanto fa sentire la sua voce.
La fa sentire quando vediamo qualcosa che ci manca, quando la felicità fa da liquido di contrasto e impedisce a tutto il resto di nascondere un vuoto.
E non è necessariamente solo la felicità altrui ad avere questo effetto. Con la pancia che cresce e una bambina in arrivo, a 17 mesi dalla morte di Ettore, ho dei momenti di profonda nostalgia del mio bambino, in particolare dopo le ecografie.
Non sono felice, sono gelosa di me stessa perché la mia bambina sta bene? È una domanda assurda. Ma non è assurdo che mi manchi Ettore. Non sono un'asceta. Vivo anche col mio corpo e il mio corpo ha concepito, nutrito e partorito un bambino che non è qui e che non è "rimpiazzabile" né da chi è venuto prima di lui, né da chi verrà dopo.
Ci sono dei momenti in cui sono perfettamente felice? Sì. Ma ci sono anche dei momenti in cui piango per lui. E va bene così, è il prezzo da pagare per la sua esistenza (non vorrei non averlo avuto). Va bene anche se mi scendono le lacrime davanti alla foto della bimba neonata di un'amica con i suoi due fratelli, che hanno l'età dei miei figli. Io quella foto non l'avrò, Ettore fisicamente non ci sarà. Nella nostra famiglia lui c'è, su quella foto magari ci sarà il suo cavallino o qualcosa che a noi parla di lui, ma non ci sarà un bambino di un anno e mezzo, non ci saranno i suoi occhi che non ho mai visto aperti. E avrei tanto voluto che ci fossero.
Ringraziano per il messaggio: Chiara75, LaMiaAlessia, franci81, ela, RomiAndre, Nico79, GIORGIA, Lumar, sabrina13, linda_ge e 3 altre persone hanno anche detto grazie.

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 21/08/2012 16:54 #125003

  • lallacib
  • Avatar di lallacib
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 75
  • Ringraziamenti ricevuti 65
sarebbe dovuta nascere intorno al 14/08/2012.. ma non c'è...
in compenso è nata la bimba di una collega, il bimbo di una mia compagna di universita'.... ma non ho il coraggio di sentirla di chiederle come va... fra un mese nascera' anche vittoria la bimba di un altra mia compagna di studi... l'ho sempre e solo sentite per telefono da aprile non ho piu' avuto il coraggio di affrontarle... non ce la faccio.. vedo loro felici e non voglio piangere con loro.. essere mamma è una cosa cosi bella e mi metto nei loro panni che non saprebbero magari come consolarmi se piango ,e io non saprei come fare... non riesco ..

mi chiedo solo perchè nascono tutti e la mia no....
lo so sono domande che non portano da nessuna parte ma ora ho voglia solo di farmi queste domande... di farmi invadere dalla tristezza e di piangere a non finire..
la mia paura pero' è quella che la possa soppraffarmi questa tristezza.. non ho voglia di vedere nessuno e niente... qualsiasi cosa mi irrita. ma io non sono mai stata cosi'...

e mi dispiace per alberto.. lui mi dice il passato è passato , dobbiamo pensare al presente e vivere.. io invece a volte chiedo solo di non esserci piu'... è normale? vorrei urlare, strapparmi i capelli la testa mi scoppia...

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 22/08/2012 02:43 #125041

  • doppiaics
  • Avatar di doppiaics
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 16
  • Ringraziamenti ricevuti 5
carissima, siamo tutte in questa condizione..
se leggi i post passati in questo thread te ne rederai conto.
Anche io mi sentivo e volte mi sento un mostro per non partecipare alla felicità delle mie amiche incinte.
quello che ho capito venedo qui, è che devo dare spazio alle mie emozioni TUTTE.
Come dici tu: hai solo voglia di farti domande senza risposta e inutili e di essere arrabbiata. Fallo. accogli tutte le tue emozioni, quando senti un po' di serenità godila, ricaricati, è come un vento fresco nella calura estiva. Non pensare a quanti durerà. vivi il momento presente.
E sopratutto ripetiti: Non sono egoista, non sono cattiva, non sono invidiosa, non sono una brutta persona :SONO UNA MAMMA CHE HA PERSO IL SUO BAMBINO. chi non ti capisce, non ti aspetta o non ha pazienza, non ti merita.
e per quanto riguarda i nostri compagni, beh loro hanno spesso un altro modo di metabolizzare il dolore, ma sofforno con noi e come noi.
un abbraccio forte forte..aspettando che anche questo momento di disperazione passi.
Ringraziano per il messaggio: linda_ge, lallacib

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 22/08/2012 23:36 #125115

  • Marti
  • Avatar di Marti
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 32
  • Ringraziamenti ricevuti 24
Grazie per questo messaggio, anche io sono nella stessa situazione.
La mia bambina mi ha lasciato il 10 luglio a 20 settimane. I primi di agosto e' nato il bambino della mia amica e collega. Fino a due giorni prima della tragedia eravamo al mare io, lei e le nostre pance, ma anche se io non lo sapevo Rebecca non c'era gia' piu'.
Riguardo le foto e mi sembra impossibile, quelle pance non ci sono piu' ma lei adesso ha il suo bimbo tra le braccia, le mie sono vuote.
Quando ho saputo della nascita tramite sms ho pianto. Perche' non poteva essere lo stesso anche per me? Invidiosa? Direi proprio di si, chi non invidierebbe il fatto che il bambino di un'altra mamma e' vivo ed il suo no?
Dopo qualche giorno le ho mandato un sms chiedendo scusa per non essere andata a trovarla, che avrei voluto ma che stavo troppo male, e' una persona intelligente, so che capisce, ma non so se la nostra amicizia potra' essere quella di prima. Mi sembra di averla tradita, e quasi mi sento tradita io. I nostri bambini sarebbero dovuti crescere insieme, ci sarebbe dovuta essere anche la mia, e so che di questo la mia amica non ne ha colpa, nessuno ne ha.
In questo mese e mezzo ho avuto tanti problemi ed ho frequentato molto gli ospedali. Ho visto tante pance, tante mamme in attesa e sono stata invidiosa, non le potevo guardare. Ho pianto tanto. Poi con alcune di loro ho dovuto parlare, e non so perche' mi sono sempre capitate mamme speciali con storie terribili alle spalle. Allora la loro pancia non mi faceva più paura, ma mi dava solo tanta speranza. Quando le guardavo negli occhi vedevo comprensione davanti alle mie lacrime, perche' loro avevano provato cosa ho provato io. Saranno stati i nostri angeli a guidarmi da loro?

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 13/10/2012 04:05 #129149

  • ire81
  • Avatar di ire81
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 10
  • Ringraziamenti ricevuti 14
ciao mamme.. ho visto che non scrivete qui da un pò, ma voglio lo stesso lasciare anche il mio pensiero...
io e mia sorella eravamo incinte insieme...io ho perso il mio bambino, lei ha una bellissima gravidanza, la terza, e avrà una bambina.. Oggi mi ha chiesto perchè mi sono allontanata da lei..
beh..io non riesco a vedere la sua pancia che cresce, io sono troppo distrutta e infelice, non riesco ad essere felice per lei, per la mia nipotina. E' una cosa orribile..
Non so come uscire da questo dolore, non so come affrontare la felicità degli altri..

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 13/10/2012 14:58 #129157

  • simo72
  • Avatar di simo72
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 338
  • Ringraziamenti ricevuti 668
Cara Irene,quando sono rimasta incinta di Tommaso anche mia cognata lo era da tre mesi. Lavinia è nata il 30 Aprile,Tommaso è nato addormentato il 31 -07 a 38 sett.
Durante le nostre gravidanze parlavamo dei nostri bimbi,di come sarebbero stati legati.
Quando Tommaso se ne è andato non ho più voluto vedere la piccola.Il 17 di sett. hanno battezzato Lavinia,avevo detto fino all'ultimo che non ci sarei stata,ma poi..................ma poi ho capito che Lavinia è qui,che non è colpa sua,che lei da qui a tutti gli anni a venire mi ricorderà il mio Tommaso e i progressi che avrebbe fatto. Che cosa avrei potuto fare? Cancellarla dalla mia vita per sempre? Non sarebbe stato giusto,il mio Tommaso non lo vorrebbe.Ho promesso al mio bambino che tutto il dolore che patisco per la sua perdita piano,piano lo voglio trasformare in amore,in bene.Sono partita da lì,da mia nipote.Tutte le volte che la vedo,che mi sorride io dentro i suoi occhi vedo il mio piccolino,nei suoi stridolini sento che lui è orgoglioso della sua mamma.Anche quando incontro altre pance non provo rabbia,prego..............prego perchè a quella mamma non debba capitare quello che è capitato a noi.Riguardo agli altri bimbi non cerco di evitarli,anzi a volte ho come l'impressione che siano loro a guardarmi intensamente.A volte mi sono chiesta se sentono la presenza di Tommaso.Il percorso è lungo e difficile cara amica,ma negare agli altri un sorriso solo perchè a noi è andata male non ti aiuterà in meglio. Pensa al tuo angelo e a cosa ti risponderebbe se tu gli ponessi la stessa domanda che hai posto a noi.
Ciao un abbraccio a te e un bacio soffiato al tuo angioletto.
Simona con Chiara e Tommaso fra le nuvole
Ringraziano per il messaggio: ire81

Re: Le pance, i neonati ed i bimbi dello stesso anno di nascita dei nostri... 13/10/2012 15:25 #129158

  • miciaco
  • Avatar di miciaco
  • Offline
  • Utente
  • Utente
  • Messaggi: 46
  • Ringraziamenti ricevuti 30
Io ero incinta insieme a due mie amiche e insieme a due mie cugine...persone che prendevano la gravidanza in modo superfluo, che si mettevano a saltare su per le scale, che non si facevano problemi a fare sforzi... io ho cercato di preteggere mio filgio stando immobile in un letto per sette mesi, io l' ho perso per sempre, tutte le altre hanno partorito, non sono riuscita ad andare a trovarle perchè non ce la faccio proprio a vedere la gioia, di vederle mentre tengono in braccio i propri figli, è tremendo ma provo una tale rabbia mista a odio, è così! qualche giorno fa ho incontrato una mia cugina che ha partorito proprio quando doveva nascere Giò, è passato quasi un anno ho visto quel bambini che camminava solo, è stato un attimo sono corsa a casa, mi sono chiusa in me stessa ho pensato che mio figlio non imparerà mai a camminare, mio figlio è immobile cosa ha mai pututo fare, perchè lui , perchè due volte mi è stato negata la gioia di diventare mamma, perchè vedo tutti felici e invece vedo mio marito tragicamente triste, perchè ho dovuto affrontare nella vita situazioni così tragiche, perchè dopo un anno vorrei tanto gridare a tutti che sto soffrendo e che non posso vivere senza i miei figli, perchè provo questo rifiuto per tutti gli altri bambini? Vorrei tanto chiudere gli occhi e almeno aver vissuto un giorno con lui, vorrei tanto non dover andare ad un cimitero ma ad un asilo per trovarlo, vorrei tanto vedere la sua culla accanto al letto e impazzire di gioia e di amore, lo avrei amato con tutta me stessa...MI MANCA TANTO!
Ringraziano per il messaggio: Marti
Tempo creazione pagina: 0.242 secondi